Litioforite

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Litioforite
Classificazione Strunz IV/F.07-10[senza fonte]
Formula chimica (Al,Li)Mn++++O2(OH)2[2]
Proprietà cristallografiche
Gruppo cristallino dimetrico
Sistema cristallino trigonale[2][1], monoclino<re[3]
Classe di simmetria esagonale scalenoedrico[2][1]
Parametri di cella a: 2,9247, c: 28,169[2]
Gruppo puntuale 3 2/m[2][1]
Proprietà fisiche
Densità 3,14-3,37[2] g/cm³
Durezza (Mohs) 2,5[2]-3[2][1]
Sfaldatura perfetta[2][1] secondo {0001}[2]
Frattura settile[2]
Colore nero[2][1][3], nero bluastro[2][3], blu[1]
Lucentezza metallica[2][1][3]
Opacità opaco[2][3]
Striscio grigio nerastro[2], da grigio nerastro a nero[1]
Diffusione non comune[3]
Si invita a seguire lo schema di Modello di voce – Minerale

La litioforite è un minerale.

Abito cristallino[modifica | modifica wikitesto]

Botrioidale[2],

Origine e giacitura[modifica | modifica wikitesto]

Comune costituente del "Wad" nelle zone dei giacimenti idrotermali e depositi sedimentari di manganese ossidati[2].

Forma in cui si presenta in natura[modifica | modifica wikitesto]

Massiva, dendritica, botrioidale, compatta o, più raramente, in fini pagliette o in cristalli dalla forma tabulare con perimetro esagonale[3].

Proprietà chimico fisiche[modifica | modifica wikitesto]

Località di ritrovamento[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e f g h i j Scheda tecnica del minerale.org
  2. ^ a b c d e f g h i j k l m n o p q r s t u v w Scheda tecnica del minerale su webmin
  3. ^ a b c d e f g h i j Autori vari, Boulangerite in "Come collezionare i minerali dalla A alla Z, vol. I, pagg. 172-173, Peruzzo editore (1988), Milano

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Webmin, webmineral.com.
Mineralogia Portale Mineralogia: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di mineralogia