Lingua daur

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Daur
Parlato inCina, Mongolia
RegioniMongolia interna, [Distretto di Hailar; Provincia di Heilongjiang, Prefettura di Qiqihar; Xinjiang, Prefettura di Tacheng
Locutori
Totale96100 in Cina (1999)
Tassonomia
FilogenesiLingue altaiche
 Lingue mongoliche
  Lingue mongoliche orientali
Codici di classificazione
ISO 639-3dta (EN)
Linguist Listdta (EN)
Glottologdaur1238 (EN)

La lingua Daur (ˈ|d|aʊər)[1] o Dagur è una lingua appartenente alla Famiglia linguistica Mongolica parlata soprattutto dai membri del popolo Daur stanziati nella Mongolia Interna in Cina.

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Il Daur consiste di diversi dialetti, i principali sono: Amur Daur nella zona della città di Heihe, il Nonni Daur nella riva occidentale del fiume Nen a sud della città di Qiqihar, Hailar Daur parlato nel distretto di Hailar, e, più lontano, nello Xinjiang nella Prefettura di Tacheng.[2]

Non esiste uno standard di scrittura per la lingua, anche se è stato introdotto un sistema basato sul Pinyin per trascriverla; in generale, i Daur usano il mongolo o il cinese, in quanto quasi tutti conoscono queste lingue molto bene.[3]

Ai tempi della Dinastia, il Daur veniva scritto utilizzando l'Alfabeto Manciù.[4]

Lessico[modifica | modifica wikitesto]

Il daur ha il 50% del vocabolario in comune col Mongolo, mentre ha preso in prestito dal 5 al 10% delle sue parole dal Cinese[5], il 10% dalla Lingua mancese ed anche parecchi vocaboli dalla lingua evenki e dal russo. Quindi solo circa il 20% dei vocaboli sono specifici del Daur.[6]

Numerali[modifica | modifica wikitesto]

Tutti i numerali sono hanno un'origine Mongolica.

Italiano Mongolo Classico Daur
1 Uno Nigen Nyk
2 Due Qoyar Xoyir
3 Tre Ghurban Gwarbyn
4 Quattro Dorben Durbun
5 Cinque Tabun Taawyn
6 Sei Jirghughan Jirgoo
7 Sette Dologhan Doloo
8 Otto Naiman Naimyn
9 Nove Yisun Isyn
10 Dieci Arban Xarbyn

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Laurie Bauer, 2007, The Linguistics Student’s Handbook, Edinburgh
  2. ^ Tsumagari 2003: 129, Sengge 2004: 616
  3. ^ Tsumagari 2003: 129
  4. ^ Engkebatu 2001
  5. ^ Sengge 2004b
  6. ^ Tsumagari 2003: 151-152

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Üjiyediin Chuluu, Introduction, Grammar, and Sample Sentences for Dagur (PDF) (Philadelphia, University of Pennsylvania), Sino-Platonic Papers, 1994.
  • Engkebatu (2001): Cing ulus-un üy-e-dü dagur kele-ber bicigdegsen jokiyal-ud-un sudulul. Kökeqota: Öbür monggol-un yeke surgaguli-yin keblel-ün qoriy-a.
  • Namcarai e Qaserdeni, Daγur kele ba mongγul kelen-ü qaričaγulul (Öbür mongγul-un arad-un keblel-ün qoriy-a), 1983, OCLC 45024952.
  • Oyunčimeg (a cura di), Mongγul sudulul-un nebterkei toli (Kökeqota, Öbür mongγul-un arad-un keblel-ün qoriy-a), 2004, ISBN 978-7-204-07745-8, OCLC 67279589.
  • Sengge (2004): Daγur kele. In: Oyunčimeg 2004: 616-617.
  • Sengge (2004a): Daγur kelen-ü abiy-a. In: Oyunčimeg 2004: 618.
  • Sengge (2004b): Daγur kelen-ü üges. In: Oyunčimeg 2004: 619.
  • Sengge (2004c): Daγur kelen-ü kele ǰüi. In: Oyunčimeg 2004: 618-622.
  • Tsumagari, Toshiro (2003): Dagur. In: Janhunen, Juha (ed.) (2003): The Mongolic languages. London: Routledge: 129-153.
  • Yu, Wonsoo, Jae-il Kwon, Moon-Jeong Choi, Yong-kwon Shin, Borjigin Bayarmend, Luvsandorj[iin] Bold (2008): A study of the Tacheng dialect of the Dagur language. Seoul: Seoul National University Press.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Linguistica Portale Linguistica: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di linguistica