Lingua evenki

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Lingua evenki
Parlato in Russia, Cina, Mongolia
Locutori
Totale 17.130
Altre informazioni
Scrittura Alfabeto cirillico
Tassonomia
Filogenesi Lingue altaiche
 Lingue tunguse
Codici di classificazione
ISO 639-3 evn (EN)

La lingua evenki,[1] conosciuta anche come ewenki, ewenke, owenke, solon o suolun,[2] è una lingua tungusa parlata in Cina, Russia e Mongolia.

Distribuzione geografica[modifica | modifica wikitesto]

Secondo Ethnologue,[2] la lingua evenki è parlata complessivamente da 17.130 persone. In Cina nel 2007 si stimavano 11.000 locutori, stanziati in prevalenza nella Mongolia Interna, in Heilongjiang e in Sinkiang. Al censimento russo del 2010 risultava parlata da 4.800 persone, principalmente nel Circondario degli Evenki, nel Circondario del Tajmyr e nella Sacha-Jacuzia. Per la Mongolia la stima di 1.000 locutori risale al 1992.

Classificazione[modifica | modifica wikitesto]

Secondo Ethnologue,[2] la classificazione della lingua evenki è la seguente:

Sistema di scrittura[modifica | modifica wikitesto]

Per la scrittura si usa l'alfabeto cirillico.[2]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ URSS - Enciclopedia Italiana - V Appendice (1995) su Treccani.it – Enciclopedie on line, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 15 marzo 2011.
  2. ^ a b c d (EN) Lewis, M. Paul, Gary F. Simons, and Charles D. Fennig (eds), Evenki in Ethnologue: Languages of the World, Seventeenth edition, Dallas, Texas, SIL International, 2013.