Legge 9 luglio 1990, n. 185

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

La legge 9 luglio 1990, n. 185 è una legge della Repubblica Italiana che disciplina il commercio delle armi.

Cenni storici[modifica | modifica wikitesto]

Venne approvata nel 1990 a seguito di alcuni scandali, quali ad esempio il coinvolgimento di una filiale statunitense di una banca italiana, la Banca Nazionale del Lavoro di Atlanta, nella vendita illegale di armi all'Iraq di Saddam Hussein, ai tempi della prima guerra del Golfo.

Contenuto[modifica | modifica wikitesto]

La legge prevede che ogni anno i differenti dicasteri interessati, per quanto di rispettiva competenza, preparino una relazione da presentare al Parlamento italiano entro il 31 marzo, per le operazioni relative all'anno precedente in materia di importazione ed esportazione dei sistemi di armamento da e per l'Italia.

La norma impedisce inoltre che sistemi d'arma italiani possano essere venduti a Stati in guerra, che violano gravemente i diritti umani e che rientrino in quelli che vengono definiti Heavily Indebted Poor Country.

Dati statistici[modifica | modifica wikitesto]

Nel 2018, l'export dell'Italia è stato pari a un valore di 4 miliardi e 613 milioni, in decremento rispetto ai 7 miliardi e 437 milioni dell'anno precedente. Il primo paese per l'export è stato il Qatar (un miliardo e 923 milioni), seguito dal Pakistan (682,9 milioni), dalla Turchia /(362,3 milioni) e dagli Emirati Arabi Uniti (220,3 milioni).[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Michele Arnese, Leonardo, ecco come Conte silura Di Maio sulla Turchia, su startmag.it, 17 ottobre 2019. URL consultato il 2 marzo 2020 (archiviato il 2 marzo 2020).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • "Armi d'Italia. Protagonisti e ombre di un made in Italy di successo" di Riccardo Bagnato e Benedetta Verrini.
  • "Il caro armato" di Francesco Vignarca e Massimo Paolicelli.
  • "Annuario Armi-Disarmo Giorgio La Pira. Le spese militari nel mondo: il costo dell'insicurezza" di Chiara Bonaiuti e Achille Lodovisi.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]