Legalize It

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Legalize It
Artista Peter Tosh
Tipo album Studio
Pubblicazione 1976
Durata 38 min : 08 s
Dischi 1
Tracce 9
Genere Roots reggae
Political reggae
Etichetta Columbia Records (PC 34253)Stati Uniti
Island Records (ILPS 9414) o Virgin Records (V 2061)Regno Unito
Intel Diplo Records (no codice)Giamaica
Produttore Peter Tosh
Arrangiamenti Peter Tosh
Registrazione Randy's, Kingston
Treasure Isle, Kingston
Formati LP
Peter Tosh - cronologia
Album precedente
Album successivo
(1977)
Recensioni professionali
Recensione Giudizio
Allmusic 4.5/5 stelle[1]
Robert Christgau B[2]
Sputnikmusic 5.0 (Classic)[3]
Pop Matters 9/10 stelle[4]

Legalize It è il primo album solista del cantante reggae giamaicano Peter Tosh, prodotto dalla Columbia Records nel 1976. Il lavoro arriva tre anni dopo l'ultimo album dei Wailers, gruppo di cui Tosh faceva parte assieme a Bob Marley e Bunny Wailer, il primo collabora nel testo di Why Must I Cry, mentre il secondo nel testo di Till Your Well Runs Dry.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

Lato A
  1. Legalize It – 4:10 (Peter Tosh)
  2. Burial – 3:55 (Peter Tosh, Neville Livingston)
  3. Whatcha Gonna Do – 2:28 (Peter Tosh)
  4. No Sympathy – 4:30 (Peter Tosh)
  5. Why Must I Cry – 3:12 (Peter Tosh, Bob Marley)
Lato B
  1. Igziabeher (Let Jah Be Praised) – 4:38 (Peter Tosh)
  2. Ketchy Shuby – 4:59 (Peter Tosh)
  3. Till Your Well Runs Dry – 6:11 (Peter Tosh, Neville Livingston)
  4. Brand New Second Hand – 4:05 (Peter Tosh)

[5]

Musicisti[modifica | modifica wikitesto]

Note aggiuntive

  • Peter Tosh - produttore e arrangiamenti
  • Lee Jaffe - produttore associato, fotografia
  • Gary Kurfirst - coordinatore alla produzione
  • Registrazioni effettuate al Treasure Isle ed al Randys di Kingston, Jamaica
  • Karl Pitterson e Jerry Smith - ingegneri delle registrazioni
  • Mixato al CBS Studios di New York
  • Seth Shaw, Madeline Scott e Kim Gottlieb - fotografi aggiunti
  • Andy Engel - design album
  • Ringraziamenti speciali: Yuck, Arma Anden, Jim Feley, Mike Pillot, Ron McCarrell, Dick Wingate e Andy Engel[6]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Vik Iyengar, Legalize It, su AllMusic, All Media Network. URL consultato il 23 aprile 2016.
  2. ^ [1]
  3. ^ [2]
  4. ^ [3]
  5. ^ Titoli autori e durata brani ricavati dalle note su vinile LP Columbia PC 34253, 1976
  6. ^ Note di copertina di Legalize It, Peter Tosh, Columbia Records PC 34253, 1976.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • L'album sull'All Music Guide
  • L'album su Roots Archive
  • (EN) Legalize It, su Discogs, Zink Media. URL consultato il 23 aprile 2016. (LP - Titoli autori e durata brani - no musicisti - crediti vari)
  • (EN) Legalize It, su Discogs, Zink Media. URL consultato il 23 aprile 2016. (LP - Titoli autori e durata brani - musicisti - crediti vari)
reggae Portale Reggae: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di reggae