Le armi di Eva

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Le armi di Eva
MainTitleFashions1934Trailer.jpg
Titolo originaleFashions of 1934
Lingua originaleinglese, francese
Paese di produzioneUSA
Anno1934
Durata78 min
Dati tecniciB/N
rapporto: 1,37 : 1
Generecommedia, musicale
RegiaWilliam Dieterle
SoggettoHarry Collins e Warren Duff
SceneggiaturaF. Hugh Herbert e Carl Erickson Gene Markey e Kathryn Scola (adattamento, non accreditati)
ProduttoreHenry Blanke (non accreditato)
Casa di produzioneFirst National Pictures (controlled by Warner Bros. Pictures Inc.)
Distribuzione (Italia)Warner Bros
FotografiaWilliam Rees
MontaggioJack Killifer
MusicheSammy Fain e Irving Kahal
ScenografiaJack Okey e Willy Pogany
CostumiOrry-Kelly
TruccoPerc Westmore (non accreditato)
Interpreti e personaggi

Le armi di Eva (Fashions of 1934 o Fashion Follies) è un film del 1934 diretto da William Dieterle con delle scene musicali create e dirette da Busby Berkeley.

La sceneggiatura di F. Hugh Herbert e Carl Erickson è basata sulla storia The Fashion Plate di Harry Collins e Warren Duff.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Bette Davis e William Powell in uno dei tanti battibecchi del film

Sherwood Nash, dopo aver subito un fallimento finanziario a Wall Street, entra in società con la stilista Lynn Mason. Insieme a Scat, suo socio, e a Lynn, progetta di studiare la commercializzazione di una linea di abiti presi dalle case di moda parigine, adattati per la grande distribuzione a basso costo.

Lynn scopre che il sarto parigino Oscar Baroque trova ispirazione per le sue collezioni da un vecchio libro di costumi: decide così di fare lo stesso, copiando i modelli del libro e firmandoli direttamente con il suo nome.

Sherwood incontra la socia di Baroque, la presunta granduchessa Alix che, in realtà, è una sua vecchia conoscenza, Mabel McGuire, anche lei nata e cresciuta come lui a Hoboken, una cittadina del New Jersey. L'uomo la minaccia di rivelare la verità se Mabel non riuscirà a convincere il sarto a firmare i costumi di un musical che vuole mettere in scena. Baroque, convinto da Alix, compra una fornitura di piume di struzzo per i costumi della rivista.

Intanto, Sherwood apre una nuova casa di mode a Parigi, la Maison Elegance. Ma Baroque denuncia Lynn per aver copiato i suoi modelli. Sherwood riesce a fare rientrare le accuse, usando di nuovo la minaccia di far sapere a tutti chi sia davvero Alix, che sta per sposarsi con Oscar. Il sarto prenderà in gestione la casa di mode, mentre Sherwood e Lynn salgono sul piroscafo che li riporterà in America.

Produzione[modifica | modifica wikitesto]

Il film fu prodotto dalla First National Pictures (controlled by Warner Bros. Pictures Inc.). Venne girato nell'ottobre e nel novembre 1933[1].

Distribuzione[modifica | modifica wikitesto]

Distribuito dalla Vitaphone Corporation e dalla Warner Bros. Pictures, il film uscì nelle sale cinematografiche USA il 14 febbraio 1934.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (EN) Gene Ringgold, The Films of Bette Davis, The Citadel Press - Secaucus, New Jersey 1966 - ISBN 0-8065-0000-X
  • (EN) Clive Hirschhorn, The Warner Bros. Story, New York, Crown Publishers, Inc., 1983, ISBN 0-517-53834-2.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Cinema Portale Cinema: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di cinema