La zampa del gatto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
La zampa del gatto
Commedia in un atto
AutoreGiuseppe Giacosa
Lingua originaleItaliano
Prima assoluta11 aprile 1883
Firenze, Arena Nazionale
Personaggi
  • Marcello
  • Fabrizio
  • Livia
  • Anselmo, vecchio domestico di Marcello
  • Clemente, domestico di Fabrizio
 

La zampa del gatto è una commedia di Giuseppe Giacosa. Venne rappresentata per la prima volta all'Arena Nazionale di Firenze l'11 aprile 1883 dalla Compagnia della Città di Torino.[1]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

La scena si svolge in casa di Marcello.

Fabrizio è un barone che lavora in diplomazia, gaudente e grossolano. Da tempo corteggia una giovane vedova e finalmente è riuscito a strapparle un appuntamento facendole credere di essere un amante delle belle arti. Vero amante delle belle arti è invece Marcello, da cui Fabrizio, dopo molte insistenze, riesce a ottenere in prestito la casa, sperando di ingannare la donna sfruttando i quadri e i libri accumulati da Marcello.

Marcello è un animo sensibile e molto impacciato. Da tempo è innamorato di una donna, ma non ha mai avuto il coraggio di professarle il proprio amore, tanto che si è rivolto alla sorella pregandola di fare da tramite. La sorella di Marcello ha mandato a questa donna una lettera scritta da Marcello, certa che ricevendola lei si recherà subito dal fratello ricambiandone l'offerta d'amore.

C'è però una cosa che Marcello e Fabrizio ignorano: essi stanno corteggiando la stessa donna, Livia, ma la loro reticenza a parlare di questioni amorose ne ha tenuta nascosta l'identità. Livia, inoltre, non sa dove abiti il timidissimo Marcello, ne verrà a conoscenza dalla lettera inviatale tramite la sorella di quest'ultimo.

Il caso vuole che la lettera spedita dalla sorella di Marcello debba arrivare a destinazione proprio il giorno in cui Fabrizio combina l'appuntamento clandestino. Marcello lascia la casa a Fabrizio, ma temendo che Livia giunga mentre è in corso l'incontro tra Fabrizio e la sua amante rientra. Livia però ha cacciato Fabrizio ordinandogli di andarle a cercare una carrozza, avendo capito che una casa così raffinata non può appartenere al suo rozzo corteggiatore e di essere perciò caduta in una trappola. Quando giunge Marcello Livia è ancora all'oscuro della lettera che dovrebbe giungerle da quest'ultimo, ma l'equivoco si chiarisce al rientro di Fabrizio. Livia scopre l'amore di Marcello, il quale si convince che Livia aveva davvero accettato l'appuntamento solo per interessi artistici.

A Fabrizio, che aveva preso in giro l'animo poetico di Marcello dicendogli: «in amore, chi si rimane alla poesia fa la zampa del gatto che cava per altri le castagne dal fuoco», non resta che concludere: «una zampa del gatto ci fu, solo che invece di quella è stata questa».

Il testo della commedia si chiude scherzosamente con la frase latina «Sic vos non vobis mellificatis apes» (Così voi non per voi fate il miele, o api).

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Giuseppe Giacosa, Teatro. Volume II 2ª edizione, Milano, Mondadori, 1968: pagina 2

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Giacosa Giuseppe.jpg Testi teatrali di Giuseppe Giacosa
Segui progetto.png

Drammi e commedie
Al pianoforte · Chi lascia la via vecchia per la nuova, sa quel che lascia, e non sa quel che trova · Una partita a scacchi · A can che lecca cenere non gli fidar farina · Non dir quattro se non l'hai nel sacco · La gente di spirito · Storia vecchia · I figli del marchese Arturo · Intrighi eleganti · Gli annoiati · Sorprese notturne · Il trionfo d'amore · Acquazzoni in montagna · Il marito amante della moglie · Il fratello d'armi · Luisa · Il Conte Rosso · Il filo · Il punto di vista · La zampa del gatto · La sirena · L'onorevole Ercole Malladri · Resa a discrezione · La tardi ravveduta · Tristi amori · La signora di Challant · Diritti dell'anima · Come le foglie · Il più forte
Libretti d'opera e Oratori
Una partita a scacchi · La bohème · Tosca · Madama Butterfly · Caino

Portale teatro · Progetto teatro · Foyer
Teatro Portale Teatro: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Teatro