Il filo (Giacosa)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Il filo
Scena filosofico-morale per marionette
AutoreGiuseppe Giacosa
Lingua originaleitaliano e veneziano
Personaggi
  • Il Dottore
  • Florindo
  • Rosaura
  • Pantalone
  • Arlecchino
  • Colombina
  • Due burattinai che non si vedono
  • Marionette che non parlano
 

«Lori ne vede el nostro, nu ghe vedemo el suo.
Dunque lassè che diga che el filo xe invisibile
Per chi lo ga.»

(Il filo)

Il filo è un'opera teatrale in versi (più precisamente denominata scena filosofico-morale per marionette) di Giuseppe Giacosa. Venne dedicata ad Arrigo Boito, che l'autore ringrazia per avere collaborato alla revisione di alcune frasi in veneziano.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

L'azione di questo breve componimento ha luogo in un magazzino di marionette, dove queste sono appese con ampia libertà di movimento.

Il Dottore sostiene di aver letto in un libro che i burattini sono mossi da fili manovrati dagli uomini, provocando l'incredulità dei suoi compagni. Colombina propone allora di dimostrare che gli uomini hanno un filo che lega loro il cuore, e tutti si danno a ricordare meschinità e tristezze della vita umana. Anche Ovidio, ricorda il Dottore, ha scritto nelle Lettere da Ponto: «Omnia sunt hominum tenui pendentia filo».[1] Ma forse, conclude Colombina, il filo è invisibile per chi ce l'ha. I discorsi delle marionette vengono interrotti dai burattinai, che li strappano via ad uno ad uno per portarli in scena.

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Giuseppe Giacosa, Teatro. Volume I 2ª edizione, Milano, Mondadori, 1968

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Tutte le cose umane sono appese ad un sottile filo (Ovidio, Epistulae ex Ponto, Libro IV, III, 35)

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Giacosa Giuseppe.jpg Testi teatrali di Giuseppe Giacosa
Segui progetto.png

Drammi e commedie
Al pianoforte · Chi lascia la via vecchia per la nuova, sa quel che lascia, e non sa quel che trova · Una partita a scacchi · A can che lecca cenere non gli fidar farina · Non dir quattro se non l'hai nel sacco · La gente di spirito · Storia vecchia · I figli del marchese Arturo · Intrighi eleganti · Gli annoiati · Sorprese notturne · Il trionfo d'amore · Acquazzoni in montagna · Il marito amante della moglie · Il fratello d'armi · Luisa · Il Conte Rosso · Il filo · Il punto di vista · La zampa del gatto · La sirena · L'onorevole Ercole Malladri · Resa a discrezione · La tardi ravveduta · Tristi amori · La signora di Challant · Diritti dell'anima · Come le foglie · Il più forte
Libretti d'opera e Oratori
Una partita a scacchi · La bohème · Tosca · Madama Butterfly · Caino

Portale teatro · Progetto teatro · Foyer
Teatro Portale Teatro: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Teatro