Acquazzoni in montagna

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Acquazzoni in montagna
Commedia in due atti
AutoreGiuseppe Giacosa
Lingua originaleItaliano
Prima assoluta20 febbraio 1876
Roma, Teatro Valle
Personaggi
  • Baldassarre
  • Gaspare Garbini
  • Il dottore Orazio
  • Hermann Steiger guida
  • Carletto cameriere
  • Emilia moglie di Baldassarre
  • Livia giovane vedova
 

Acquazzoni in montagna è una commedia di Giuseppe Giacosa. Venne rappresentata per la prima volta al Teatro Valle di Roma il 20 febbraio 1876, dalla compagnia Ciotti-Marini.[1]

Il lavoro è dedicato «a Vittorio Bersezio».

Trama[modifica | modifica wikitesto]

La vicenda ha luogo presso l'Hôtel du Mont-Rose a Gressoney.

Atto primo[modifica | modifica wikitesto]

Baldassarre e Garbini si trovano a Gressoney in villeggiatura. Garbini progetta una pericolosa escursione al Monte Rosa con la guida svizzera Steiger. Baldassarre gli confida che sta corteggiando Livia, giovane vedova alla cui mano aspira il dottor Orazio. Garbini, caro amico e cugino della moglie di Baldassarre, Emilia, cerca di dissuaderlo.

Livia è infastidita dalle premure di Baldassarre, alla cui corte non è interessata. Quando, tramite un cameriere, Livia riceve una lettera in cui Baldassarre le propone un appuntamento notturno, nota che la lettera non è firmata e decide di giocare uno scherzo al fastidioso spasimante, facendo pervenire la lettera a Emilia, nella speranza che sia lei a recarsi al convegno col suo stesso marito. Ma Livia non sa che Emilia è interessata a Garbini: Emilia ricevendo la lettera crede che questa provenga da Garbini, il quale invece rifugge la corte della donna e non ne capisce i sottintesi quando si rivedono. Anche Orazio è messo in sospetto dagli atteggiamenti di Livia, e si convince che Garbini la stia insidiando.

Atto secondo[modifica | modifica wikitesto]

Garbini è partito per l'escursione in piena notte, ma è bastato un forte acquazzone a fargli passare la voglia di scalare il Monte Rosa ed è subito rientrato, con gran divertimento della guida e del cameriere Carletto, ai quali chiede di dire agli altri che non si è svegliato in tempo.

Lo stesso acquazzone ha fatto saltare il convegno amoroso notturno. Baldassarre ed Emilia vi si sono recati, l'uno all'insaputa dell'altra, ma è scoppiato il temporale che li ha fatti fuggire quando quasi stavano per parlarsi.

Quando tutti si ritrovano il mattino seguente, la scoperta dello scialle bagnato di Emilia e del cappello bagnato e malamente asciugato al fuoco di Garbini fa nascere una serie di malintesi. Baldassarre si convince che Emilia sia uscita per incontrare Garbini, Emilia pensa che Garbini la stesse aspettando, Orazio immagina una tresca tra Livia e Garbini. Garbini, preso nel vortice di equivoci senza capirne le ragioni, comincia a sospettare che l'acqua che si beve di Gressoney faccia impazzire.

È infine Livia a risolvere la situazione. Dopo avere imposto ad Orazio di chiederle scusa per i cattivi pensieri, mostra a tutti la lettera di Baldassarre, dicendo che l'aveva mostrata ad Emilia e che questa, riconosciuta la calligrafia del marito, aveva deciso di recarsi all'appuntamento per sorprenderlo. Baldassarre, ignorando che Emilia sperava di incontrare Garbini, resta un momento sorpreso poi pensa che questo gesto dimostri quanto la moglie gli vuole bene.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Giuseppe Giacosa, Teatro. Volume I 2ª edizione, Milano, Mondadori, 1968: pagina 412

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Teatro Portale Teatro: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Teatro
Giacosa Giuseppe.jpg Testi teatrali di Giuseppe Giacosa
Segui progetto.png

Drammi e commedie
Al pianoforte · Chi lascia la via vecchia per la nuova, sa quel che lascia, e non sa quel che trova · Una partita a scacchi · A can che lecca cenere non gli fidar farina · Non dir quattro se non l'hai nel sacco · La gente di spirito · Storia vecchia · I figli del marchese Arturo · Intrighi eleganti · Gli annoiati · Sorprese notturne · Il trionfo d'amore · Acquazzoni in montagna · Il marito amante della moglie · Il fratello d'armi · Luisa · Il Conte Rosso · Il filo · Il punto di vista · La zampa del gatto · La sirena · L'onorevole Ercole Malladri · Resa a discrezione · La tardi ravveduta · Tristi amori · La signora di Challant · Diritti dell'anima · Come le foglie · Il più forte
Libretti d'opera e Oratori
Una partita a scacchi · La bohème · Tosca · Madama Butterfly · Caino

Portale teatro · Progetto teatro · Foyer