La lunga notte (album)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
La lunga notte
Stefano Cisco Bellotti 4.jpg
ArtistaCisco
Tipo albumStudio
Pubblicazionesettembre 2006
Durata55:55
Dischi1
Tracce14
GenereFolk rock
EtichettaMescal
ProduttoreMagnelli, Bellotti
Registrazionepresso lo studio Esagono Recording di Rubiera (RE) tra aprile e maggio 2006
Note/
Cisco - cronologia
Album precedente
N/A
Album successivo
(2008)

La lunga notte è il primo album di Cisco come solista, non molto lontano dai precedenti lavori discografici con i Modena City Ramblers, di cui è stato per diversi anni la voce solista. Un album con tratti autobiografici (Come se il mondo, Questo è il momento), di impegno civile e sociale (La lunga notte, Venite a vedere) e di omaggio a personaggi cari a Cisco (Best, Tina o Sisters of mercy).

Ascoltando il disco non si può non cogliere l'invito a vivere senza cedere ai compromessi (Diamanti e carbone) o un riferimento ai viaggi di Cisco in Sudamerica (Latinoamericana), nel cuore dell'Italia più vera (Terra rossa) o nel campo di sterminio di Birkenau (A volte). Si può inoltre notare come il sentimento predominante dell'album sia la solitudine; infatti ogni personaggio (basti pensare a Che Guevara in Latinoamericana oppure Best nell'omonima canzone) o tema (ne La lunga notte, in Terra rossa, in Zelig) trattato rispecchia questo sentore. Una versione della copertina inoltre ritrae uno spaventapasseri, simbolo di umile e dura solitudine. In un'altra versione ritroviamo lo stesso Cisco nella posa dello spaventapasseri, ulteriore richiamo a quanto scritto.

Il brano che ci accompagna verso la chiusura della tracklist (Eroi, Supereroi), racchiude forse il vero messaggio di soccorso che Cisco vuole infilare nella bottiglia: per uscire da questa lunga notte non servono supereroi né miracoli, serve solo che ognuno si impegni secondo le sue possibilità, magari prendendo spunto da quelle piccole-grandi cose della Natura, che ogni giorno combattono la loro grande battaglia.

La traccia Il prigioniero è un omaggio dell'autore alla serie televisiva The Prisoner, del 1967. Il dialogo in inglese tra Luca 'Gaby' Giacometti e Peter Walsh, che si sente intorno alla metà del brano, ricalca infatti l'introduzione del telefilm.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. Come se il mondo (Bellotti, Cottica) - 3:21
  2. La lunga notte (Bellotti) - 4:17
  3. A volte (Bellotti - Folloni) - 3:24
  4. Il prigioniero (Bellotti - Foddis) - 3:45
  5. Venite a vedere[1] (Bellotti) - 4:12
  6. Terra rossa (Bellotti) - 4:19
  7. Zelig (Bellotti - Magnelli) - 4:20
  8. Best (Bellotti) - 5:26
  9. Diamanti e carbone (Rubbiani - Bellotti) - 3:48
  10. Tina (Bellotti) - 3:37
  11. Latinoamericana (Bellotti - Folloni) - 3:17
  12. Sister of mercy (Cohen - Riondino)- 3:32
  13. Eroi, supereroi (Bellotti, Cottica) - 4:31
  14. Questo è il momento (Bellotti - Folloni) - 3:59

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Liberamente ispirato ad un articolo di Luis Sepúlveda

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Rock