La grande Pasqua russa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
La grande Pasqua russa
Russian Resurrection icon.jpg
Icona russa della Risurrezione, XVI secolo
CompositoreNikolaj Andreevič Rimskij-Korsakov
Tipo di composizioneouverture
Numero d'opera36
Epoca di composizione1887-88
Prima esecuzione3 (15) dicembre 1888, San Pietroburgo
PubblicazioneM. P. Beljaev (Lipsia), 1890
DedicaAlla memoria di Musorgskij e Borodin
Durata media16'
Organico3 flauti (il terzo raddoppiato da un ottavino), 2 oboi, 2 clarinetti, 2 fagotti, 4 corni, 2 trombe, 3 tromboni, tuba, timpani, glockenspiel, grancassa, piatti, tam-tam, triangolo, arpa, archi
Movimenti
Lento mystico - Maestoso - Andante lugubre - Allegro agitato - Maestoso alla breve

La grande Pasqua russa. Ouverture su temi della Chiesa russa per grande orchestra, Op. 36 (in russo Светлый праздник, letteralmente La festa luminosa, locuzione che in russo indica la Pasqua) è un'ouverture sinfonica di Nikolaj Andreevič Rimskij-Korsakov per grande orchestra.

Storia della composizione[modifica | modifica wikitesto]

Nell'inverno 1887-88 Rimskij-Korsakov concepì l'idea di comporre un'ouverture basata su temi del'Obichod, una raccolta di canti liturgici della Chiesa ortodossa russa[1]. Il lavoro fu completato l'estate successiva durante il consueto soggiorno in campagna[2], e fu dedicato alla memoria di Modest Musorgskij ed Aleksandr Borodin, i due membri del Gruppo dei cinque prematuramente scomparsi. La prima esecuzione dell'opera ebbe luogo a San Pietroburgo il 3 dicembre 1888, durante il terzo concerto della stagione 1888-89 dei Concerti Sinfonici Russi, diretta dal compositore stesso[3].

Struttura della composizione[modifica | modifica wikitesto]

Rimskij-Korsakov aveva chiesto al conte Goleniščev-Kutuzov di scrivere un programma in poesia alla sua ouverture, cosa che fu fatta, ma il compositore, insoddisfatto dei versi del poeta, decise di scrivere il suo programma in prosa, e lo fece stampare nell'edizione della partitura[4]. Esso recita:

«Che Dio si levi, e che i suoi nemici siano dispersi, e fuggano dalla Sua presenza coloro che Lo odiano. Che si disperdano come si disperde il fumo; come la cera si scioglie al fuoco, così gli empi periscano alla presenza di Dio.

E dopo che il sabato fu passato, Maria Maddalena e Maria madre di Giacomo e Salomè comprarono dei profumi per andare ad ungere Gesù. E partite di buon mattino il primo giorno dopo il sabato, giunsero al sepolcro che il sole si era già levato. E si dicevano tra loro: "Chi ci sposterà la pietra dalla porta del sepolcro?". E videro che la pietra era stata levata; ed era molto grande. E, entrate nel sepolcro, videro un giovane seduto sul lato destro, vestito di vesti bianche, e ne furono turbate. Egli disse loro: "Non abbiate paura. Voi cercate Gesù il Nazareno, che è stato crocifisso; Egli è risorto."

E la lieta novella si sparse per tutto l'universo, e coloro che Lo odiavano fuggirono dinanzi a Lui, dispersi come il fumo.

"È risorto!" cantano i cori degli Angeli in cielo, al suono delle trombe degli Arcangeli e al fruscio delle ali dei Serafini. "È risorto!" cantano i sacerdoti nei templi, in mezzo a nuvole d'incenso, al lume di innumerevoli candele, al suono delle campane trionfanti.»

La lunga e lenta introduzione rappresenta la profezia di Isaia sulla Risurrezione di Cristo. Il successivo Andante lugubre illustra il sacro sepolcro, che d'improvviso risplende di luce al momento della Risurrezione, nel passaggio al successivo Allegro, che conduce all'atmosfera di festa della messa ortodossa mattutina. L'intento di Rimskij-Korsakov era quello di riprodurre anche l'aspetto leggendario e pagano della festa, nella transizione dalla solennità e dal mistero della sera del Sabato Santo alle sfrenate celebrazioni pagano-religiose della mattina della Domenica di Pasqua[5].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Rimskij-Korsakov, p. 289.
  2. ^ Rimskij-Korsakov, p. 290.
  3. ^ Rimskij-Korsakov, p. 295.
  4. ^ Rimskij-Korsakov, p. 293.
  5. ^ Rimskij-Korsakov, pp. 292-293.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • (RU) Nikolaj Andreevič Rimskij-Korsakov, Летопись моей музыкальной жизни (Cronaca della mia vita musicale), Mosca, Muzykal'nyj Sektor, 1928.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN184128868 · BNF (FRcb139179235 (data)