Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

La decomposizione dell'angelo

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
La decomposizione dell'angelo
Titolo originale Tennin Gosui
天人五衰'
Altri titoli Lo specchio degli inganni
Autore Yukio Mishima
1ª ed. originale 1969
Genere romanzo
Sottogenere psicologico, storico
Lingua originale giapponese
Ambientazione Giappone, anni settanta del Novecento
Protagonisti Tōru Yasunaga
Coprotagonisti Shigekuni Honda
Altri personaggi Kinue, Hisamatsu Keiko, Ayakura Satoko, Momoko Hamanaka e i suoi genitori
Serie Il mare della fertilità
Preceduto da Il tempio dell'alba

La decomposizione dell'angelo (in precedenza pubblicato in Italia con il titolo di Lo specchio degli inganni), scritto da Yukio Mishima nel 1969, è l'ultimo romanzo della quadrilogia Il mare della fertilità, di cui fanno parte anche Neve di primavera, Cavalli in fuga e Il tempio dell'alba. Essa costituisce nel suo complesso l'opera più matura e ambiziosa del celebre scrittore giapponese.

Spiegazione del titolo[modifica | modifica wikitesto]

Nelle sacre scritture buddiste i Deva (天部 - tenbu) sono angeli mortali. Esistono cinque segni che preludono alla decomposizione di un angelo:

  • i fiori che compongono la ghirlanda posta sul suo capo appassiscono e poi cadono;
  • abbondante sudorazione dalle ascelle;
  • la veste si insudicia;
  • perdita dell'autocoscienza o della gioia di esistere;
  • il corpo diventa fetido o cessa di essere luminoso e le palpebre incominciano a tremolare.

Il protagonista del romanzo, Tōru, la cui apparente purezza è in realtà basata sull'egoismo e su pulsioni sadiche, è la parodia di queste creature angeliche. In senso più generale Mishima vede nella decadenza del Giappone del dopoguerra un parallelo con la decomposizione degli angeli della tradizione classica.[1]

Contenuti[modifica | modifica wikitesto]

La decomposizione dell'angelo è un libro dove Mishima analizza i temi del dolore e della vecchiaia, con il decadimento che essa porta. Un altro argomento abbondantemente trattato è quello della morte, sia in generale che in senso atobiografico; in alcuni passaggi sul suicidio viene infatti prefigurata la scelta radicale che l'autore stava a quel tempo maturando. Il manoscritto del romanzo venne completato il giorno stesso nel quale Mishima conscluse la propria vita con un pubblico seppuku. [2]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Il romanzo si apre nel 1970 quando Honda, il personaggio che fa da filo conduttore della tetralogia, è ormai settantaseienne. Dopo la morte della moglie Rie egli conduce una vita da pensionato benestante coltivando l'amicizia con Hisamatsu Keiko, conosciuta nel corso degli eventi narrati nel precedente romanzo. Nel corso di uno dei loro viaggi i due si imbattono in Yasunaga Tōru, un giovane nel quale ad Honda pare di riconoscere la terza reincarnazione del proprio amico di gioventù Kiyoaki. Il ragazzo, che è orfano e che per vivere svolge un lavoro di sorveglianza della navigazione marittima, viene adottato da Honda il quale gli offre una educazione ed una condizione di vita di altissimo livello. Tra i due però nasceranno una serie di problemi ed incomprensioni che sfoceranno in eventi anche drammatici.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Recensione di Federico Boccaccini su federiconovaro.wordpress.com (accesso: 26 novembre 2012)
  2. ^ L'angelo in decomposizione, articolo su www.asianworld.it (accesso: 26 novembre 2012)

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]