Una virtù vacillante

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Una virtù vacillante
Titolo originaleBitoku no yoromeki
AutoreYukio Mishima
1ª ed. originale1957
Genereromanzo
Lingua originalegiapponese
AmbientazioneGiappone anni '50 del '900
ProtagonistiSetsuko

Una virtù vacillante è un romanzo in 20 capitoli dello scrittore giapponese Yukio Mishima pubblicato per la prima volta nel 1957 e uscito in Italia per i tipi di SE (casa editrice).

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Setsuko, una donna ventottenne d'estrazione piccolo borghese, già profondamente annoiata della monotonia prodotta dalla vita matrimoniale, s'abbandona con tutti i suoi istinti all'amore passionale e sensualissimo nei confronti d'un uomo più giovane di lei.

Ha sempre provato ripugnanza sia nei confronti del matrimonio obbligato sia in quelli della maternità altrettanto doverosa per una donna sposata: sente che queste cose inevitabilmente son destinate ad uccidere lentamente ma inesorabilmente la sua passione, i suoi interessi più veri e i suoi stimoli, e cerca di ribellarsi a ciò.

Uscendo dalle leggi stabilite dalla società costituita, rinasce a nuova vita tramite l'erotismo più anarchico; il ragazzo che ama, tuttavia, alla fine si dimostra molto simile al marito ed allora, delusa, decide di rompere la relazione e ritornare alla vita insulsa e vuota d'ogni stimolo destinata a tutte le donne maritate.

La sua anima diventerà come quella d'una delle statue di pietra immobili per sempre all'interno del giardino di casa.

Temi trattati[modifica | modifica wikitesto]

L'autore analizza il conflitto che sgorga dall'intimo della protagonista, tra istinti e pulsioni interiori ed etica esteriore richiesta a tutte le "persone perbene", ma anche quello tra amore e ragione.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di letteratura