La Freccia Azzurra (romanzo)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
La Freccia Azzurra
Altri titoliIl viaggio della Freccia Azzurra
AutoreGianni Rodari
1ª ed. originale1954
Genereracconto
Sottogenerefiabesco
Lingua originaleitaliano
Ambientazionein un paese in Italia
Protagonistii giocattoli
CoprotagonistiFrancesco, la Befana ecc.

La Freccia Azzurra è un libro per bambini scritto da Gianni Rodari e pubblicato per la prima volta nel 1954.

Storia editoriale[modifica | modifica wikitesto]

La prima edizione, intitolata Il viaggio della Freccia Azzurra, apparve nel 1954 per l'editore CDS di Firenze. Nel 1964 l'autore fece una revisione del testo, che uscì per gli Editori Riuniti col titolo La Freccia Azzurra,[1] che mantenne in tutte le edizioni successive.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

È la mattina dell'Epifania: la Befana tira fuori dalla soffitta la Freccia Azzurra, un treno elettrico, per esporlo nella vetrina della sua bottega. Il Macchinista, il Capostazione e gli altri giocattoli della vetrina si animano, quando vedono davanti a essa un bambino, Francesco, che essendo molto povero non può permettersi di comprare nulla e questi se ne va dopo essere stato cacciato via dalla Befana, dato che sua madre non aveva pagato i giocattoli dell'anno scorso. Tutti i giocattoli allora decidono di fuggire dal negozio e raggiungere Francesco. Con l'aiuto di Spicciola, un cane giocattolo, attuano il proposito, sfuggendo alla Befana. Dopo varie avventure riescono a raggiungere la casa di Francesco che però è vuota. In un breve flashback viene raccontata la storia di Francesco, che un tempo faceva lo strillone e, dopo la morte del padre, si era messo a vendere dolci in un cinema. Alcuni furfanti lo rapiscono perché s'intrufoli nel negozio della Befana per permettere loro di rubare il contenuto della cassaforte, ma Francesco richiama l'attenzione delle guardie notturne che li arrestano tutti compreso il bambino che proclama la propria innocenza. Nel frattempo la serva della Befana, Teresa, dona ai fuggitivi un taccuino con l'elenco dei nomi dei bambini poveri; allora i giocattoli, dato che Francesco non c'è, decidono di donarsi agli altri bambini per renderli felici. Per ultima rimane la Freccia Azzurra, che va al figlio di un povero casellante, che ha eroicamente evitato un incidente ferroviario. Alla fine Spicciola, che era rimasto fedele a Francesco e lo aveva aspettato sulla soglia di casa sua, non trovando nessuno decide di suicidarsi sotto le ruote di una carrozza, ma poi cambia idea, ed entra a riscaldarsi nella carrozza trovando Francesco (che era stato salvato dalla prigione grazie alla difesa della Befana); Spicciola poi si accorge di essere diventato un cane vero. I due diventano amici e Francesco viene assunto dalla Befana come suo assistente.

Opere derivate[modifica | modifica wikitesto]

Il compositore Franco Ballabeni ha ricavato nel 1980 una suite per flauto dolce, violino e percussioni omaggiando La Freccia Azzurra. Dal libro è stato tratto il film La Freccia Azzurra del 1996 prodotto dalla Lanterna Magica.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Gianni Rodari, La Freccia Azzurra, illustrazioni di Maria Enrica Agostinelli, Roma, Editori Riuniti, 1974, p. seconda di copertina.

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Gianni Rodari, Il viaggio della Freccia Azzurra, Firenze, Centro Diffusione Stampa, 1954, p. 221.
  • Gianni Rodari, La Freccia Azzurra, illustrazioni di Maria Enrica Agostinelli, Roma, Editori Riuniti, 1964.
  • Gianni Rodari, La Freccia Azzurra, illustrazioni di Maria Enrica Agostinelli, Roma, Editori Riuniti, 1974, p. 126.
  • Gianni Rodari, La Freccia Azzurra, Topo di biblioteca, Roma, Editrice Piccoli, 1985, p. 239, ISBN 88-261-7007-X.
  • Gianni Rodari, La Freccia Azzurra, illustrazioni di Maria Enrica Agostinelli, Universale letteratura per ragazzi, Roma, Editori Riuniti, 1984, p. 126, ISBN 88-359-2792-7.
  • Gianni Rodari, La Freccia Azzurra, illustrazioni di Maria Enrica Agostinelli, Fiabe storie filastrocche per mille giorni e più, Roma, Editori Riuniti, 1987, p. 136, ISBN 88-359-3091-X.
  • Gianni Rodari, La Freccia Azzurra, a cura di Vilma Giuffrida, illustrazioni di Maria Enrica Agostinelli, La bibliotechina, Milano, Einaudi scuola, 1988, p. 192, ISBN 88-286-0078-0.
  • Gianni Rodari, La Freccia Azzurra, illustrazioni di Gianni Peg e Lorena Munforti, Roma, Editori Riuniti, 1992, p. 140, ISBN 88-359-3649-7.
  • Gianni Rodari, Le avventure di Cipollino; Gelsomino nel paese dei bugiardi; La freccia azzurra, illustrazioni di Alessandra Scandella, La mia prima biblioteca. Il sogno 4, Roma, Editalia, 1996, p. 419.
  • Gianni Rodari, La Freccia Azzurra, illustrazioni di Simona Mulazzani, Matite italiane, Roma, Editori Riuniti, 2000, p. 146, ISBN 88-359-5406-1.
  • Gianni Rodari, La Freccia Azzurra, illustrazioni di Nicoletta Costa, San Dorligo della Valle, Einaudi ragazzi, 2010, p. 146, ISBN 978-88-7926-872-1.
  • Gianni Rodari, La Freccia Azzurra, illustrazioni di Nicoletta Costa, La biblioteca della fantasia 9, Milano, Il Sole 24 Ore, 2012, p. 146.
  • Gianni Rodari, La Freccia Azzurra, illustrazioni di Nicoletta Costa, Collezione Gianni Rodari 9, Milano, RCS, 2012, p. 157.
  • Gianni Rodari, La Freccia Azzurra, illustrazioni di Nicoletta Costa, Le grandi collezioni 9, Roma, GEDI Gruppo Editoriale, 2018, p. 157.
Letteratura Portale Letteratura: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Letteratura