L'assassino ha lasciato la firma

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
L'assassino ha lasciato la firma
Titolo originale Cop Hater
Altri titoli Odio gli sbirri
Autore Ed McBain
1ª ed. originale 1956
Genere Romanzo
Sottogenere poliziesco
Lingua originale inglese
Ambientazione Isola, una metropoli degli Stati Uniti
Protagonisti Steve Carella
Serie 87º Distretto
Seguito da Estremo insulto

L'assassino ha lasciato la firma (titolo originale Cop Hater), uscito nel 1956, è il primo romanzo di Ed McBain dedicato alla serie dell'87º Distretto. Dal romanzo è stato tratto il film omonimo L'assassino ha lasciato la firma (Cop Hater) del 1958 diretto da William Berke.[1]

Trama[modifica | modifica wikitesto]

Un assassino spietato con la sua .45 sta terrorizzando l'87º Distretto. Le vittime, stavolta, sono i poliziotti stessi, lasciati morti sull'asfalto caldo di un'estate torrida. Mentre Steve Carella approfondisce la sua storia sentimentale con una bella e dolce ragazza sordomuta, Teddy, deve anche cercare lo spietato assassino. Morte e dolcezza, atrocità e affetto si incontrano ancora una volta. Il dramma è alle porte, ma il prezzo da pagare sarà decisamente alto.

Edizioni in italiano[modifica | modifica wikitesto]

Il romanzo è stato pubblicato per la prima volta in Italia nel 1958, nella collana dei Gialli Giumar, tradotto da Marilena Damiani[2]. In seguito è stato pubblicato più volte da Mondadori, sia nella collana I Classici del Giallo (due volte: n. 170 e n. 772) sia nel 1986 negli Oscar Mondadori (n. 1884) con la traduzione di Andreina Negretti. Il titolo italiano, come è accaduto molto spesso nei decenni passati, non rispecchia l'originale la cui traduzione letterale è Colui che odia gli sbirri. Nel 2017 Einaudi ha pubblicato una nuova edizione del romanzo, sempre nella versione di Andreina Negretti, col titolo Odio gli sbirri.[3]

Commento[modifica | modifica wikitesto]

Lo stile è già quello maturo che spopolerà in tutto il mondo, sebbene non ancora del tutto definito. Già presenti alcuni personaggi chiave della serie, tra i quali spicca colui che sarà l'indiscusso protagonista di 50 anni di storie: Steve Carella. Un romanzo che ha fatto la storia del genere, iniziando un percorso seguito tuttora da decine di scrittori e ripreso dalle più famose serie televisive (CSI, NCIS, Distretto di Polizia, etc).[senza fonte]

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

  • Ed McBain, L'assassino ha lasciato la firma, traduzione di Marilena Damiani, Giumar, 1958, pp. 238.
  • Ed McBain, L'assassino ha lasciato la firma, traduzione di Andreina Negretti, collana I Classici del Giallo, n. 170, Arnoldo Mondadori Editore, 1973, pp. 179.
  • Ed McBain, L'assassino ha lasciato la firma, traduzione di Andreina Negretti, collana Oscar Gialli, n.147, Arnoldo Mondadori Editore, 1986, pp. 179.
  • Ed McBain, L'assassino ha lasciato la firma, traduzione di Andreina Negretti, collana I Classici del Giallo, n.772, Arnoldo Mondadori Editore, 1996, pp. 218.
  • Ed McBain, Odio gli sbirri, traduzione di Andreina Negretti, collana Stile Libero, Einaudi, 2017, pp. 235, ISBN 978-88-06-23533-8.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]