L'Europa letteraria

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
L'Europa letteraria
Stato Italia Italia
Lingua italiano
Periodicità bimestrale
Genere rivista di letteratura
Fondazione 1960
Chiusura 1965
Sede Roma
Direttore Giancarlo Vigorelli
Condirettore Domenico Javarone, Davide Lajolo
ISSN 1126-1692 (WC · ACNP)
 


L'Europa letteraria è stata una rivista con periodicità bimestrale fondata a Roma nel 1960 (il primo numero porta la data del 1º gennaio) e diretta dal giornalista, scrittore e critico letterario Giancarlo Vigorelli[1], segretario generale della Comunità europea degli scrittori dal 1958 al 1968[2][3]. Affiancava Vigorelli nella direzione, fino al fascicolo di aprile giugno 1963, il giornalista e narratore Domenico Javarone al quale si aggiunse poi Davide Lajolo[4], scrittore e deputato comunista.

D'ispirazione progressista la rivista, nelle cui pagine erano presentati testi narrativi, composizioni poetiche e saggi critici, si proponeva come luogo d'incontro tra gli scrittori europei e occasione di dialogo tra intellettuali di formazione borghese e marxista[1]. Era «necessario e urgente», scriveva Vigorelli, evitare lo scontro tra le due Europe (l'occidentale atlantica e l'orientale comunista) «in una crociata, tanto più fanatica, quanto è più fondata su una reciproca ignoranza»[1]. Autori italiani e stranieri erano rappresentati sulla rivista: tra gli italiani si possono citare poeti e scrittori quali Attilio Bertolucci, Arrigo Levi, Mario Luzi, Vasco Pratolini, Leonardo Sinisgalli. Tra gli stranieri, con testi in lingua originale o tradotti, si ricordano lo scrittore tedesco Hermann Hesse e il poeta russo Evgenij Evtušenko[4].

Con il terzo numero (giugno 1960), la rivista si arricchiva di una nuova sezione: L'Europa artistica e, a partire dal numero 9-10 (giugno-agosto 1961), si aggiungeva l'ulteriore sezione L'Europa cinematografica. Le sezioni, pur nello stesso fascicolo, si presentavano divise, separate a volte da una copertina interna[4]. Nel 1965, poco prima della chiusura, lo stesso titolo della rivista mutava, esplicitando le sue tre sezioni: L'Europa letteraria. L'Europa artistica. L'Europa cinematografica[4].

Nel 1965, col fascicolo numero 35, il periodico di Vigorelli cessò le pubblicazioni[1].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d Dizionario della letteratura italiana contemporanea, vol.1, p. 313, riferimenti in Bibliografia.
  2. ^ Marco Sabbatini, I rapporti COMES-URSS e L'Europa letteraria. Sito eSamzidat - Rivista di culture dei paesi slavi.
  3. ^ La Comunità europea degli scrittori fu fondata nel 1960 da Giovanni Battista Angioletti che ne fu anche il primo presidente. Cfr. Lucia Strappini, «ANGIOLETTI, Giovanni Battista» in Dizionario Biografico degli italiani, Istituto dell'Enciclopedia Italiana, 1988.
  4. ^ a b c d Catalogo CIRCE, riferimenti e link in Collegamenti esterni.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Enzo Ronconi (a cura di), Dizionario della letteratura italiana contemporanea, 2 voll., Firenze, Vallecchi, 1973.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]