Kurya

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Kurya
Khan dei Peceneghi
In carica X secolo

Kurya (...) è stato un khan dei Peceneghi il cui nome viene ricordato nella Cronaca degli anni passati.

Nel 968 l'esercito di Kurya circondò Kiev, mentre il principe Svjatoslav I di Kiev si trovava nella città di Preslav (a quel tempo nel Primo impero bulgaro, oggi in Dobrugia, Romania), ma non riuscì a conquistare la città.

Nel 969 partecipò all'attacco dell'Impero bizantino in alleanza con Svjatoslav I.

Nel 971 Kurya venne corrotto per organizzare una trappola e uccidere il principe Svjatoslav. Fu probabilmente corrotto dal figlio maggiore di Svjatoslav, Jaropolk, o più probabile dal console bizantino vescovo Teofilo, che visitò i peceneghi dopo la trattativa di ritirata tra il principe Svjatoslav e l'imperatore bizantino Giovanni I Zimisce.

Nella primavera del 972 Kurya attese l'arrivo della flotta di Svjatoslav alle rapide del Dnepr e lo uccise.

La Cronaca degli anni passati racconta che Kurya placcò d'oro il teschio di Svjatoslav e bevve da questo "calice" insieme alla moglie. Nella cultura nomade dell'Eurasia tale gesto significava rispetto verso il nemico che combatteva coraggiosamente.

Kurya nella cultura di massa[modifica | modifica wikitesto]

  • Nel 2006 Kurya apparve nel film animato Principe Vladimir.
  • Kurya è il personaggio del romanzo storico Figlia dell'imperatrice di M. G. Kazovskij, pubblicato nel 1999.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie