Jaropolk I di Kiev

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Jaropolk I (in russo: Ярополк Святославич?, in ucraino: Ярополк Святославич?, slavo antico: Ѩропо́лкъ Свѧтосла́вичъ; Kiev, 955Roden', 11 giugno 978), era un principe ruteno di stirpe variaga, figlio di Svjatoslav I.

Jaropolk I di Kiev
Yaropolk murder.jpg
Morte di Jaropolk
Gran Principe di Kiev
In carica 972 –
980
Predecessore Svjatoslav I
Successore Vladimir I
Nome completo Jaropolk Svjatoslavyc
Nascita Kiev, 955
Morte Roden', 980
Dinastia Rjurikidi
Padre Svjatoslav I di Kiev
Madre Predslava

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Gioventù[modifica | modifica wikitesto]

Precisa data di nascita di Jaropolk rimane sconosciuta. Jaropolk figlio di Svjatoslav I di Kiev venne ricordato nel Manoscritto Nestoriano, quando nel 968 Olga di Kiev con i suoi tre pronipoti tra quali fu Jaropolk si è rinchiusa a Kiev, durante assalto dei peceneghi.

Svjatoslav I di Kiev affidò Kiev a Jaropolk, nominandolo knjaz di Kiev nel 969 partendo nella campagna militare contro l'impero bizantino[1]. Svjatoslav pianificava di regnare Rus' di Kiev da appena conquistato Prislav in Dobrugia. Come da Storia di Polonia di Jan Długosz Jaropolk doveva rimanere soddisfatto dalla decisione del padre e non doveva interrompersi nelle vicende dei vicini[1]. Per l'influenza sul knjaz Jaropolk competevano i pagani e i cristiani sotto la padronanza della nonna Ol'ga[1]. Jaropolk preferì i pagani e dopo include nel cerchio dei fedeli anche il comandante Sveneldo e alcuni veterani dell'esercito del padre. In seguito proprio loro hanno spizzicato la guerra tra Jaropolk e i suoi fratelli[1].

Nel 972 a Kiev tornò Sveneldo portando le notizie della morte di Svjatoslav sulle rapide del Dnepr dalla mano dei peceneghi. Così, dal 972 Jaropolk divenne il gran principe di Rus' di Kiev.

Contatti con Occidente[modifica | modifica wikitesto]

Dai tempi di Svjatoslav I di Kiev tra Rus' di Kiev e l'impero bizantino fu la tensione. Jaropolk si impegnò a mantenere i contatti con i nemici dell'impero bizantino nell'Europa occidentale. Nel 973 gli ambasciatori di Jaropolk sono venuti dall'imperatore Ottone I di Sassonia ed hanno partecipato alla dieta a Quedlinburg. Nel 979 gli ambasciatori del Papa di Roma hanno fatto la visita a Kiev. Secondo lo storico Leonid Vojtovych, tale politica rispecchia l'influenza sistematica di Ol'ga di Kiev[1].

Morte[modifica | modifica wikitesto]

Jaropolk istigato dai suoi fedelissimi decise di regnare su tutto il territorio di ruteni. Così, nel 977 uccide il suo fratello Oleg durante l'assalto alla capitale derevljana Ovruč. E subito dopo conquista anche Velikij Novgorod cacciando via suo fratello Volodymyr.[2] Nel 979 Volodymyr unendosi con i variaghi riconquistò Velikij Novgorod ed anche conquistò Kiev.

Jaropork fu costretto ritirarsi fino a Roden', dove fu ucciso dai fedeli del fratello Volodymyr. Molto probabile Jaropolk è sepolto nel kurgan tra Roden' e Taganči.

Nel 1044 Jaroslav il Saggio ordinò di portare i resti di Jaropolk nella Chiesa delle Decime. Ma secondo lo storico Leonid Vojtovych il sepolcro di Jaropolk nella chiesa, molto probabile, fu un cenotafio, perché proprio Jaropolk iniziò la guerra contro i propri fratelli nel 977.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Predecessore Gran Principe di Kiev Successore
Svjatoslav I 972 - 980 Vladimir I
biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie
  1. ^ a b c d e L. Vojtovych, Dinastie di knjaz dell'Europa dell'Est (fine IX inizio XVI)- Войтович, Л. Князівські династії Східної Європи (кінець IX — початок XVI ст.)... С. 5
  2. ^ (UK) Енциклопедія українознавства : Словникова частина : в 11 т. / Наукове Товариство ім. Шевченка ; гол. ред. проф., д-р Володимир Кубійович. — Париж ; Нью-Йорк ; Львів : Молоде життя, 1954–2003