Kuks

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Kuks
Comune
Kuks – Veduta
Panorama, con in primo piano l'ospedale barocco
Localizzazione
StatoRep. Ceca Rep. Ceca
RegioneFlag of Hradec Kralove Region.svg Hradec Králové
DistrettoTrutnov
Amministrazione
SindacoJiří Beran
Territorio
Coordinate50°24′05″N 15°53′18″E / 50.401389°N 15.888333°E50.401389; 15.888333 (Kuks)Coordinate: 50°24′05″N 15°53′18″E / 50.401389°N 15.888333°E50.401389; 15.888333 (Kuks)
Altitudine283 m s.l.m.
Superficie4,82[1] km²
Abitanti261[2] (1º gennaio 2011)
Densità54,15 ab./km²
Altre informazioni
Cod. postale544 43
Fuso orarioUTC+1
Codice ČSÚCZ579416
TargaTU
Cartografia
Mappa di localizzazione: Repubblica Ceca
Kuks
Kuks
Sito istituzionale

Kuks è un comune della Repubblica Ceca facente parte del distretto di Trutnov, nella regione di Hradec Králové.

Scalinata del castello oggi scomparso
La corte interna dell'ospedale
Danza macabra nel corridoio principale
La compassione, scultura allegorica di Matthias Braun
La visione di sant'Uberto, scultura nel parco di Betlém

Il castello e l'ospedale barocco[modifica | modifica wikitesto]

Si tratta di un complesso barocco unico, voluto dal conte František Antonín Špork e progettato dall'architetto italiano Giovanni Battista Aliprandi.[3]

Quando, verso la fine del XVII secolo vennero confermate le proprietà curative delle sorgenti termali della zona, il conte Špork fece costruire prima di tutto l'edificio delle terme, in corrispondenza delle fonti curative.

Sulla riva opposta del fiume Elba venne costruito un imponente ospedale, con la sua chiesa ottagonale, dedicata alla Santissima Trinità e la sua cripta. Furono costruiti anche un teatro e altri edifici barocchi, tanto che si parlava di questo complesso termale come di uno dei più belli e piacevoli di tutta Europa.[4]

Alla morte del conte Špork (1738), tuttavia, i suoi eredi non si dimostrarono particolarmente interessati a mantenere efficienti tutti quegli edifici, che iniziarono ben presto a conoscere il declino. Un'inondazione poi, nel 1740, distrusse gran parte delle infrastrutture e compromise definitivamente le sorgenti termali. Ad oggi, rimangono in piedi gli edifici dell'ospedale, della chiesa e della farmacia, con i loro arredi storici, che sono considerati capolavori dell'arte barocca.

Interessante è la decorazione pittorica del corridoio principale dell'ospedale, in cui sono rappresentate scene di una danza macabra.

La ricca decorazione scultorea del complesso fu realizzata tra il 1700 e il 1734, in due fasi: dal 1700 al 1710 con la partecipazione dello scultore olandese Bartholomeus Jacob Zweng e della bottega di Hieronymus Kohl; a partire dal 1712 la realizzazione dell'apparato scultoreo fu affidata a Matthias Braun e alla sua bottega: è in questo periodo che sono state realizzate le statue più importanti, tra le quali le dodici allegorie delle virtù, le dodici statue dei vizi e la decorazione della facciata della chiesa della Trinità.

Tra il 1723 e il 1731 fu anche realizzato parco naturale di Betlém (nella zona di Nový Les, la 'Nuova Foresta', oggi nel comune di Dvůr Králové nad Labem), anche questo arricchito da numerose sculture rappresentanti scene della Bibbia e delle leggende cristiane, opera di Matthias Braun e aiuti.[5]

Sia le sculture di Matthias Braun all'esterno dell'ospedale, sia quelle del parco di Betlém si trovano ormai in pessimo stato di conservazione, soprattutto a causa dell'azione sia dell'acqua piovana, sia dell'umidità che sale dal terreno. Per questo motivo esse sono state inserite nella lista dei monumenti storico-artistici più a rischio, curata dal World Monuments Fund.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (CSEN) Dati forniti dall'Istituto Statistico Ceco (XLS), su czso.cz. URL consultato il 28 agosto 2012.
  2. ^ (CSEN) Dati forniti dall'Istituto Statistico Ceco (PDF), su czso.cz. URL consultato il 28 agosto 2012.
  3. ^ (EN) Sito ufficiale del complesso, su hospital-kuks.cz. URL consultato il 13 gennaio 2016.
  4. ^ Si veda per esempio la testimonianza del conte tedesco Georg Ludwig Albrecht von Rantzau, che soggiornò a Kuks nel 1726: (FR) Mémoires du comte de Rantzow, su books.google.de. URL consultato il 12 gennaio 2016..
  5. ^ (CS) Sito dedicato alle sculture del complesso [collegamento interrotto], su novyles.cz. URL consultato il 12 gennaio 2016.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN237294340 · GND (DE4123588-5
Repubblica Ceca Portale Repubblica Ceca: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Repubblica Ceca