Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Korechika Anami

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Korechika Anami
阿南惟几.jpg
Korechika Anami come Ministro della guerra
21 febbraio 1887 – 15 agosto 1945 (58 anni)
Nato a Taketa
Morto a Tokyo
Cause della morte suicidio
Dati militari
Paese servito Flag of Japan (1870-1999).svg Impero giapponese
Forza armata War flag of the Imperial Japanese Army.svg Esercito imperiale giapponese
Anni di servizio 1906-1945
Grado Generale d'armata
Guerre Seconda guerra sino-giapponese
Seconda guerra mondiale
Campagne Guerra del Pacifico
Comandante di 109ª Divisione
11ª Armata
Esercito della seconda area
Altre cariche Ministro della guerra dell'Impero giapponese
"fonti nel corpo del testo"
voci di militari presenti su Wikipedia
Korechika Anami

Korechika Anami (阿南 惟幾; Taketa, 21 febbraio 1887Tokyo, 15 agosto 1945) è stato un generale giapponese della seconda guerra mondiale.

Carriera militare[modifica | modifica wikitesto]

Carriera politica[modifica | modifica wikitesto]

Nell'aprile del 1945 divenne Ministro della guerra del Giappone, ciò gli diede molto potere sia come membro del Gabinetto giapponese e sia nel Consiglio supremo per la direzione della guerra. Fu conosciuto come leader che detestava l'idea della resa, e spesso ordinava l'arresto di chi ne parlava. Oggi parlando di lui lo si ritiene "il vero esempio di un moderno samurai". Dopo molte sconfitte in battaglia e il bombardamento atomico di Hiroshima e Nagasaki da parte degli Stati Uniti gli altri leader incominciarono a considerare un nuovo approccio alla guerra; la resa fu una opzione. A ciò Anami vi si oppose e propose invece una battaglia su larga scala combattuta sulla terraferma giapponese con cui eludere la resa e permettere di rimediare qualche conquista.

Alla fine, le sue argomentazioni furono scardinate quando l'Imperatore Hirohito chiese e finì la guerra da solo. I sostenitori di Anami gli suggerirono di scegliere: o di votare contro la resa o dimettersi dal Gabinetto. Entrambe avrebbero fermato la firma della pace del Giappone. Invece egli ordinò ai suoi ufficiali di ricordare dopo, queste parole a suo cognato: "Come un soldato giapponese, io devo obbedire al mio Imperatore". Il 14 agosto 1945, egli firmò il documento di resa con il resto del Gabinetto, di lì si suicidò con il seppuku nella prima mattinata. Possiamo leggere nelle note del suo suicidio: "Io, con il mio suicidio, umilmente chiedo scusa all'imperatore per i miei gravi crimini". Gli storici sono divisi a quali crimini si riferisca. È possibile che si riferisca alla sua parte nel fallito attentato contro l'Imperatore Hirohito nelle ore che seguirono la decisione della resa del Giappone e la fine della seconda guerra mondiale.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN59001975 · LCCN: (ENnr99013857
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie