Kokošnik

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ritratto di una ragazza in costume russo di Ivan Argunov, 1784. La modella indossa un grande kokošnik sul capo.
Gruppo di danzatrici russe con kokošnik sul capo nel 2017
Illustrazione di Boris Zvorykin, nella quale appaiono tre donne, due delle quali indossano un kokošnik.

Il kokošnik[1] (in cirillico: коко́шник?, [kɐˈkoʂnʲɪk]) è un copricapo tradizionale russo indossato da donne e ragazze per accompagnare il sarafan. La tradizione del kokošnik risale al X secolo nell'antica città russa di Velikij Novgorod.[2] Si diffuse dapprima nelle regioni settentrionali della Russia ma divenne molto popolare in tutto il paese tra XVI e XIX secolo. È ancora oggi una parte importante del costume da danza russo e della cultura popolare al punto da ispirare la cosiddetta architettura kokošnik.

Sette tipologie differenti di kokošnik

Panoramica[modifica | modifica wikitesto]

Storicamente un kokošnik[3] era il copricapo usato dalle donne sposate, anche se spesso le serve di casa indossavano copricapi simili al kokošnik, ma aperti sul retro, chiamati povjazka.[4] La parola kokošnik indica una gran varietà di copricapi indossati in tutta la Russia, inclusi i tipici cappelli cilindrici di Velikij Novgorod, i cappelli a due punti detti kika di Vladimir, la kika triangolare di Kostroma, i piccoli cappelli di perline di Kargopol' e i kokošnik scarlatti di Mosca.

Mentre in passato il kokošnik variava molto nello stile, attualmente esso si è unificato nella forma di una cresta alta come copricapo, fissata sul retro da lacci stretti. La cresta può essere decorata con perle o decorazioni in oro, oppure essere più semplice con fiori e piante. Il resto del capo è decorato solitamente con perle. Mentre indossa il kokošnik, solitamente una donna tiene i capelli intrecciati. Questo copricapo è infatti spesso combinato alla treccia russa.

Storia[modifica | modifica wikitesto]

La granduchessa Ksenija Alexandrovna di Russia
Un kokošnik del XIX secolo della Russia centrale

La parola kokošnik si trova per la prima volta nei documenti del XVI secolo, e viene dall'antica parola slava kokoš, che significa gallina o gallo. Ad ogni modo, i primi copricapi che corrispondono alla descrizione dei moderni kokošnik risalgono al X-XII secolo e sono stati ritrovati in alcune sepolture di Velikij Novgorod.[5]

Durante la ripresa dello stile tradizionale russo all'inizio del XIX secolo, le tiare e i diademi dell'aristocrazia andarono a riprendere proprio le forme del kokošnik tradizionale, anche se si ispirarono talvolta alla moda del rinascimento italiano ed al french hood.

Il kokošnik rimase in utilizzo corrente e tradizionale presso le classi meno abbienti nelle occasioni speciali perlomeno sino alla rivoluzione russa.

Dopo la rivoluzione, furono gli émigré a introdurre il kokošnik nel resto delle mode europee. Lo stile apparve chiaro nell'abito di nozze di Maria di Teck, futura regina consorte del Regno Unito, del 1893.

La regina Maria di Romania indossò spesso una tiara appositamente creata per lei da Cartier a riprendere le forme di un kokošnik russo per il suo ritratto del 1924 dipinto da Philip de László.[6][7]

Uno degli abiti della senatrice Padmé Amidala nella saga di Star Wars è basato sul costume tradizionale russo e presenta sul capo un kokošnik.[8]

I fan della Russia al campionato mondiale di calcio del 2018 indossavano delle versioni semplificate di questo copricapo.[9] Negli ultimi anni è tornato di moda il kokošnik floreale.[10][11] Il kokošnik è anche un popolare souvenir russo.[12]

In architettura[modifica | modifica wikitesto]

Il kokošnik ha dato il proprio nome anche ad un frontone decorativo in architettura che è divenuta uno degli elementi tipici dell'architettura russa dal XVI secolo in poi.

Galleria d'immagini[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ AA VV, L'abito popolare russo, Gangemi Editore, 11 ottobre 2015, ISBN 978-88-492-9468-2. URL consultato il 27 dicembre 2021.
  2. ^ (EN) Kokoshnik- The main part of the traditional Russian national costume., su Experience Russia Blog. URL consultato il 5 giugno 2019.
  3. ^ (EN) But Russian Kokoshnik at FromRussia store, su FromRussia. URL consultato il 9 luglio 2019.
  4. ^ (EN) Evgenii︠a︡ Ivanovna Kirichenko, The Russian Style, London, Laurence King, 1991, p. 51, ISBN 978-1-85669-004-1.
  5. ^ Primeval Rus': Women's head dress and jewellery (RU)
  6. ^ (RO) Obiectul Lunii Ianuarie 2014 – Portretul Reginei Maria - Muzeul National Peles, su peles.ro (archiviato dall'url originale il 17 agosto 2014).
  7. ^ Queen Marie of Romania portrait
  8. ^ (EN) The Padawan's Guide, su padawansguide.com.
  9. ^ (EN) At World Cup, foreign fans adopt traditional Russian headdress, su Reuters.
  10. ^ (EN) Flower Festival Crown National headdress Kokoshnik Red Blue Yellow flowers tassels Headband Bridal Crown Flower Wreath Large Flower Crown, su Etsy. URL consultato l'11 giugno 2019.
  11. ^ (RU) Фото с кокошниками из цветов — Крокус, su wedding.krokus73.ru. URL consultato l'11 giugno 2019.
  12. ^ (EN) Souvenirs, su Russian Support Visa. URL consultato l'11 giugno 2019 (archiviato dall'url originale il 9 ottobre 2018).

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]