Kathy Acker

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Kathy Acker (New York, 18 aprile 1947Tijuana, 30 novembre 1997) è stata una scrittrice, poetessa, musicista e sceneggiatrice statunitense.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nata Karen Alexander[1] il 18 aprile 1947 (ma altre fonti danno il 1948[2]) a Manhattan, borgo di New York, ebbe un'infanzia travagliata. Donald Lehman, suo padre biologico, abbandonò la sua futura madre quando era incinta di tre mesi.

Dopo gli studi alla Brandeis University e alla Università della California, San Diego[3], i suoi primi esperimenti poetici influenzati da William S. Burroughs e risalenti agli anni settanta apparvero sotto lo pseudonimo di Black Tarantula[4].

Negli anni ottanta si trasferì a Londra e partecipò attivamente alla scena punk con i primi esperimenti di spoken word. Contemporaneamente diede alle stampe alcune tra le sue opere più celebri che riscrivono in chiave postmodernista alcuni grandi classici della letteratura come il Don Chisciotte e Grandi speranze. Attraverso la de-costruzione dei testi, la Acker creò un pastiche metanarrativo molto originale e decisamente esplicito. Temi prediletti delle sue narrazioni furono: sesso, omosessualità, femminismo ed esplorazione estrema del corpo[5].

Esponente di punta dell'avantpop, morì a soli cinquant'anni per un tumore alla mammella in una clinica di Tijuana[6].

Vita privata[modifica | modifica wikitesto]

Kathy Acker si è sposata e divorziata due volte: la prima, molto giovane, nel 1966 con Robert Acker[7] dal quale prese il cognome, la seconda nel 1976 con il compositore Peter Gordon[8]. Ha anche intrecciato relazioni con donne (ad esempio con la scrittrice Lidia Yuknavitch[9]).

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Narrativa[modifica | modifica wikitesto]

  • Childlike Life of the Black Tarantula By the Black Tarantula (1973)
  • I Dreamt I Was a Nymphomaniac: Imagining (1974)
  • Adult Life of Toulouse Lautrec (1978)
  • Florida (1978)
  • Vacanze haitiane (Kathy Goes To Haiti) (1978), Venezia, Supernova, 1989
  • Blood and Guts in High School (1978)
  • N.Y.C. in 1979 (1981)
  • Great Expectations (1983)
  • Algeria : A Series of Invocations Because Nothing Else Works (1984)
  • Don Chisciotte (Don Quixote: Which Was a Dream) (1986), Milano, Shake edizioni underground, 1999
  • Literal Madness: Three Novels (1987)
  • My Death My Life by Pier Paolo Pasolini (1987)
  • L'impero dei non sensi (Empire of the Senseless) (1988), Milano, SugarCo, 1991
  • In Memoriam to Identity (1990)
  • Hannibal Lecter, My Father (1991)
  • My Mother: Demonology (1994)
  • The Stabbing Hand (1995)
  • Pussycat Fever (1995)
  • Dust. Essays (1995)
  • Pussy, King of the Pirates (1996)
  • Eurydice in the underworld (1997)
  • Portrait of an Eye: Three Novels (1998)
  • Rip-Off Red, Girl Detective (2002)
  • Kathy Acker (1971-1975), ed. Justin Gajoux and Claire Finch, critical edition of unpublished early writings from 1971-1975 (Éditions Ismael, 2019, 656p.)

Poesia[modifica | modifica wikitesto]

  • Politics (1972)
  • The Persian poems by Janey Smith con Robert Kushner (1980)

Teatro[modifica | modifica wikitesto]

Saggistica[modifica | modifica wikitesto]

  • Bodies of Work : Essays (1997)

Antologie[modifica | modifica wikitesto]

  • Wordplays 5 : An Anthology of New American Drama (1987)
  • The Seven cardinal virtues (1990)
  • The artist in society: rights, roles and responsibilities (1995)
  • Centuriesʼ ends, narrative means (1996)

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Pussy (1995)
  • Pussy, King Of The Pirates feat. The Mekons (1996)
  • Redoing Childhood (1999)

Filmografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Variety di Bette Gordon (1983): sceneggiatura
  • The golden boat di Raoul Ruiz (1990): attrice
  • IDn4 di Malga Kubiak (1991) : attrice
  • The Falconer di Christopher Petit e Iain Sinclair (1998): attrice

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Review: ‘Who’s Afraid of Kathy Acker?’, su variety.com. URL consultato il 9 maggio 2017.
  2. ^ Scheda dell'autrice in 'The library of the congress', su id.loc.gov. URL consultato il 9 maggio 2017.
  3. ^ Biografia dell'autrice, su poetryfoundation.org. URL consultato il 9 maggio 2017.
  4. ^ Acker Introduction 9 maggio 2017 [collegamento interrotto], su enotes.com.
  5. ^ About Kathy Acker, su killrockstars.com. URL consultato il 9 maggio 2017.
  6. ^ Il corpo scritto di Kathy Acker, su repubblica.it. URL consultato il 9 maggio 2017.
  7. ^ Intervista a Ros Wynne-Jones, su independent.co.uk. URL consultato il 9 maggio 2017.
  8. ^ Obituary by Peter Guttridge, su mekons.de. URL consultato il 9 maggio 2017.
  9. ^ Articolo di Alison Allett su portlandmercury.com

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Andrea Juno e V.Vale, "Meduse cyborg. Antologia di donne arrabbiate", a cura di Daniela Daniele, traduzione di T. Ghino E.Formichella, in "RE/Search #13: Angry Women", Milano, Shake Edizioni, 1997 [1991], pp. 352, ISBN 978-88-86926-28-7.
  • Georgina Colby; "Kathy Acker: writing the Impossible" (2016),
  • Chris Kraus, "After Kathy Acker,a biography" (2017)

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN94761998 · ISNI (EN0000 0001 2144 0329 · LCCN (ENn81121869 · GND (DE119373610 · BNF (FRcb12057725f (data) · ULAN (EN500332140 · NDL (ENJA00462011 · WorldCat Identities (ENn81-121869