Küstendorf

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Coordinate: 43°47′44.25″N 19°30′29.1312″E / 43.795625°N 19.508092°E43.795625; 19.508092

Panorama del villaggio
Il villaggio

Küstendorf, conosciuta anche come Drvengrad (in serbo: Дрвенград?, villaggio di legno) o Mećavnik, è un villaggio tradizionale fatto costruire dal regista serbo Emir Kusturica per il suo film La vita è un miracolo. È situato in Serbia, 200 km a sud-ovest di Belgrado, in una posizione adiacente al villaggio di Mokra Gora, presso la frontiera con la Bosnia-Erzegovina e tra la città serba di Užice e quella bosniaca di Višegrad, resa famosa dal romanzo Il ponte sulla Drina dello scrittore e Premio Nobel per la letteratura Ivo Andrić. Per la sua creazione il regista ha ricevuto il "Premio europeo d'architettura Philippe Rotthier" nel 2005[1].

(EN)

«I lost my city during the war. This is why I wished to build my own village. It bears a German name: Küstendorf. I will organize there seminars for people who want to learn how to make cinema, concerts, ceramics, painting. It is the place where I will live and where some people will be able to come from time to time. There will be of course other inhabitants who will work there. I dream of an open place with cultural diversity which sets up against globalization[2]

(IT)

«Ho perso la mia città (Sarajevo, n.d.r.) durante la guerra. È per questo che ho voluto costruire il mio villaggio. Porta un nome tedesco: Kustendorf. Là organizzerò seminari per le persone che vogliono imparare a fare cinema, concerti, ceramiche, dipingere. È il luogo dove vivrò e dove qualcuno potrà venire di tanto in tanto. Ci saranno, naturalmente, altri abitanti che lavoreranno là. Sogno un luogo aperto con una diversità culturale che competa contro la globalizzazione»

(Emir Kusturica, luglio 2004)

Dal 2008 ospita il Küstendorf Film and Music Festival[3].

Note[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  • Sito ufficiale, su mecavnik.info (archiviato dall'url originale il 17 marzo 2008).