José Félix Estigarribia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
José Félix Estigarribia
Jose Estigarribia.jpg

34º Presidente del Paraguay
Durata mandato 15 agosto 1939 –
7 settmebre 1940
Vice Luis Alberto Riart
Predecessore Félix Paiva
Successore Higinio Morínigo Martínez

Dati generali
Partito politico Partito Liberale
Università Scuola di Agronomia
Scuola Superiore di Guerra
José Félix Estigarribia
NascitaCaraguatay, 21 febbraio 1888
MorteAltos, 7 settembre 1940
Cause della morteincidente aereo
Dati militari
Paese servitoParaguay Paraguay
Forza armataEsercito Paraguayano
Anni di servizio1911-1936
GradoMaresciallo (Postumo)
GuerreGuerra del Chaco
Comandante diEsercito Paraguayano (Comandante in capo)
voci di militari presenti su Wikipedia

José Félix Estigarribia Insaurralde (Caraguatay, 21 febbraio 1888Altos, 7 settembre 1940) è stato un generale e politico paraguaiano.

È stato Presidente del Paraguay in carica dal 15 agosto 1939 al 7 settembre 1940.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Diplomato in agronomia, Estigarribia si arruolò nell'esercito paraguayano e raggiunse il grado di generale. Entrato nello Stato Maggiore generale, assunse il comando della 1ª Divisione (unità militare) di fanteria e poi del I Corpo d'armata, apprestando le difese nel Chaco per una possibile guerra con la Bolivia. Allo scoppio della guerra del Chaco (1932-1935), assunse il comando dell'esercito, che guidò vittoriosamente fino a ottenere il grado di generale d'armata (istituito appositamente per lui) e comandante in capo delle forze armate.

Destituito ed esiliato a Montevideo dopo il golpe febrerista guidato dal colonnello Rafael Franco (1936), tornò come ministro plenipotenziario negli Stati Uniti dopo la caduta di Franco (1937). Eletto presidente della Repubblica per il Partido Liberal (1939), nell'agosto 1940 promulgò una nuova Costituzione che fissava la durata del mandato presidenziale a cinque anni e sostituiva il Senato con un Consiglio di Stato, formato dai membri del governo, da alti dignitari del mondo ecclesiastico, finanziario e universitario e da rappresentanti (nominati dal presidente della Repubblica) delle categorie economiche e professionali. Stipulò trattati commerciali con Argentina, Bolivia e Uruguay, ed ottenne un grosso prestito dagli Stati Uniti.

Morì assieme alla moglie Julia Miranda Cueto in un incidente aereo il 7 settembre 1940 e fu promosso post mortem al grado di maresciallo. I suoi resti riposano nel Panteón Nacional de los Héroes di Asunción.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Gran Maestro dell'Ordine Nazionale al Merito - nastrino per uniforme ordinaria Gran Maestro dell'Ordine Nazionale al Merito
Controllo di autoritàVIAF (EN77675400 · ISNI (EN0000 0001 1951 3664 · LCCN (ENn82220910 · GND (DE1056196521 · BNF (FRcb10659502g (data) · WorldCat Identities (ENn82-220910