Joone

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Ali Davoudian, meglio conosciuto con lo pseudonimo Joone (1969), è un fotografo, regista, imprenditore, produttore e talent scout iraniano naturalizzato statunitense attivo nel mondo della pornografia e dello spettacolo.

Come regista, si è aggiudicato due volte l'AVN Award. Nel 1993, Joone fondò lo studio Digital Playground e fu co-proprietario della società (insieme a Samantha Lewis) fino all'acquisizione della stessa dalla Manwin nel 2012.

Carriera[modifica | modifica wikitesto]

Filmografia parziale[modifica | modifica wikitesto]

Premi e riconoscimenti[modifica | modifica wikitesto]

  • 2006 AVN Award – Best Director, Video (Pirates)[1][2]
  • 2006 XRCO Award winner - Best Director[3]
  • 2009 AVN Award winner – Best Director, Feature (Pirates II)[4]
  • 2009 AVN Award winner – Best Screenplay (Pirates II) diviso con Max Massimo[4]
  • 2009 AVN Award winner – Best Videography (Pirates II) diviso con Oliver Henry[4]
  • 2009 Eroticline Awards winner - Best U.S. Director[5]
  • 2009 Hot d'Or Award winner - Best American Screenplay (Pirates II: Stagnetti's Revenge - Digital Playground)[6][7]
  • 2009 Hot d'Or Award winner - Best American Movie (Pirates II: Stagnetti’s Revenge - Digital Playground)[6][7]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ AVN Award Winners Announced, in AVN, 9 gennaio 2006. URL consultato il 1º marzo 2008 (archiviato dall'url originale il 23 febbraio 2008).
  2. ^ Joone Digital Playground's founder and the director of 'Pirates' holds up his award at AVN Awards Show in Las Vegas, in santabanta.com, 9 gennaio 2006. URL consultato il 15 aprile 2014.
  3. ^ Rhett Pardon, Porn Industry Shows Up for XRCO Awards, XBIZ, 21 aprile 2006. URL consultato il 6 ottobre 2014.
  4. ^ a b c David Sullivan, 2009 AVN Award-Winners Announced, AVN.com, 11 gennaio 2009. URL consultato l'11 gennaio 2009.
  5. ^ Gewinner 2009, pornaward.de. URL consultato il 15 aprile 2014.
  6. ^ a b Paul Fishbein, "Pirates II, Evil Angel Big Winners at 2009 Hot d’Or Awards", AVN.com. Retrieved June 6, 2012.
  7. ^ a b Hot d’Or archives presse x, articles sur les Hot d’or, Hot-dor.fr. URL consultato il 9 maggio 2014.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]