Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Jeff Hawke

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Jeff Hawke
Lingua orig.Lingua inglese
AutoreSydney Jordan
EditoreDaily Express
1ª app.15 febbraio 1954
Ultima app. in18 aprile 1974
app. it. in1965 rivista Linus[1] n.2[2]
SessoMaschio
Luogo di nascitaScozia
ProfessioneUfficiale Caposquadriglia Royal Air Force, astronauta, pilota aeronautico

Jeff Hawke è un personaggio immaginario creato da Sydney Jordan e protagonista di una omonima serie di strisce a fumetti giornaliere pubblicate in Gran Bretagna sul quotidiano Daily Express dal 1954 al 1974.[3][4][5]

L'autore scozzese si dedicò per quasi trent'anni, avvalendosi fino al 1969 del suo amico William Patterson nel ruolo di sceneggiatore[6]. Jeff Hawke è considerato un classico e un caposaldo della fantascienza a fumetti grazie alle storie dalle trame articolate e con personaggi ben caratterizzati.[7][8][9][5] Molte delle tematiche trattate saranno alla base della fantascienza futura, sia a fumetti che letteraria e cinematografica.[10] E' ritenuto una dei migliori del genere e una tappa fondamentale per l'evoluzione della fantascienza.[5]

Oltre rappresentare i mezzi meccanici con un realismo derivante dai suoi studi di ingegneria, Jordan arriva ad anticiparne le idee, avvalendosi dei progetti dell'industria aerospaziale;[10][6]. Nell'epoca della collaborazione di Patterson, la serie precorre i tempi, anticipando eventi realmente avvenuti e prevedendo lo sbarco sulla luna nell'estate 1969[11].[12][13][14]

Storia editoriale[modifica | modifica wikitesto]

Jeff Hawke
serie regolare a fumetti
Lingua orig.inglese
PaeseGran Bretagna
AutoreSydney Jordan
TestiSydney Jordan, William Patterson
DisegniSydney Jordan
1ª edizione15 febbraio 1954 – 18 aprile 1974
Periodicitàgiornaliera
Generefantascienza

La serie a strisce esordì sul quotidiano britannico Daily Express il 15 febbraio 1954 e venne pubblicata fino al 18 aprile 1974.[3][4][5][15] Essa nacque dalla passione di Jordan per il modellismo e per i fumetti di fantascienza che si divertiva a disegnare sin da adolescente, sviluppando il personaggio del militare britannico con due suoi amici, Eric Souster e Jim Gilbert. Il fumetto venne acquistato dal Daily Express nel 1954, incaricando Jordan di realizzare una serie a strisce. Le prime storie erano molto ingenue, con caratteri tipici della space opera di quegli anni, e con disegni mediocri anche se, grazie agli studi di Jordan presso la Miles Aeronautical Technical School, comunque caratterizzati da un taglio realistico che li differenziava notevolmente da quelli di serie simili come Flash Gordon e Brick Bradford. Jordan continuò da solo le prime strisce occupandosi sia dei testi che dei disegni. Inizialmente le trame seguono i canoni delle avventure di fantascienza del periodo e due anni subentrò il suo amico di vecchia data William Patterson, per occuparsi delle sceneggiature, contribuendo notevolmente alla maturità della serie e divenendo, dal 1960 , il principale autore delle sceneggiature fino al 1969.[16][6] Grande appassionato di fantascienza e di autori come Asimov, Clarke e Simak, Patterson introdusse nuovi personaggi allargando il campo d'azione della serie[17] e questo permise a Jordan di concentrarsi meglio sui disegni, permettendo così un miglioramento dello stile; questo viene considerato il periodo migliore della serie.[18] Patterson abbandona l'impegno nel 1969 per motivi di salute.[18] Oltre a Jordan e Patterson altri autori collaborarono alle sceneggiature: Leslie Hatch, Duncan Lunan, Harry Harrison, Marise Morland e Gordon Dick mentre Jordan venne aiutato nella realizzazione dei disegni da Nick Faure, Paul Neary, Martin Asbury e Brian Bolland non sempre però accreditati.[15]

La serie venne interrotta nel 1974 - l'ultima striscia fu pubblicata il 18 aprile 1974 - e Jordan interruppe anche i rapporti con il Daily Express perché l'editore non gli riconosceva i diritti sul personaggio e così, nel 1976, realizzò per lo Scottish Sunday Mail una nuova serie di fantascienza ambientata nel 2076, incentrata sul medico spaziale Lance McLane, una versione di Jeff Hawke proiettata ulteriormente nel futuro.[6] Di questa serie realizzò 351 strisce (contrassegnate da una M). Jordan, nel 1979, riprese il personaggio accordandosi con una grande agenzia per distribuire la serie negli Stati Uniti. La nuova serie nacque come evoluzione di quella su Lance McLane nella quale Jeff Hawke finisce in un buco nero che lo fa viaggiare nel tempo fino al 2076; per la nuova serie di Jeff Hawke vennero così utilizzate ambientazioni e personaggi - oltre anche a molte strisce già realizzate - della serie di Lance McLane. La nuova serie venne definitivamente interrotta all'inizio degli anni ottanta quando l'autore decise di dedicarsi all'attività di sceneggiatore per il cinema.[19]

Edizione italiana[modifica | modifica wikitesto]

In Italia,[1][2], il quotidiano Il Giorno iniziò a pubblicare Jeff Hawke il 24-4-1962 con la striscia n. 1103 e ha proseguito ininterrottamente la serie cronologica fino al 12-5-1966 con la striscia n. 3644. Il 13-5-1966 ha ripreso la serie a partire dalla striscia n. 1, terminando bruscamente il personaggio con la striscia n. 480 del 12-3-1967[senza fonte]. Nel frattempo Jeff Hawke fu pubblicato nel 1965 sul secondo numero[20] della rivista Linus[21] che poi continuò a inserire storie complete in numeri e supplementi successivi fino al 1983. Dai primi anni settanta fu pubblicato pure in gruppi di strisce nel quotidiano romano Il Messaggero.[senza fonte]. La Stampa Sera di Torino pubblicò a partire dal 25-10-1971 le strisce da H2290 a H3951. Successivamente la Milano Libri, del gruppo Rizzoli Editore, ha organizzato e pubblicato le storie (da H0001 a H 8865) in una bella serie di volumi, indicandolo, nella presentazione di copertina, come "il primo fumetto avventuroso adulto". La storia inedita La beffa del tempo (107 strisce) fu pubblicata nel 1987 sui numeri 10 e 11 della rivista Corto Maltese. Nel 2014 la Fondazione Rosellini ha pubblicato due volumi con le ultime avventure di Jeff Hawke, le strisce da H 8866 a H 9454 (nel primo) e Vele nel Rosso Tramonto e Il Diavolo a Rennes-le-Château, breve storia autoconclusiva nel secondo.

Biografia del personaggio[modifica | modifica wikitesto]

In un futuro imprecisato - prossimo all' epoca della pubblicazione - Robert Jeffrey Hawke, detto Jeff, è un ingegnere e pilota collaudatore della R.A.F. dotato di intuito e di preparazione scientifica.[3][4][22]Biondo ed atletico, è dotato di sangue freddo ed elevata moralità[5].La sua residenza è in Church Street nel quartiere londinese di Kensington[3]. Il suo migliore amico e collaboratore - incontrato successivamente - è il tecnico canadese di origine scozzese Mac MacLean[5].

A seguito ad una collisione aerea con un disco volante, Jeff è sul punto di morire[3] ma viene salvato in extremis dagli alieni, chiamati gli "Esseri Celesti", che una volta guarito gli propongono di ritornare sulla Terra con la memoria rimossa o divenire una sorta di ambasciatore terrestre, per la risoluzione di questioni con il Cosmo.[23] Hawke opta per la seconda alternativa, che lo porterà in una lunga serie di avventure con incontri e situazioni di tutti i tipi[3][5] spesso accompagnato dal suo alter ego Mac Mclean[4]. Tra incontri e controversie con razze di mondi lontanissimi - progredite ma con debolezze più che umane - Hawke incorre nei misteri che affascinano i Terrestri, dal mostro di Loch Ness alla leggenda della Lampada di Aladino, in realtà un comunicatore alieno finito sulla scrivania di un archeologo londinese.[24]. Con il tempo il personaggio stesso di Jeff Hawke acquistò il ruolo di uomo di ragionamento, di diplomazia e virtù morali, il cui fine è essere indagatore della verità assetato di conoscenza[25], che propugna un sapere unico e indivisibile, sintesi di quello umanistico e di quello scientifico[26], facendosi guidare da un'intelligenza intuitiva, una preparazione scientifica e un'apertura mentale davvero straordinarie.

[27] Di ritorno da una missione, Jeff finisce in un buco nero dal quale viene salvato nuovamente dagli Esseri Celesti ma si ritrova proiettato in un futuro apocalittico, nel tardo secolo ventunesimo, in una Terra colpita da nuova glaciazione.[28]

Personaggi[modifica | modifica wikitesto]

  • Mac MacLean: collega di Jeff, ingegnere, pilota ed astronauta canadese di orgine scozzese. Impulsivo ma dotato di coraggio e spirito d'iniziativa, funge da spalla in molte avventure; appassionato di auto da corsa e alpinismo. È l'unico terrestre che ritorna frequentemente nella serie;[5][29]
  • Laura Gilton: È la fidanzata di Hawke. Appare nel secondo episodio come la figlia di un medico di campagna che risiede nei pressi dell'aeroporto dove Jeff presta servizio. Laura accompagna Jeff e Mac fino al dodicesimo episodio.[29]
  • Kolvorok: Ufficiale della Polizia Intergalattica, avventato braccio destro di Sua Eccellenza. È un singolare personaggio comico, dal corpo a forma di limone, monocolo e tentacolato. Lo tollera a malapena il suo superiore, un umanoide dall'aspetto di rettile e dal tono cattedratico, testimoniato nella nuvoletta da un lettering maiuscolo stile Times.[senza fonte]
  • Chalcedon: gigantesco umanoide extraterrestre[29], arrogante, ipocrita e spietato e megalomane è un criminale interstellare che incrocia spesso la strada del protagonista;[5] Patterson afferma di essersi ispirato a sé stesso attraverso un personaggio che dall'aspetto ricorda gli antichi ribelli di Scozia datisi al brigantaggio.[senza fonte] Nell'ultimo episodio con McLean, Kolvorok narra dell'ultima fuga del bandito lanciandosi da un dirupo. Un personaggio simile, anch'egli fuorilegge e dal nome vagamente scozzese, appare in "Il biscazziere".[senza fonte]
  • Fortuna: avvenente androide telepate dalle fattezze umane femminili, creata dai maghi di Anacoreta, un pianeta di scienziati; è innamorata di Jeff;[5]
  • Esseri Celesti: Creature incorporee luminescenti che appaiono nel primo episodio, offrendo a Hawke dapprima salvezza e poi slancio per le avventure spaziali. Tornano venti anni dopo salvando il protagonista da un buco nero a costo dell'esilio temporale.[senza fonte]
  • Ultar: Abitante di Marte, di forma umana e viso angelico. Esemplare di una linea di alieni geneticamente modificati atti a popolare la Terra in seguito all'invasione marziana. Diversamente dai loro capostipiti orrendi e spietati, i marziani di Ultar sono pacifici ed aiutano i terrestri a sconfiggere i primi scongiurando la catastrofe. In alcuni successivi episodi Ultar ed altri marziani collaborano con Hawke e Mac.
  • Cappuccio: avventuriero, seduttore ed impostore. Vive in una corazza conica.[5]

Elenco degli episodi[modifica | modifica wikitesto]

Le strisce sono identificate da un codice con la lettera H seguita dal numero progressivo. Le pubblicazioni sul Daily Express terminano il 18 aprile 1974 con la striscia H6175. Jordan negli anni successivi pubblica nuovi episodi arrivando alla H6487.

Nel 1976 esordì la striscia Lance McLane con tematiche simili a quelle di Jeff Hawke che permise, per il mercato estero, di proporre le strisce del nuovo personaggio come se fossero di Jeff Hawke, realizzando delle strisce di raccordo che spiegano perché Jeff Hawke si trovasse qualche decennio nel futuro occupando il corpo di Lance McLane.

Poté così proseguire, almeno per il mercato estero, la numerazione delle strisce, sino alla striscia H8865 escludendo dalla numerazione le prime strisce di Lance McLane.

Oltre a queste strisce esistono altre storie realizzate appositamente per la rivista italiana Corto Maltese negli anni ottanta[30] che portano le sigle NB1-NB106.[15]

Cronologia delle strisce
n. Titolo Testi[31] Disegni[31] Strisce Data prima pubblicazione
1 Jeff Hawke Space Rider (id. id.) SJ SJ 1 - 138 1954-02-15 / 1954-07-26
2 L'invasione dei marziani (The Martian Invasion) SJ SJ 139 - 388 1954-07-27 / 1955-06-22
3 (The Search For Asteron) SJ SJ 389 - 502 1955-06-23 / 1955-11-01
4 La minaccia del passato (The Threat Of The Past) SJ SJ 503 - 642 1955-11-02 / 1956-04-16
5 L'energia contraria (Opposite Power) SJ SJ 643 - 702 1956-04-17 / 1956-06-25
6 Asilo (Sanctuary) WP/SJ SJ 703 - 809 1956-06-26 / 1956-10-27
7 L'isola inquieta (Unquiet Island) WP SJ 810 - 927 1956-10-29 / 1957-03-16
8 Il naufrago (The Castaway) SJ SJ 928 - 1098 1957-03-18 / 1957-10-03
9 Separati (Out Of Touch) HH SJ 1099 - 1253 1957-10-04 / 1958-04-05
10 Spacciatori di droga (The Dream Pedlars) SJ SJ 1254 - 1399 1958-04-07 / 1958-09-23
11 Antipodi (Poles Apart) WP/SJ SJ 1400 - 1544 1958-09-24 / 1959-03-13
12 Sacrificio (Sacrifice) SJ SJ 1545 - 1712 1959-03-14 / 1959-09-26
13 Tempo mentale (Time Out Of Mind) SJ SJ 1713 - 1824 1959-09-28 / 1960-02-09
14 Il dominatore (Overlord) WP SJ 1825 - 1939 1960-02-10 / 1960-06-20
15 Sopravvivenza (Survival) WP SJ 1940 - 2011 1960-06-21 / 1960-09-12
16 La lampada miracolosa (Wondrous Lamp) WP SJ 2012 - 2163 1960-09-13 / 1961-03-11
17 Avvocato difensore (Counsel For The Defense) WP SJ 2164 - 2285 1961-03-13 / 1961-08-02
18 Un esperto (Pastmaster) WP SJ 2286 - 2351 1961-08-03 / 1961-10-18
19 I giocattoli immortali (Immortal Toys) WP SJ 2352 - 2494 1961-10-19 / 1962-04-05
20 Gli ambasciatori (The Ambassadors) WP SJ 2495 - 2578 1962-04-06 / 1962-07-13
21 Il biscazziere (The Gamesman) WP SJ 2579 - 2639 1962-07-14 / 1962-09-23
22 Un esame (A Test Case) WP SJ 2640 - 2724 1962-09-24 - 1963-01-02
23 Via il pacco (Pass The Parcel) SJ SJ 2725 - 2816 1963-01-03 / 1963-04-20
24 Sostituzione (The Changeling) WP SJ 2817 - 2884 1963-04-21 / 1963-07-08
25 Rip Van Haddow (id. id.) WP SJ 2885 - 2950 1963-07-09 / 1963-09-24
26 Figliol prodigo (Prodigal Son) WP SJ 2951 - 3024 1963-09-25 / 1963-12-19
27 Nell'abisso (Uncanny Deep) WP SJ 3025 - 3082 1963-12-20 / 1964-01-27
28 Chi vince prende tutto (Winner Gain All) SJ SJ 3083 - 3152 1964-01-28 / 1964-05-21
29 Terra perduta (Faery Land Forlorn) WP SJ 3153 - 3238 1964-05-22 / 1964-08-29
30 Il fronte dell'interferenza (A Foreign Body) WP SJ 3239 - 3283 1964-08-31 / 1964-10-22
31 Naufragio lunare (Moonstruck) SJ SJ 3284 - 3327 1964-10-23 / 1964-12-11
32 La mano amica (The Helping Hand) WP SJ 3328 - 3395 1964-12-12 / 1965-03-03
33 L'uomo antigravità (Anti-gravity Man) WP SJ 3396 - 3504 1965-03-04 / 1965-07-09
34 Made In Birmingham (id. id.) WP SJ 3505 - 3566 1965-07-10 / 1965-09-20
35 La sonda petrolifera (The Oil Rig) WP SJ 3567 - 3623 1965-09-21 / 1965-11-25
36 Incognito (id. id.) WP SJ 3624 - 3644 1965-11-26 / 1965-12-20
37 La traversata atlantica (The Great Atlantic Crossing) WP SJ 3645 - 3735 1965-12-21 / 1966-04-08
38 Libertà (Getaway) WP SJ 3736 - 3753 1966-04-09 / 1966-04-29
39 Fantasma Errante (Ghost Errant) WP SJ 3754 - 3819 1966-04-30 / 1966-07-15
40 Consiglio legale (A Word Of Advice) WP SJ 3820-3846 1966-07-16 / 1966-08-16
41 Esseri intelligenti (The Intelligent Ones) WP SJ 3847 - 3896 1966-08-17 / 1966-10-13
42 Wildcat (id. id.) WP SJ 3897 - 3951 1966-10-14 / 1966-12-16
43 Via terra (Overlord) WP SJ 3952 - 4084 1966-12-17 / 1967-05-24
44 Il motore che andava ad erba (The Engine That Worked On Grass) WP SJ 4085 - 4173 1967-05-25 / 1967-09-05
45 Il buco nello spazio (The Hole In Space) WP SJ 4174 - 4261 1967-09-06 / 1967-12-16
46 The Venusian Club (id. id.) WP SJ 4262 - 4361 1967-12-18 / 1968-04-15
47 Catastrofe (Cataclysm) WP SJ 4362 - 4433 1968-04-16 / 1968-07-09
48 Poltergeist (The Poltergeist) WP SJ 4434 - 4517 1968-07-10 / 1968-11-22
49 Stella vagabonda (Rogue Star) WP SJ 4518 - 4595 1968-11-23 / 1969-02-24
50 La Luna esplode (The Day The Moon Nearly Exploded) WP SJ 4596 - 4643 1969-02-25 / 1969-04-21
51 L'astronave misteriosa (The Strange Ship) WP SJ 4644 - 4700 1969-04-22 / 1969-06-29
52 La figlia di Eros (Daughter Of Eros) SJ SJ/NF 4701 - 4839 1969-06-30 / 1969-12-08
53 S. O. S. (id. id.) SJ SJ/NF 4840 - 4916 1969-12-09 / 1970-03-10
54 Spedizione di soccorso (Rescue Party) SJ SJ/NF 4917 - 5008 1970-03-11 / 1970-07-01
55 Chacondar! (id. id.) SJ SJ/NF 5009 - 5074 1970-07-02 / 1970-09-16
56 Il libro dei mondi (The Book Of The Worlds) SJ SJ/NF 5075 - 5172 1970-09-17 / 1971-01-10
57 Il tempo è scombinato (Time Is Out Of Joint) SJ SJ/NF 5173 - 5254 1971-01-12 / 1971-04-20
58 Un giorno ti troverò (Someday I'll Find You) SJ SJ/NF 5255 - 5330 1971-04-21 / 1971-07-17
59 Le api di Daedalus (The Bees On Daedalus) SJ SJ/NF 5331 - 5400 1971-07-19 / 1971-10-07
60 Hic sunt tigres (Here Be Tygers) SJ SJ/NF 5401 - 5498 1971-10-08 / 1972-02-01
61 Selena (id. id.) SJ SJ/NF 5499 - 5625 1972-02-02 / 1972-06-29
62 Inquilino senza contratto (Sitting Tenants) SJ SJ/NF 5626 - 5778 1972-06-30 / 1973-01-01
63 Il mistero di Shorty (Shorty's Secret) SJ SJ/NF/MA 5779 - 5904 1973-01-02 / 1973-05-31
64 In fuga (On The Run) SJ SJ/NF 5905 - 6001 1973-06-01 / 1973-09-21
65 Il racconto della cometa (The Comet's Tale) SJ SJ/NF 6002 - 6118 1973-09-22 / 1974-02-09
66 Prima persona plurale (The First Person Plural) SJ SJ/NF 6119 - 6175 1974-02-11 / 1974-04-18
67 I venti di Marte (The Winds Of March) SJ SJ 6176 - 6257 1975-11-04 / 1976-??-??
68 Moratorro (id. id.) SJ SJ 6258 - 6413 1975-05-05 - 1975-11-01
69 Erede legittimo (Heir Apparent) SJ SJ/BB/PN 6414 - 6493
70 La donna che fu re (?) 6494 - 6590
71 Lo scioglighiaccio (The Ice burner) 6591 - 6655
72 Cerchio di gesso (Chalk circle) 6656 - 6697
73 Apprendista stregone(?) 6698 - 6782
74 Il canto dell'Auriga (?) 6783 - 6865
75 La piccola gente (?) 6866 - 6902
76 Lo spettro possibile (?) 6903 - 6953
77 Voodoo (id) 6954 - 6995
78 L'artigiano delle stelle (?) 6996 - 7103
79 Fratello di sangue (?) 7104 - 7153
80 I bei tempi andati (?) 7154 - 7289
81 S. Giorgio e il drago (?) 7290 - 7322
82 Messia (Messiah) 7323 - 7422
83 Una notte ricordata (?) 7423 - 7506
84 Sirene cosmiche (?) 7507 - 7607
85 Il posabasi (?) 7608 - 7696
86 Vendita per corrispondenza (?) 7697 - 7753
87 La rocca dei Templari (?) 7754 - 7837
88 Time out (id) 7838 - 7881
89 2182 A.D. (id) 7882 - 7955
90 A casa è il marinaio (?) 7956 - 8060
91 Storie congelate (?) 8061 - 8168
92 La fenice di Pasqua (?) 8169 - 8279
93 Tangaroa (id) 8280 - 8344
94 Il nido della fenice (?) 8345 - 8437
95 Parlo con gli alberi (?) 8438 - 8504
96 Predatori alieni (?) 8505 - 8575
97 Squalo dei cieli (?) 8576 - 8645
98 I sogni che verranno (?) 8646 - 8753
99 Il naufragio dell'esercito del faraone (?) 8754 - 8865

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Gianni Bono e Leonardo Gori (a cura di), Eroi per forza- Cartoomics 2000 - Storia, personaggi e percorsi del fumetto e del cartone animato statunitense, Epierre, 2000, p. 230.
  2. ^ a b http://www.slumberland.it/contenuto.php?id=11015
  3. ^ a b c d e f FFF - JEFF HAWKE, su www.lfb.it. URL consultato il 25 maggio 2017.
  4. ^ a b c d Jeff Hawke, su www.guidafumettoitaliano.com. URL consultato il 25 maggio 2017.
  5. ^ a b c d e f g h i j k Jeff Hawke ∂ Fantascienza.com, in Fantascienza.com. URL consultato il 25 maggio 2017.
  6. ^ a b c d FFF - JEFF HAWKE, su www.lfb.it. URL consultato il 25 maggio 2017.
  7. ^ Repubblica.it/SPECIALE- I grandi classici del fumetto, su www.repubblica.it. URL consultato il 25 maggio 2017.
  8. ^ (IT) Jeff Hawke ∂ Fantascienza.com, in Fantascienza.com. URL consultato il 25 maggio 2017.
  9. ^ Jeff Hawke - Fumetto di fantascienza di Jordan e Patterson, su www.slumberland.it. URL consultato il 25 maggio 2017.
  10. ^ a b Jeff Hawke - Fumetto di fantascienza di Jordan e Patterson, su www.slumberland.it. URL consultato il 25 maggio 2017.
  11. ^ Nella striscia H1760 dell'episodio Tempo mentale, pubblicata il 21 novembre 1959, appare un cippo commemorativo su un primo sbarco terrestre sulla luna datato 4 agosto 1969: un'approssimazione di appena due settimane dal vero allunaggio del 21 luglio 1969.
  12. ^ Sulla Luna con Jeff Hawke, prima di Armstrong - afnews.info, in afnews.info, 5 luglio 2009. URL consultato il 25 maggio 2017.
  13. ^ Jeff Hawke Club: Cosmos Vol.1 N.1, su www.jeffhawke.com. URL consultato il 25 maggio 2017.
  14. ^ FFF - JEFF HAWKE, su www.lfb.it. URL consultato il 25 maggio 2017.
  15. ^ a b c Jeff Hawke - Fumetto di fantascienza di Jordan e Patterson, su www.slumberland.it. URL consultato il 25 maggio 2017.
  16. ^ Jeff Hawke - Fumetto di fantascienza di Jordan e Patterson, su www.slumberland.it. URL consultato il 25 maggio 2017.
  17. ^ (IT) Jeff Hawke ∂ Fantascienza.com, in Fantascienza.com. URL consultato il 25 maggio 2017.
  18. ^ a b Jeff Hawke, il ritorno | Leggere:tutti, su www.leggeretutti.net. URL consultato il 25 maggio 2017.
  19. ^ FFF - JEFF HAWKE, su www.lfb.it. URL consultato il 25 maggio 2017.
  20. ^ linus - La più importante e prestigiosa rivista di fumetti italiana, su www.slumberland.it. URL consultato il 25 maggio 2017.
  21. ^ Gianni Bono e Leonardo Gori (a cura di), Eroi per forza- Cartoomics 2000 - Storia, personaggi e percorsi del fumetto e del cartone animato statunitense, Epierre, 2000, p. 230.
  22. ^ Jeff Hawke, il ritorno | Leggere:tutti, su www.leggeretutti.net. URL consultato il 25 maggio 2017.
  23. ^ Jeff Hawke - Fumetto di fantascienza di Jordan e Patterson, su www.slumberland.it. URL consultato il 25 maggio 2017.
  24. ^ (IT) Jeff Hawke ∂ Fantascienza.com, in Fantascienza.com. URL consultato il 25 maggio 2017.
  25. ^ Jeff Hawke, I giocattoli immortali, striscia n. 2480
  26. ^ Gianfranco Goria, Chi è Jeff Hawke, in S. Jordan, W. Patterson, I Classici del Fumetto di Repubblica: Jeff Hawke, Gruppo Editoriale l'Espresso S.p.A. - Divisione la Repubblica, Roma 2003, pag. 5
  27. ^ Repubblica.it/SPECIALE- I grandi classici del fumetto, su www.repubblica.it. URL consultato il 25 maggio 2017.
  28. ^ 69º episodio, Erede legittimo
  29. ^ a b c Jeff Hawke - Fumetto di fantascienza di Jordan e Patterson, su www.slumberland.it. URL consultato il 25 maggio 2017.
  30. ^ pubblicato sui numeri 49 e 50 dell'ottobre-novembre 1987
  31. ^ a b SJ=Sidney Jordan; WP=William Patterson; NF=Nick Faure; HH=Harry Harrison; BB=Brian Bolland; PN=Paul Neary; MA=Martin Asbury

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]