James Bradburne

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
James M. Bradburne (a sinistra), allora direttore della Fondazione Palazzo Strozzi, assieme ad Armando Punzo (a destra).

James M. Bradburne (Toronto, 30 settembre 1955) è un architetto e museologo britannico.

Da luglio 2015 è direttore generale della Pinacoteca di Brera e dell'annessa Biblioteca Braidense.[1][2] A questo ruolo è stato chiamato tramite selezione internazionale del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, su iniziativa del ministro Dario Franceschini.[3]

Vita e formazione[modifica | modifica wikitesto]

Nato in Canada ma cittadino britannico,[4] ha studiato architettura prima in Canada, seguendo il Royal Architecture Syllabus Programme a Vancouver, e poi a Londra, presso la Architectural Association School of Architecture. Ha poi completato la sua formazione presso l'Università di Amsterdam e il Getty Leadership Institute for Museum Management.[2]

Ha diretto, a vario titolo, diverse strutture museali o culturali: il newMetropolis science and technology centre di Amsterdam (09/1994 - 12/1998), il Museum für angewandte Kunst di Francoforte sul Meno (01/1999 - 12/2002), la Next Generation foundation nel Regno Unito (01/2003 - 08/2006).

Più di recente, è stato a capo di importanti istituzioni museali italiane. È stato direttore generale della Fondazione Palazzo Strozzi a Firenze dal settembre 2006 al giugno 2015, data dalla quale ricopre a Milano la carica di direttore generale della Pinacoteca di Brera e della Biblioteca Nazionale Braidense.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Dr. James M. Bradburne AADipl Muséologue/concepteur. Curriculum vitæ (PDF), su Dr. James M. Bradburne. URL consultato il 19 giugno 2016.
  2. ^ a b Vittorio Nuti, Chi sono i "superdirettori" dei musei nominati da Franceschini, in Il Sole 24 Ore, 18 agosto 2015. URL consultato il 19 giugno 2016 (archiviato dall'url originale il 15 agosto 2016).
  3. ^ Selezione pubblica per i direttori dei musei italiani. Franceschini: si volta pagina, nuovi direttori da tutto il mondo. Orgogliosi di queste scelte. Per i musei italiani un passo storico dopo decenni di ritardi, su MIBACT, 1º agosto 2015. URL consultato il 26 giugno 2016 (archiviato dall'url originale il 18 settembre 2016).
  4. ^ (EN) Jasper Rees, 'Everything I do is to create an environment that allows people to take out of the art what the artist has put in', su Christie's, 9 agosto 2016. URL consultato il 2 agosto 2021.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN29755082 · ISNI (EN0000 0001 1564 1650 · LCCN (ENno99012109 · GND (DE123436257 · BNF (FRcb144554718 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-no99012109