James Bradburne

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
James M. Bradburne (a sinistra), allora direttore della Fondazione Palazzo Strozzi, assieme ad Armando Punzo (a destra).

James M. Bradburne (30 settembre 1955) è un architetto e museologo canadese naturalizzato britannico.

Da luglio 2015 è direttore generale della Pinacoteca di Brera e dell'annessa Biblioteca Braidense.[1][2] A questo ruolo è stato chiamato tramite selezione internazionale del Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo, su iniziativa del ministro Dario Franceschini.[3] In occasione dello stesso concorso è stata anche assegnata la direzione generale della Galleria degli Uffizi a Eike Schmidt.[4]

Vita e formazione[modifica | modifica wikitesto]

È nato in Canada e ha studiato architettura prima in Canada, seguendo il Royal Architecture Syllabus Programme a Vancouver, e poi a Londra, presso la Architectural Association School of Architecture. Ha poi completato la sua formazione presso l'Università di Amsterdam e il Getty Leadership Institute for Museum Management.[2]

Ha diretto, a vario titolo, diverse strutture museali o culturali: il newMetropolis science and technology centre di Amsterdam (09/1994 - 12/1998), il Museum fűr Angewandte Kunst di Francoforte sul Meno (01/1999 - 12/2002), la Next Generation foundation nel Regno Unito (01/2003 - 08/2006). Più di recente, è stato a capo di importanti istituzioni museali italiane. È stato direttore generale della Fondazione Palazzo Strozzi a Firenze dal settembre 2006 al giugno 2015, data dalla quale ricopre la carica di direttore generale della Pinacoteca di Brera e della Libreria Nazionale Braidense.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b Curriculum vitæ.
  2. ^ a b James Bradburne alla Pinacoteca di Brera. Il Sole 24 Ore, 2015-08-18. Accesso: 2016-06-19.
  3. ^ MIBACT, Selezione pubblica per i direttori dei musei italiani, 1 agosto 2015, accesso 26 giugno 2016.
  4. ^ Terne dei direttori dei musei autonomi di livello dirigenziale generale, Ministero dei beni e delle attività culturali e del turismo. Accesso 2016-06-20.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]