Jacques Rabemananjara

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Jacques Rabemananjara (Maroantsetra, 23 giugno 1913Parigi, 2 aprile 2005) è stato uno scrittore e politico malgascio.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nasce il 23 giugno del 1913 a Maroantsetra, nel nord-est del Madagascar. Sua madre è la figlia di un notabile locale della etnia betsimisaraka, mentre il padre è un membro della aristocrazia merina degli altipiani centrali.[1]

Nel 1927 inizia i suoi studi al seminario di Île Sainte-Marie, per poi trasferirsi ad Antananarivo. Nella capitale fonda e dirige la Revue des Jeunes de Madagascar, stabilendo stretti legami con il poeta Jean-Joseph Rabearivelo.[1]

Nel 1939 parte per Parigi come delegato alle celebrazioni del centocinquantesimo anniversario della Rivoluzione francese e ottiene di potervi restare per proseguire la sua formazione letteraria alla Sorbona, ottenendo al tempo stesso un incarico presso il Ministero delle colonie.[1]

Fonda nel 1947 con altri la rivista Présence africaine.[senza fonte]

Nel novembre del 1946 viene eletto deputato all'Assemblée Nationale nelle file del Mouvement démocratique de la rénovation malgache (MDRM); pochi mesi dopo, nell'aprile del 1947, viene imprigionato con l'accusa di aver fomentato la rivolta malgascia del 1947, condannato e trattenuto in carcere fino al 1956.[1]

Al periodo della prigionia risalgono alcune delle sue opere più note, tra cui volumi di poesie Antsa (1948) e Lamba (1956).

Ottenuta la grazia nel 1956, deve attendere l'indipendenza del Madagascar nel 1960 prima di poter rientrare in patria. Partecipa attivamente alla vita politica della prima repubblica malgascia e viene nominato più volte ministro in seno ai governi del presidente Philibert Tsiranana.[2]

Nel 1972, dopo il colpo di stato che porta al potere il generale Gabriel Ramanantsoa, va in esilio spontaneo a Parigi.[2]

Nel 1992 ritorna in patria per partecipare, come candidato indipendente, al primo turno delle elezioni presidenziali, ottenendo il 2,8% dei voti.[3]

Torna a Parigi, dove muore, il 2 aprile del 2005, all'età di 92 anni.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b c d e Jacques Rabemananjara (1913-2005), in Assemblée Nationale de France - Base de données des députés français depuis 1789.
  2. ^ a b Jacques Rabemananjara, in Île en île, un site pour valoriser les ressources informatives et culturelles du monde insulaire francophone, Lehman College.
  3. ^ Madagascar: 1992/1993 Presidential election results, Electoral Institute for Sustainable Democracy in Africa (EISA). URL consultato l'8 marzo 2014 (archiviato dall'url originale l'8 marzo 2014).

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN116152027 · ISNI (EN0000 0001 2148 5498 · LCCN (ENn82063592 · GND (DE118787586 · BNF (FRcb119209400 (data) · BNE (ESXX1098226 (data) · WorldCat Identities (ENlccn-n82063592