Jacqueline Risset

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Jacqueline Risset (Besançon, 25 maggio 1936Roma, 3 settembre 2014[1]) è stata una poetessa, critica letteraria e traduttrice francese.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Jacqueline Risset fu critico letterario, traduttrice e docente universitaria. Specialista di Dante, tradusse in francese la Divina Commedia.

Dal 1967 al 1982, è stata membro del comitato di redazione della rivista Tel Quel.

Allieva dell'École normale supérieure, fu docente di letteratura francese all'Università degli Studi Roma Tre, dove diresse il Centro di Studi italo-francesi[2], nato nel 1996 dalla donazione con cui lo stato francese aveva trasferito all'ateneo romano il fondo bibliotecario dell'ex Centre Culturel Française di Palazzo Capizucchi[2].

Fu inoltre nel comitato di redazione della rivista Poesia "Mensile internazionale di cultura poetica"[3].

È sepolta nel Cimitero acattolico di Roma.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Poesia[modifica | modifica wikitesto]

  • Jeu, Seuil, « Tel Quel », 1971
  • Mors, Orange Export Ltd, 1976
  • La Traduction commence, Christian Bourgois, 1978 ISBN 2-267-00107-1
  • Sept passages de la vie d'une femme, Paris: Flammarion, 1985 ISBN 2-08-064769-5
  • L'Amour de loin, Flammarion, 1988
  • Petits éléments de physique amoureuse, Gallimard, «L'infini», 1991
  • Les Instants, Tours: Farrago, 2000 ISBN 2-84490-039-9
    • Il tempo dell'istante. Poesie scelte 1985-2010, trad. dell'autrice, Torino: Einaudi, 2011

Saggi[modifica | modifica wikitesto]

Traduzioni in francese[modifica | modifica wikitesto]

Traduzioni in italiano e curatele[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Francesco Laurenti, Preistoria di una traduzione. La Divine Comédie francese di Jacqueline Risset, in "L'Alighieri", a. LII, n. 37, gennaio-giugno 2011, pp. 161-168.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN64011112 · ISNI (EN0000 0001 2136 360X · LCCN (ENn82144460 · GND (DE17233294X · BNF (FRcb11922061z (data) · WorldCat Identities (ENn82-144460