Ivan Segreto

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ivan Segreto
NazionalitàItalia Italia
GenerePop rock[1]
Periodo di attività musicale2003 – in attività
EtichettaSony Music, Epic
Album pubblicati3
Studio3
Sito ufficiale

Ivan Segreto (Sciacca, 25 marzo 1975) è un cantautore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Cantautore, arriva al successo nel 2004 con Porta vagnu, un brano easy listening in lingua siciliana e con sonorità jazz. Porta vagnu è anche il titolo del suo album d'esordio, prodotto da Federico Fiorentino e pubblicato dalla Sony,[2] che immediatamente ha posto Ivan Segreto all'attenzione del pubblico e della critica (l'album è stato nominato miglior album di debutto 2004 nella classifica della rivista Musica e Dischi).[senza fonte]

Dal 2004 ha aperto i concerti di Franco Battiato. Nel 2005, confermando la sua passione per il jazz e lo swing, ha pubblicato Fidate correnti, disco prodotto da Marti Jane Robertson e uscito ancora una volta per la Sony.[2] Nel 2006 ha partecipato al 56º Festival di Sanremo nella categoria "Giovani" con il brano Con un gesto. Eliminato durante la terza serata, il brano è stato inserito nella ristampa del suo secondo disco Fidate correnti.

Nel giugno del 2007 è stato pubblicato il terzo disco Ampia, uscito per la Epic,[2] che contiene partecipazioni di Franco Battiato, Paolo Fresu e Giovanni Sollima.[1]

Il 25 settembre 2010 Ivan Segreto si esibì a Cesena al festival musicale Woodstock 5 Stelle organizzato dal blog di Beppe Grillo e trasmesso dal canale televisivo Play.me, che proprio con questa diretta aprì la neonata emittente[3].

Nell'ottobre del 2011 è stato pubblicato il quarto disco Chiaro, preceduto dall'E.P. Ristoro pubblicato nel giugno dello stesso anno.

Nel 2014 apre la sua etichetta discografica BRADÍLOGO e per questa pubblica il suo lavoro Integra, che riceve la nomination al Premio Tenco come miglior album dell'anno.

Discografia[modifica | modifica wikitesto]

Album[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ a b (EN) Biografia di Ivan Segreto su allmusic.com, su allmusic.com. URL consultato il 20 novembre 2010.
  2. ^ a b c Biografia di Ivan Segreto su rockol.it, su rockol.it. URL consultato il 20 novembre 2010.
  3. ^ Woodstock 5 stelle: il festival musicale di Beppe Grillo in diretta su Play.me, soudsblog.it, 22 settembre 2010. URL consultato l'11 febbraio 2013.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN232925492 · SBN IT\ICCU\UBOV\007521