Incidente del Q400 di Horizon Air del 2018

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Incidente aereo di Seattle
N449QX LAX (31294957790).jpg
Il velivolo coinvolto, fotografato a Los Angeles nell'aprile 2015
Tipo di eventoIncidente
Data10 agosto 2018
TipoFurto dell'aereo; azione suicida del pilota
LuogoKetron Island
StatoStati Uniti Stati Uniti
Coordinate47°09′23.35″N 122°37′59.462″W / 47.156486°N 122.633184°W47.156486; -122.633184Coordinate: 47°09′23.35″N 122°37′59.462″W / 47.156486°N 122.633184°W47.156486; -122.633184
Tipo di aeromobileBombardier Dash 8-400
OperatoreHorizon Air per conto di Alaska Airlines
Numero di registrazioneN449QX
PartenzaAeroporto Internazionale di Seattle-Tacoma, Seattle, Stati Uniti
DestinazioneSconosciuta
Occupanti1
Passeggeri0
Equipaggio1
Vittime1
Feriti0
Sopravvissuti0
Mappa di localizzazione
Mappa di localizzazione: Stati Uniti d'America
Incidente del Q400 di Horizon Air del 2018
Dati estratti da Aviation Safety Network[1]
voci di incidenti aerei presenti su Wikipedia

Il 10 agosto 2018 un aereo Bombardier Dash 8-400, di proprietà della Horizon Air e operato dalla Alaska Airlines, decolla senza autorizzazione dall'Aeroporto Internazionale di Seattle-Tacoma alle ore 19:35 locali con a bordo una sola persona[2]. Due caccia F-15 decollano dalla vicina base militare per intercettare l'aereo. Il Bombardier esegue alcune manovre acrobatiche e si schianta diversi minuti dopo nella foresta di Ketron Island nello stato di Washington uccidendo l'unico occupante.[1]

Dinamica[modifica | modifica wikitesto]

Un operatore di terra 29enne dell'aeroporto di Seattle[3] prende possesso di un Bombardier Dash 8-400 registrato con numero N449QX e decolla dall'aeroporto internazionale di Seattle senza ottenere l'autorizzazione della torre di controllo[4]. L'aereo, con trasponder spento, esegue diverse manovre acrobatiche nelle vicinanze dell'aeroporto mentre i controllori di volo tentano di convincere il pilota da atterrare[2]. Nel frattempo il Dipartimento della Difesa, allertato dall'aeroporto, ordina al NORAD di intercettare l'aereo. Due caccia McDonnell Douglas F-15 Eagle intercettano l'aereo poco prima che esso si schianti intenzionalmente[5] sull'isola di Ketron Island nello stato di Washington[2].

Indagini[modifica | modifica wikitesto]

L'incidente è sotto indagine da parte del National Transportation Safety Board (NTSB), Federal Aviation Administration e FBI[2], quest'ultima in particolare su come sia stato possibile che l'operatore di terra possa aver preso possesso del velivolo[6]. A differenza di altri incidenti aerei, l'NTSB ha dichiarato che non rilascerà alcun report pubblico dell'incidente[7]. Il 9 novembre 2018, l'FBI conclude la sua indagine, evidenziando come l'incidente sia stato unicamente causato dal suicidio volontario del pilota, senza alcuni fini terroristici[8]. Il motivo che ha portato l'uomo al suicidio è ignoto[8].

Note[modifica | modifica wikitesto]

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]