Impero tibetano

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
La mappa dell'Impero Tibetano
Bandiera

L'impero tibetano (in tibetano: བོད་ ཆེན་ པོ, Wylie: bod Chen Po, "Grande Tibet") è esistito dal VII al IX secolo, quando il Tibet è stato unificato come un grande e potente impero, e governò un'area notevolmente più grande dell'altopiano tibetano, che si estende nell'Asia orientale, Asia centrale e Asia meridionale.

La storia tradizionale tibetana descrive le gesta di un lungo elenco di governanti. Conferme esterne sono disponibile dal VII secolo nelle storie cinesi, che chiamava il paese Tǔbō (吐蕃). Dal VII al IX secolo una serie di imperatori ha governato il Tibet. Dal tempo dell'imperatore Songtsen Gampo il potere dell'impero gradualmente è aumentato. Con il regno dell'imperatore Ralpacan, durante il IX secolo, l'impero controllava i territori che si estendono dal bacino del Tarim all'Himalaya e del Bengala, e dal Pamir alle province cinesi del Gansu e dello Yunnan.

Il vario territorio dell'impero e la difficoltà di trasporto, insieme alle nuove idee che venivano nell'impero a seguito della sua espansione, ha contribuito a creare tensioni e blocchi di potere che erano spesso in concorrenza con le leggi dell'impero .