Immigrazione in Australia

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Paesi di provenienza degli australiani residenti nel 2006 (Fonte: Australian Bureau of Statistics (Istituto australiano di Statistica))

L'immigrazione verso l'Australia si stima sia cominciata intorno a 51.000 anni fa quando gli antenati degli australiani aborigeni e dello Stretto di Torres arrivarono sul continente attraverso le isole dell'arcipelago malese e della Nuova Guinea.

Gli europei arrivarono nel XVI e XVIII secolo, ma la colonizzazione iniziò solamente nel 1788. Da allora al 1945 giunsero più di 7 milioni di persone come nuovi coloni.

L'idea di un programma su larga scala di emigrazione nacque alla fine della Seconda guerra mondiale. Furono presi accordi con il Regno Unito e altri paesi europei e con l'organizzazione dei rifugiati internazionali per incoraggiare l'emigrazione, comprendendo gli sfollati provenienti dall'Europa devastata dalla guerra. Tra il 1945 e il 1960 arrivarono 1,6 milioni di persone; 1,3 milioni negli anni '60; circa 960.000 negli anni '70, 1,1 milione negli anni '80, oltre 900.000 negli anni '90 e ancora oltre 900.000 nella prima decade del XXI secolo.

La più grande componente immigratoria è dovuta al bisogno di abilità-maestranze e a programmi di riunione delle famiglie.

Il censimento del 2011 mostra che oltre un quarto dei 22 milioni degli abitanti australiani è nata oltreoceano. Per lo più sono nati in Nuova Zelanda (16,2 %), Regno Unito (13,6%), India (10,9%), Cina (10%) e Sudafrica (4,6%). Gli immigrati arrivati tra il 2008 e il 2009 vengono da oltre 200 nazioni.

Corsa all'oro[modifica | modifica wikitesto]

Magnifying glass icon mgx2.svgLo stesso argomento in dettaglio: Corsa all'oro di Victoria.

Immigrazione dopo la seconda guerra mondiale[modifica | modifica wikitesto]

Immigrati olandesi appena arrivati in Australia, 1954; in quell'anno giunsero 50.000 olandesi

Paese di nascita dei residenti in Australia[modifica | modifica wikitesto]

Secondo l'Australian Bureau of Statistics nel 2018 7.341.910 di persone residenti in Australia sono nate fuori dal Paese, e rappresentano il 26.8% della popolazione australiana residente.

Fonte: Australian Bureau of Statistics (2018)[1]
Nazionalità Popolazione residente stimata
Totale australiani 17 650 000
Totale stranieri 7 341 910
Inghilterra Inghilterra 992 000
Cina Cina 651 000
India India 592 000
Nuova Zelanda Nuova Zelanda 568 000
Filippine Filippine 278 000
Vietnam Vietnam 256 000
Sudafrica Sudafrica 189 000
Italia Italia 187 000
Malaysia Malaysia 174 000
Scozia Scozia 135 000
Sri Lanka Sri Lanka 134 500
Corea del Sud Corea del Sud 116 120
Germania Germania 114 580
Grecia Grecia 108 830
Stati Uniti Stati Uniti 108 610
Hong Kong Hong Kong [2] 100 620

Diversi tipi di immigrazione[modifica | modifica wikitesto]

Le diverse tipologie di immigrazione in Australia sono classificate sotto diverse categorie di visto:

  • visto lavorativo: il visto lavorativo australiano è concesso per lo più ai lavoratori con un'alta specializzazione. I candidati sono valutati secondo un sistema basato su un punteggio. Questo tipo di visto è di solito promosso da quegli stati che assumono lavoratori secondo bisogni specifici. I visti possono essere concessi anche ai candidati sponsorizzati da un'azienda australiana. Il visto lavorativo sponsorizzato più popolare è il visto 457 (457 visa) che include anche un'assicurazione sanitaria.
  • visto studentesco: gli studenti stranieri sono incoraggiati attivamente dal governo a studiare in Australia.
  • visto familiare: è spesso garantito sulla base di legami familiari tra il residente australiano e chi vive all'estero.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ http://www.abs.gov.au/AUSSTATS/abs@.nsf/Latestproducts/3412.0Main%20Features22017-18?opendocument&tabname=Summary&prodno=3412.0&issue=2017-18&num=&view=
  2. ^ In conformità con la fonte (Australian Bureau of Statistics), Cina, Taiwan e le regioni di Hong Kong e Macao sono elencate separatamente.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]