Il paradiso delle dee

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il paradiso delle dee
女神天国
(Megami tengoku)
OAV
Regia Katsuhiko Nishijima
Sceneggiatura Katsuhiko Chiba
Char. design Akihiro Yoshimi (originale), Noriyasu Yamauchi
Musiche Jun'ichi Kanezaki (ep. 2), Toshiro Yabuki (ep. 1), Tsutomu Ohira (ep. 1)
Studio Starchild Records
1ª edizione 7 giugno 1995 – 4 agosto 1995
Episodi 2 (completa)
Durata 30 min

Il paradiso delle dee (女神天国 Megami tengoku?) è un OAV giapponese in due episodi di genere ecchi, diretto da Katsuhiko Nishijima nel 1995. L'opera è tratta dal manga omonimo di Akihiro Yoshizane e Miyasumi. In Italia l'OAV è stato distribuito da Dynamic Italia/Dynit su VHS.

Trama[modifica | modifica wikitesto]

La storia è ambientata nel mondo di Paradesia, una sorta di Olimpo abitato solo da Divinità di genere femminile. In questo mondo pacifico è in corso la successione al ruolo di Dea Madre, governante del regno e deputata alla purificazione degli influssi malvagi provenienti dalla Terra ove vivono gli umani. Alla giovane dea Lilith viene affidato l'incarico di trovare le persone più adatte a diventare le sacerdotesse della Dea Madre, ma forze oscure tramano nell'ombra.

Analisi[modifica | modifica wikitesto]

Quest'anime, in un certo senso, potrebbe essere definito come un antesignano di Ikkitousen per il mix di Ecchi e di Azione. Tuttavia rispetto al suo "discendente" appare molto più contenuto e pudico: nudi, di fatto, non ce ne sono; stacchi sulla biancheria sono molto rari. Probabile che all'epoca si preferisse limitarsi a mettere su schermo bellezze in abiti succinti - tra l'altro neanche tutti i personaggi che appaiono sono poco vestiti - senza che questi siano fatti a brandelli appena c'è un po' di movimento. Il tutto è rappresentato con il tipico stile grafico degli anni '90: un character design dal tratto marcato e dallo stile più realistico ci mette in mostra delle dee in certi casi dal fisico piuttosto "giunonico", ma in generale ben più muscolare di quello del moderno moe.

Sul versante della storia, siamo di fronte a un anime d'avventura con un po' d'azione. Il primo episodio ha un registro più allegro e improntato all'umorismo, mentre nel secondo la situazione si fa un po' più seria, anche se non mancheranno qui dei momenti più leggeri. Di certo però alla fine abbiamo un'oretta scarsa di animazione in cui non c'è molto tempo per sviluppare personaggi, storia e temi. Arrivato alla conclusione, lo spettatore viene congedato con l'impressione che questo fosse in realtà un prequel di un progetto a più ampio respiro che poi non si è più realizzato (forse una serie TV). Alcuni elementi restano non risolti e starà alla sua immaginazione pertanto trovare per loro un'ideale conclusione.

Di quest'anime ad ogni modo esiste anche una versione italiana che vide la luce solo in VHS, editata molti anni fa dalla ex Dynamic Italia e ormai di fatto introvabile sul mercato. Essa vede la partecipazione di note doppiatrici italiane quali Emanuela Pacotto, Elisabetta Spinelli, Roberta Gallina, Donatella Fanfani e diverse altre. Il risultato finale è buono ma non eccezionale, minato qua e là da toni espressivi non molto adeguati alla situazione. Il paradiso delle Dee tutto sommato è un anime discreto, divertente e gradevole, sebbene nel complesso appaia un po' (incolpevolmente) fine a se stesso. Buono se si è in nostalgia da anni '90.

Doppiaggio[modifica | modifica wikitesto]

Personaggi Giapponese Italiano
Pastel Kyoko Hikami Tosawi Piovani
Lilith Yuri Shiratori Emanuela Pacotto
Lulubel Hekiru Shiina Lara Parmiani
Stasia Kikuko Inoue Marcella Silvestri
Juliana Megumi Ogata Roberta Gallina Laurenti
Rouge Kumiko Watanabe Stefania Patruno
Maharaja Yuko Kobayashi Cinzia Massironi
Angela Yugo Nagashima Elisabetta Spinelli
Dea Madre Atsuko Tanaka Donatella Fanfani
Madre Oscura Masako Katsuki Lisa Mazzotti

Episodi[modifica | modifica wikitesto]

Titolo italiano
GiapponeseKanji」 - Rōmaji
In onda
Giapponese
1 Paradise Revolution!
「パラダイス・レボリューション 集え ママメガの巫女たち」 - Paradise Revolution Tsudoe Mamamega no Mikotachi
7 giugno 1995
2 Paradise Lost!?
「パラダイス・ロスト? 打ち払え! ヤミママの脅威」 - Paradise Lost? Uchibarae! Yamimama no Kyōi
4 agosto 1995

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]