Il colpo di Stato di banche e governi

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Il colpo di Stato di banche e governi. L'attacco alla democrazia in Europa
AutoreLuciano Gallino
1ª ed. originale2013
Generesaggio
Lingua originale italiano

Il colpo di Stato di banche e governi. L'attacco alla democrazia in Europa[1] è un saggio del sociologo Luciano Gallino, pubblicato nell'ottobre 2013 dalla Giulio Einaudi Editore.

Il volume esprime una dura critica all'interpretazione della grande recessione, considerata da Gallino il risultato delle distorsioni del sistema finanziario e monetario mondiale, di cui il sociologo accusa le banche centrali e il Fondo Monetario Internazionale.[2]

Secondo Gallino, i governi europei avrebbero camuffato le cause della crisi, attribuendola all'eccessivo debito pubblico degli Stati anziché al sistema bancario e alla sregolatezza della finanza,[2][3] e avrebbero poi risposto alla crisi delegando alla finanza alcuni poteri fondamentali e imboccando la strada del cosiddetto "autoritarismo emergenziale";[3] lo studioso, nel descrivere gli effetti delle politiche di austerità, arriva quindi a parlare di "attacco alla democrazia" e di "colpo di stato".[4]

Edizioni[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Luciano Gallino, Il colpo di Stato di... < Libri < Einaudi
  2. ^ a b Antonella Tarpino, Luciano Gallino e il colpo di stato di banche e governi, L'Huffington Post, 13 novembre 2013. URL consultato il 7 febbraio 2014.
  3. ^ a b Luciano Gallino, Il colpo di Stato di banche e governi, MicroMega, 31 ottobre 2013. URL consultato il 2 marzo 2014.
  4. ^ Giovanni Santambrogio, Perché la finanza e i banchieri restano sempre sotto tiro e guardati con sospetto, Il Sole 24 ORE, 17 gennaio 2014. URL consultato il 7 febbraio 2014.