Ibn al-Thumna

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Ibn al-Thumna
Nascita probabilmente a Siracusa
Morte Entella, 5 marzo 1062

Muhammad ibn Ibrahim, detto Ibn al-Thumna (in arabo: محمد بن إبراهيم، ﺍﺑﻦ ﺍﻟﺜمنـة‎; probabilmente a Siracusa, ... – Entella, 5 marzo 1062[1]), è stato un politico arabo dell'XI secolo.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nativo probabilmente di Siracusa, fu esponente della nobiltà arabo-sicula cittadina, e, al momento della disgregazione dell'Emirato di Sicilia ne assunse la signoria. Divenuto il più potente Qāʾid di Sicilia[2], verso il 1050 durante la guerra civile tra i vari Qāʾid dell'isola, sconfisse e uccise in battaglia Ibn al-Maklātī, Qāʾid di Catania, del quale sposò in seguito la vedova, usurpando il dominio sulla città etnea.

Entrò in contrasto con il cognato Ibn al-Ḥawwās, signore di Castrogiovanni, città che tentò di attaccare, ma venne sconfitto in battaglia dalle milizie da costui comandate. A fine febbraio del 1061 si recò a Mileto da Ruggero I d'Altavilla, al quale giurò e promise il suo appoggio ai Normanni contro i musulmani in Sicilia, dando in ostaggio uno dei suoi figli.

Il primo tentativo normanno fallì, mentre Ibn al-Thumna dovette asserragliarsi a Catania ma, pochi mesi dopo i Normanni, guidati da Roberto il Guiscardo, presero Messina e, unite le loro forze a quelle di Ibn al-Thumna, sconfissero Ibn al-Ḥawwās dopo aver assediato Castrogiovanni per un mese.

L'anno successivo, il 1062, Ibn al-Thumna, arrivò assieme ai guerrieri normanni nei pressi di Entella ma cadde nella trappola tesagli da un gruppo di terrazzani siculo-arabi, i quali lo attirarono con il pretesto di voler avviare una trattativa di pace, e per vendicarsi del suo tradimento lo assassinarono.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ P. Balan, Storia d'Italia, Tipografia di Paolo Toschi e C., 1876, p. 73
  2. ^ G. De Blasis, La insurrezione Pugliese e la conquista normanna nel secolo XI vol. 2, Detken, 1864, p. 63

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • M. Amari - Storia dei Musulmani di Sicilia vol. 3, I edizione - Firenze, Le Monnier, 1868.
  • V. Di Giovanni - Cronache Siciliane dei secoli XIII. XIV. XV - Bologna, Romagnoli, 1865.
  • L. Gatto - Sicilia medievale: eventi e personaggi di un'isola che ha rappresentato nei secoli dell'età di mezzo il crocevia tra Occidente, Oriente bizantino e mondo arabo - Roma, Newton Compton, 1992.
  • L. Natoli, A. Rigoli - Storie e leggende di Sicilia vol. 1 - Palermo, Flaccovio, 1982.
  • Lemma «Ibn al-Thumna» (U. Rizzitano). in: The Encyclopaedia of Islam