Iberolacerta monticola

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Progetto:Forme di vita/Come leggere il tassoboxCome leggere il tassobox
Lucertola iberica
Benny Trapp Iberolacerta monticola.jpg
Stato di conservazione
Status iucn3.1 VU it.svg
Vulnerabile[1]
Classificazione scientifica
Dominio Eukaryota
Regno Animalia
Phylum Chordata
Classe Reptilia
Ordine Squamata
Famiglia Lacertidae
Genere Iberolacerta
Specie I. monticola
Nomenclatura binomiale
Iberolacerta monticola
(Boulenger, 1905)
Sinonimi
Lacerta monticola
Boulenger, 1905
Archaeolocerta monticola
Boulenger, 1905
Areale

Iberolacerta monticola range Map.png

La lucertola iberica (Iberolacerta monticola Boulenger, 1905) è un rettile squamato della famiglia dei Lacertidi[2].

Descrizione[modifica | modifica wikitesto]

Questa lucertola dal corpo schiacciato e dalla testa piatta e larga, con coda lunga e lunghezza del corpo di 5–6 cm, ha un dorso di colorazione variabile: i maschi sono perlopiù verdi, più raramente anche di colore olivastro o brunastro, con macchie nere in parte combinate tra loro a formare bande longitudinali o un motivo reticolato sui fianchi. Questi ultimi hanno in genere una colorazione più scura e, oltre al reticolato scuro, presentano solitamente alcuni puntini più chiari nonché macchie blu sulle spalle. Le femmine sono di colore marrone poco appariscente, spesso con una banda centrale e un reticolato laterale di colore scuro. Il ventre è biancastro o giallastro ma durante la stagione riproduttiva, soprattutto nei maschi, appare verde o verde-giallognolo chiaro, solitamente senza macchie, inoltre nelle popolazioni portoghesi sono spesso visibili anche fini macule nere. I giovani sono contraddistinti da una colorazione turchese della coda[3].

Biologia[modifica | modifica wikitesto]

La lucertola iberica è una lucertola di montagna che negli habitat più favorevoli forma popolazioni anche numerose e con alta densità di individui. La sua dieta è costituita da insetti, ragni e altri artropodi. Gli accoppiamenti hanno inizio dopo il letargo invernale, a partire da marzo/aprile, ma a quote più elevate anche da maggio/giugno. Poi, in piena estate, le femmine depongono sotto i sassi 3-10 uova, che si schiudono dopo circa 6-8 settimane[3].

Distribuzione e habitat[modifica | modifica wikitesto]

La lucertola iberica è una tipica specie montana che vive ad altitudini comprese tra 1100 e 2000 metri; vive in diverse zone geograficamente separate tra loro, nel nord-ovest della penisola iberica (rilievi costieri della Cantabria in Galizia e Asturia, Spagna) e in Portogallo centrale (Serra da Estrela). Qui non compare al di sotto dei 1400 m, mentre in Galizia sono note anche popolazioni viventi al livello del mare. Predilige habitat rocciosi, scarsamente vegetati e relativamente umidi, per esempio falde detritiche, brughiere o rocce lungo torrenti e rive di laghi[3].

Tassonomia[modifica | modifica wikitesto]

La classificazione tassonomica di questa specie è ancora oggetto di discussione. Oltre alla forma nominale Iberolacerta monticola monticola (Boulenger, 1905), geograficamente limitata alla Serra da Estrela portoghese, fino a poco tempo fa le popolazioni della costa nord-occidentale della Spagna (Cordigliera Cantabrica) erano classificate nella sottospecie I. m. cantabrica (Mertens, 1929). Tuttavia uno studio genetico del 2014, che descrive un'altra sottospecie a nord dei Monti de Leon, I. m. astur Arribas, Galán, Remón e Naveira, 2014, suggerisce di attribuire la sottospecie cantabrica, geneticamente indistinguibile, alla forma nominale, che in tal modo occuperebbe quasi l'intero areale della specie[4].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Valentin Pérez-Mellado, Paulo Sá-Sousa, Rafael Marquez, Iñigo Martínez-Solano (2009), Iberolacerta monticola, su IUCN Red List of Threatened Species, Versione 2020.2, IUCN, 2020. URL consultato il 1º marzo 2019.
  2. ^ Iberolacerta monticola, in The Reptile Database. URL consultato il 1º marzo 2017.
  3. ^ a b c J. Martín, Lagartija serrana (Iberolacerta monticola) (PDF), su Enciclopedia Virtual de los Vertebrados Españoles, Museo Nacional de Ciencias Naturales, Madrid, 2009 (archiviato dall'url originale il 14 aprile 2010).
  4. ^ Oscar J. Arribas, Pedro Galán, Núria Remón e Horacio Naveira (2014). A new mountain lizard from Montes de León (NW Iberian Peninsula): Iberolacerta monticola astur "ssp. nov. (Squamata: Lacertidae)", in Zootaxa, pp. 3796 (2): 201-236..

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

  Portale Rettili: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di rettili