I soldi sono finiti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
I soldi sono finiti
ArtistaMinistri
Tipo albumStudio
Pubblicazione14 giugno 2006
Durata40:03
Dischi1
Tracce12
GenereGarage rock
Grunge
Rock alternativo
Rock
EtichettaOtorecords - Maninalto! Records
ProduttoreAlessio Camagni
RegistrazioneNoise Factory
Ministri - cronologia
Album precedente
Album successivo
(2009)

I soldi sono finiti è l'album d'esordio del gruppo rock alternativo milanese Ministri, pubblicato nel novembre 2006.

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

Inciso per l'etichetta discografica indipendente Otorecords con la collaborazione di Maninalto Records, l'album è stato distribuito da Venus Dischi in tutta Italia. La produzione è stata affidata ad Alessio Camagni. Il disco è stato realizzato al Noise Factory di Milano.[1]

Il disco è caratterizzato da diverse particolarità. Innanzitutto, sopra la copertina di ogni CD viene inserita una moneta vera da 1 Euro, per provocare e sensibilizzare i "consumatori" di musica sulla crisi discografica in atto. Inoltre, nel libretto si può trovare la nota "spese della produzione dell'album".
Il disco si è garantito una distribuzione molto ampia ed ha avuto un grosso impatto sulla scena indie italiana: ai testi politicamente scorretti vengono affiancati strumenti energici e voci trasformiste (tra melodia, grunge e urlato). Tutto ciò ha portato la banda milanese a esibirsi in tutta Italia e in vari contesti, dalle feste di paese all'Italia Wave nel 2007.[2]

La canzone "Il mio compagno di stanza" doveva originariamente far parte di quest'album , ma non fu mai inserita per motivi che i Ministri stessi hanno spiegato varie volte nelle loro interviste. È stata suonata solo dal vivo fino a quando non fu inserita come traccia bonus per la versione di I-Tunes dell'album nella riedizione del 2011

Tutte le canzoni sono intervallate da intermezzi, non c'è nessun momento di pausa. Le parti di fisarmonica suonata dalla madre del produttore (come i Ministri affermano durante la cerimonia di pubblicazione della riedizione del 2011 dell'album), alcuni spezzoni di armonica e chitarra da F Punto; la particolarità è che i rumori di sottofondo sono stati catturati da una festa di asiatici (filippini) adiacente allo studio di registrazione. Tutti gli altri effetti e suoni negli intermezzi sono stati registrati dai Ministri stessi con metodi non convenzionali e rudimentali (ad esempio per catturare il rumore delle monete che cadevano dentro un cappello hanno realmente microfonato un cappello mentre vi si lanciavano le monete all'interno).

Riedizioni[modifica | modifica wikitesto]

L'album è stato pubblicato anche in altre due edizioni: nel 2009 sempre per la Otorecords e nel 2011, questa volta per la Universal. La ristampa del 2009 era in tiratura limitata (1000 copie). In ciascuna delle copie è stato inserito un pezzo delle vecchie giacche che avevano accompagnato i Ministri fino ad allora. Nella ristampa del 2011 sono anche presenti tre brani tratti da La piazza EP.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. Non mi conviene puntare in alto – 3:55
  2. I soldi sono finiti – 2:37
  3. I nostri uomini ti vedono – 3:44
  4. I muri di cinta – 3:42
  5. La sacra quiete della sera – 2:53
  6. La mia giornata che tace – 3:14
  7. Le mie notti sono migliori dei vostri giorni – 2:44
  8. Lo sporco della Grecia – 3:59
  9. Il sangue dal naso – 3:38
  10. Piano per una fuga – 3:31
  11. Il camino de Santiago – 2:26
  12. Abituarsi alla fine – 3:40

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

  • Davide Autelitano - voce e basso
  • Federico Dragogna - chitarra, seconda voce
  • Michele Esposito - batteria

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ I soldi sono finiti Archiviato il 17 settembre 2017 in Internet Archive. iministri.com
  2. ^ Ministri lastfm

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Rock Portale Rock: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Rock