Tempi bui

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando il film del 1998, vedi Tempi bui (film).
Tempi bui
ArtistaMinistri
Tipo albumStudio
Pubblicazione6 febbraio 2009
Dischi1
Tracce11
GenerePost-grunge
Rock alternativo
Punk rock
Post-hardcore
EtichettaUniversal Music Group
ProduttoreAlessio Camagni
Ministri - cronologia
Album precedente
(2006)
Album successivo
(2010)

Tempi bui è il secondo album del gruppo musicale italiano alternative rock dei Ministri, pubblicato il 6 febbraio 2009 dall'etichetta discografica Universal Music Group.

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

Il disco è pubblicato a tre anni di distanza dal precedente LP I soldi sono finiti ed è il primo pubblicato per una major. È stato realizzato in collaborazione con il producer Alessio Camagni. Registrato e mixato dallo stesso Camagni e da Takedo Gohara presso lo studio Noise Factory di Milano, il disco è stato masterizzato da Brian Gardner al Bernie Grundman studio di Hollywood. Le registrazioni di alcuni strumenti sono state effettuate presso le Officine Meccaniche di Milano da Taketo Gohara.[1]

Si tratta di un concept album dedicato a critiche e a riflessioni sull'Italia contemporanea.[2][3]

La title-track Tempi bui è ispirata alla poesia di Bertolt Brecht Quelli che verranno dopo di voi. Il brano E se poi si spegne tutto è stato scelto da Luciano Melchionna come colonna sonora del suo film Ce n'è per tutti. [4]

Il brano Diritto al tetto era stato già pubblicato nell'EP La piazza EP.

Dall'album sono stati estratti i singoli Tempi bui con relativo video, Bevo, anche questo con videoclip (regia di Francesco Collinelli e Don Daniele Torza) uscito all'inizio dell'estate 2009 in due versioni, La faccia di Briatore (regia di Alberto Sansone), che contiene immagini gentilmente concesse alla band da Medici Senza Frontiere[5] e, in ottobre, E se poi si spegne tutto.

Il tour promozionale è partito da Milano il 5 febbraio 2009 ed è andato avanti fino al 2010.

Nella versione dell'album scaricabile da iTunes è presente una dodicesima traccia (bonus track) intitolata Chiediti come perdere peso.

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. Tempi bui
  2. Bevo
  3. Il futuro è una trappola
  4. La faccia di Briatore
  5. Il bel canto
  6. La casa brucia
  7. Diritto al tetto
  8. Berlino 3
  9. E se poi si spegne tutto
  10. Vicenza (La voglio anche io una base a)
  11. Ballata del lavoro interinale
  12. Chiediti come perdere peso (traccia bonus)

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

  • Davide Autelitano - voce, basso
  • Federico Dragogna - chitarra, voce
  • Michele Esposito - batteria

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Tempi bui Archiviato il 17 settembre 2017 in Internet Archive. iministri.com
  2. ^ Intervista ai Ministri - The Great Complotto Radio, su thegreatcomplottoradio.weebly.com. URL consultato il 4 marzo 2014.
  3. ^ Ministri - Tempi Bui :: Le recensioni di OndaRock, su ondarock.it. URL consultato il 4 marzo 2014.
  4. ^ [1] ondarock
  5. ^ rockit

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Roberto Caselli e Stefano Gilardino, La storia del Rock in Italia. Protagonisti, album, concerti, luoghi: tutto quanto è stato rock dagli anni ’50 a oggi, Milano, Hoepli, 2019.

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]