Hermann Bauer

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Hermann Bauer (Genova, 20 marzo 1876Genova, 24 novembre 1901) è stato un imprenditore e dirigente sportivo italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Nato a Genova nel 1876 ma di origine svizzera, era un imprenditore nel campo del carbone. Morì all'età di 25 anni nel 1901 a causa di una breve ma letale malattia. Riposa nel Cimitero monumentale di Staglieno nel settore anglicano; la sua tomba fu opera del famoso scultore simbolista Leonardo Bistolfi.

Calciatore[modifica | modifica wikitesto]

Bauer era iscritto alla sezione calcio del Genoa dal 1896, ma non disputò alcun incontro ufficiale con il club genovese.

Dirigente sportivo[modifica | modifica wikitesto]

Socio del Genoa, venne eletto presidente il 10 aprile 1897, grazie all'iniziativa sua e di James Spensley.[1]

Come dirigente del Genoa, fu tra i fondatori della Federazione Italiana del Football, diventata in seguito Federazione Italiana Giuoco Calcio, che nacque il 16 marzo 1898 a Torino in una riunione tra i vari rappresentanti dei club calcistici esistenti.

Sotto la sua presidenza, nel 1898, il Genoa vinse il primo campionato italiano di calcio disputato.

Lasciò la presidenza del club il 2 gennaio 1899[2] a George Fawcus, rimanendo nei quadri dirigenziali sino alla morte, occorsa solo due anni dopo.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Padovano, p.94
  2. ^ Padovano, p.9

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Aldo Padovano, Accadde domani... un anno con il Genoa, Genova, De Ferrari, 2005, ISBN 88-7172-689-8.
  • Davide Rota, Dizionario illustrato dei giocatori genoani, Genova, De Ferrari, 2008, ISBN 978-88-6405-011-9.
  • Gianluca Maiorca, Marco Montaruli, Paolo Pisano, Almanacco storico del Genoa, Trebaseleghe, Fratelli Frilli Editori, 2011, ISBN 978-88-7563-693-7.
Predecessore Presidente del Genoa Successore
Charles De Grave Sells 1897 - 1899 George Fawcus