Hemu

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Samrat Hēmū Chandra Vikramaditya (anche Hēmū Vikramaditya o semplicemente Hēmū, in lingua hindi सम्राट हेम चंद्र विक्रमादित्य) (Alwar, 1501Panipat, 1556) è stato un imperatore indiano di etnia hindi nel corso del XVI secolo. Questo fu uno dei periodi cruciali della storia dell'India, quando Mogul e afgani lottavano disperatamente per il potere.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Figlio di un sacerdote hindu, che successivamente divenne venditore di alimentari e nitrato di potassio a Rewari,[1] Hēmū scalò verso il potere diventando prima capo dell'esercito e poi Primo ministro[2][3] di Muḥammad ʿĀdil Shāh Sūrī della dinastia Suri. Combatté contro i ribelli afgani[4][5] attraverso l'India del Nord, dal Punjab al Bengala[6], le forze dell'Imperatore moghul Akbar e Humayun ad Agra e Delhi,[7] vincendo 22 battaglie di seguito, senza una sola sconfitta.[8][9][10][11]

Hēmū Chandra salì al trono di Delhi il 7 ottobre 1556, assumendo il titolo di "Vikramaditya" che era stato in precedenza adottato da molti re hindu sin dall'età vedica.[12][13] La sua Rajyabhishek (incoronazione) come Samrat si tenne nel Purana Qila vicino a Delhi.[12] Hēmū ristabilì un regno hindu (anche se per breve durata), nel Nord dell'India, dopo oltre 350 anni di dominazione musulmana. Alcuni storici dicono che questo regno è stato il modello di uno Stato forte hindu che dominò nel Sud dell'India per più di tre secoli, noto come 'Impero Vijayanagara'.[13]

Hēmū coniò monete che portano il suo titolo.[14]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Tripathi, R. P. "Rise and Fall of Mughal Empire", Allahabad, 1960, p. 158
  2. ^ De Laet, The Empire of the Great Mogul, pp. 140-41
  3. ^ Ahmed, Nizamuddin. Tahaqat-i Akbari, Vol. II, p. 114
  4. ^ Tripathi, Dr. Ram Prasad. Bharatiya Itihas, Lucknow, Hindustani Book Depot, p. 325
  5. ^ Sheikh Abu l-Fazal (trad dal Dr. Mathura Lal Sharma) Akbar Nāma, Kailash Pustak Sadan, p. 155
  6. ^ Bhardwaj, K. K. Hemu-Napoleon of Medieval India, New Delhi, Mittal Publications, pp. 59-60
  7. ^ Smith, Vincent A. Akbar: The Great Mogul, Oxford, (1926), pp. 36-37
  8. ^ Bhardwaj, K. K. Hemu-Napoleon of Medieval India, New Delhi, Mittal Publications, p. 25
  9. ^ Marshman, John Clark. "The History of India from the Earliest Period to the Present Time", London, 1873, p. 50
  10. ^ Srivastva, A. L. Akbar the Great, Vol. I, pp. 24-26
  11. ^ Sarkar, J. N. Military History of India, p. 67
  12. ^ a b Himu - A forgotten Hindu Hero, Bharatiya Vidya Bhawan, p. 100
  13. ^ a b Kar, L. Colonel H. C. Military History of India, Calcutta, 1980, p. 283
  14. ^ The Cambridge History of India, Volume IV: The Mughal Period, Delhi, 1965, p. 72

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autoritàVIAF (EN97897666 · ISNI (EN0000 0000 7861 7896 · CERL cnp00553620 · LCCN (ENn89101948 · GND (DE119350505 · J9U (ENHE987007262414305171 · WorldCat Identities (ENlccn-n89101948
  Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie