Se riscontri problemi nella visualizzazione dei caratteri, clicca qui

Gung-Ho Guns

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Nella serie Trigun i Gung-Ho Guns (ガンホーガンズ Ganhōganzu) sono un gruppo di assassini sotto il comando di Legato Bluesummers, riuniti da Knives «per portare sofferenza eterna a Vash the Stampede». La maggior parte di loro sono umani che hanno, in un modo o nell'altro, sacrificato una parte della loro natura umana per ottenere efficaci tecniche da killer e un'illimitata potenza in combattimento. Ognuno di loro ha un numero di identificazione, anche se non si sa con quale criterio esso venga attribuito. Inoltre, hanno quasi tutti un soprannome che sottolinea una loro caratteristica.

Nel manga sono 13 in totale, sempre ognuno con un numero di identificazione (anche se non tutti vengono rivelati) e ciascuno di loro, ad esclusione di Elendira, porta con sé una mezza moneta che, in caso di sconfitta, dovrà essere consegnata a Vash, il quale possiede le restanti metà (negli ultimi capitoli del manga si scoprirà che, una volta completata ogni moneta, la scatola che le contiene funge da blocco al potere di Legato).

Tra l'anime e il manga ci sono sensibili differenze riguardo alla formazione del gruppo, all'importanza, alla storia e alle caratteristiche personali di ogni singolo membro.

Il leader dei Gung-Ho Guns, Midvalley the Hornfreak.

Membri[modifica | modifica wikitesto]

Chapel[modifica | modifica wikitesto]

Di questo personaggio esistono due differenti versioni. In entrambe, il numero di serie è sconosciuto sia nell'anime che nel manga.

Nel manga Chapel è Nicholas D. Wolfwood in persona (Chapel the Punisher) il prete pistolero che funge da guida di Vash verso Knives. Allenato dall'Occhio di Saint Michael (Eye of St. Michael), un'organizzazione di assassini a stampo religioso, è armato di un Punisher (da qui il suo altro soprannome Nicholas The Punisher), un'imponente arma a forma di croce convertibile in mitragliatore, bazooka e lancia-razzi; nell'anime contiene inoltre una gran quantità di pistole (il nome deriva intuibilmente dal personaggio di Frank Castle ovvero The Punisher in quanto l'impugnatura a teschio è uguale al disegno sempre presente sulla divisa di Castle). Tramite un particolare siero Wolfwood ha inoltre acquisito un sistema di guarigione accelerato che però, per contro, lo ha fatto invecchiare più rapidamente dei suoi coetanei. Nonostante abbiano opinioni praticamente opposte, diventerà un ottimo amico di Vash, che soprannomina amichevolmente Porcospino. Nel manga muore liberando il suo amico Livio the Double Fang (che ne prenderà il posto al fianco di Vash) dalla personalità di Razlo mentre nell'anime viene ucciso dal suo stesso maestro controllato da Legato Bluesummers.

Nell'anime Chapel è invece il maestro di Wolfwood (Chapel the Evergreen). Armato di una versione diversa del Punisher (la sua croce si divide in due mitragliatori pesanti autonomi), affronta Nicholas quando capisce che il suo allievo si è ormai schierato dalla parte di Vash, venendo da questi sconfitto dopo un duro scontro. Nonostante venga risparmiato dal suo allievo, viene controllato dai poteri di Legato ed uccide Nicholas sparandogli alle spalle. Verrà infine ucciso da Knives quando, tornato alla base, tenta un attacco disperato contro i suoi stessi capi per ottenere vendetta.

La versione manga del maestro di Wolfwood è un uomo costretto sulla sedia a rotelle da una ferita infertagli da Nicholas stesso. È chiamato Master C ed è armato anche lui di un altro tipo di Punisher, una grossa mitragliatrice a forma di croce dotata di una sorta di treppiede.

Monev the Gale[modifica | modifica wikitesto]

Gung-Ho Guns numero: 1.

Primo membro della squadra a scontrarsi con Vash; è un uomo grosso e imponente, con una tuta aderente viola su tutto il corpo e un elmetto arancione anti-proiettili che gli ricopre la testa. Viene tenuto segregato ad allenarsi in uno scantinato per 20 anni in modo da fargli conseguire la forza necessaria ad uccidere il Tifone Umanoide; Legato Bluesummers, infine, gli commissiona l'omicidio di Vash, in cambio della tanto agognata libertà. Come per molti altri Gung-Ho Guns, il suo corpo ha subito delle modifiche per potenziarne le capacità, come si può notare quando perde l'elmetto e la sua testa resta scoperta: al suo cranio sono collegati dei meccanismi metallici e parte del suo emisfero cerebrale è scoperto. Possiede infatti una forza e delle capacità fisiche sovrumane (da qui il soprannome Gale, burrasca). Combatte usando armi dalla grande forza distruttiva, come una coppia di mitragliatrici pesanti poste sugli avambracci o un enorme bazooka. Nell'anime durante il combattimento nella città, restano uccise a causa dei suoi attacchi alcune persone. Ciò causa l'ira di Vash che gli spara alcuni colpi ferendolo, mostrando un'espressione feroce e disumana; Monev a quella vista rimane terrorizzato, sostenendo che di fronte a lui ora si stagliava un demone, scoprendo così l'altro lato di Vash the Stampede.

Nightow, grande fan dei comics americani, ha creato l'aspetto di questo personaggio sulla base di Venom, lo storico nemico dell'Uomo Ragno. Il nome "Monev", infatti, è il rovescio di"Venom".

Sia nell'anime che nel manga viene sconfitto da Vash, dopo uno pesante scontro che coinvolge tutta la cittadella dove erano presenti. Vash gli risparmia la vita ma successivamente viene ucciso da E.G. Mine per aver fallito la sua missione.

Dominique the Cyclops[modifica | modifica wikitesto]

Gung-Ho Guns numero: 3 nel manga, 2 nell'anime.

Secondo killer a scontrarsi con Vash nella serie animata, mentre è la terza nel manga. Ella è una donna dai lunghi capelli neri con in dosso un lungo cappotto, che combatte utilizzando una pistola. Viene così soprannominata perché ha un occhio solo; l'altro, chiamato "Demon Eye" (nel manga ha infatti un aspetto mostruoso), è bendato e si rivela essere la sua arma segreta: quando Dominique rimuove la benda, il suo occhio è in grado di causare una potente ipnosi nell'avversario, creando delle pause nelle sue percezioni sensoriali che la fanno apparire velocissima ai suoi occhi.

Dopo un acceso combattimento, Vash scopre il suo potere e riesce a sopprimerlo concentrandosi sul dolore provocato da una ferita, che mantiene la sua mente lucida, liberandolo dall'ipnotismo.

Nell'anime viene sconfitta da Vash che le risparmia la vita ma successivamente viene uccisa da E.G. Mine, e forse anche da Midvalley the Hornfreak, per aver fallito la missione. Nel manga invece si suicida per la sconfitta subita, lanciandosi dall'edificio del suo scontro con Vash.

E.G. Mine[modifica | modifica wikitesto]

Gung-Ho Guns numero: 2 nel manga, 5 nell'anime.

Personaggio di scarsa importanza, è un uomo con uno strano vestito-armatura che lo ricopre completamente, con un bavaglio sulla bocca e un vestito di pelle. Combatte sparando degli spunzoni presenti nelle protezioni che porta sulle spalle, e che attiva tramite dei fili. Nel manga è il secondo Gung-Ho Guns a porsi contro Vash, mentre nell'anime è il terzo. Estremamente superbo ed arrogante, per spaventare Vash gli presenta i corpi esanimi di Monev e Dominique (nel manga solo Monev) uccisi da lui stesso come punizione per aver fallito nell'eliminare Vash, sfidandolo immantinente a duello.

Viene sconfitto da Vash in pochi istanti, che schiva le punte di Mine e gli distrugge l'armatura con una solo mossa. Mentre nel manga viene messo k.o. da Vash e le sue sorti non sono molto chiare (probabilmente viene ucciso dai suoi superiori per essersi fatto sconfiggere), nell'anime viene ucciso da Rai-Dei the Blade, che sopraggiunge dopo la sua sconfitta e disgustato dalla sua pietosa performance, lo finisce con un fendente della sua spada.

Rai-Dei the Blade[modifica | modifica wikitesto]

Gung-Ho Gun numero: 9[1].

Rai-Dei è uno spadaccino vestito come un samurai, con in testa un kasa e con una chioma di capelli neri, legati in una coda. Estremamente agile, si batte unicamente con la spada, da qui il suo soprannome, combinando la sua bravura nel combattimento all'arma bianca con degli speciali pattini motorizzati che gli consentono rapidi spostamenti[2]. La sua spada, in caso d'emergenza, può lanciare la lama come un proiettile e il suo fodero può trasformarsi in un fucile[3]. Crede molto nell'onore e non tollera in alcun modo i deboli. Accetta volentieri di misurarsi con Vash, desiderando che questi gli faccia provare una sensazione mai sentita prima, deluso poi dal suo pacifismo.

Nell'anime non possiede pattini, inoltre la sua spada è un'arma speciale in grado di lanciare fendenti a distanza, tanto potenti da spaccare il suolo, ed è lui ad uccidere E.G. Mine dopo la sua sconfitta, reputandolo un indegno avversario per Vash.

Inizialmente mette Vash in difficoltà, ma poi quando il Tifone Umanoide sfodera suo malgrado la Angel Arm, viene travolto dalla potenza dell'arma. Prima di essere spazzato via, assapora tutta la forza del vero potere di Vash e ammette, seppur intimorito, che il suo nemico gli ha fatto effettivamente provare una sensazione unica. Sia nell'anime che nel manga, stremato dal potentissimo colpo scagliato da Vash che ha ridotto in macerie la città, viene finito da Nicholas D. Wolfwood[3].

Leonov the Puppet-Master[modifica | modifica wikitesto]

Gung-Ho Gun numero: 4 nel manga[3].

Leonov è un uomo tarchiato, con degli occhiali dalle lenti rotonde, con indosso un vestito e cappello nero e dei baffetti radi. Si dimostra il più tattico e pianificatore fra i Gung-Ho Guns. Deve il suo nome alla capacità di manovrare dei realistici burattini meccanici di varie forme, con cui combatte, utilizzando dei fili lunghi decine di chilometri e degli strani congegni a forma di globi.

Nel fumetto viene rivelato che il suo vero nome è Emilio the Player[4] e che Vash lo conobbe in gioventù. Si scopre inoltre che ha perso il senno dopo la morte di una donna di nome Isabel, di cui era presumibilmente innamorato. Attacca la "casa" di Vash, l'aeronave gigante dove vive la gente con cui Vash ha passato parte della sua vita, insieme a Gray the Ninelives (nell'anime insieme a loro c'è anche Hoppered the Gauntlet).

Dopo la sconfitta, nel manga si suicida nonostante Vash tenti di salvarlo[5]. Nell'anime viene ucciso da Wolfwood, che riesce a scovare la sua posizione e lo polverizza sparandogli una cannonata col suo Punisher.

Gray the Ninelives[modifica | modifica wikitesto]

Gung-Ho Gun numero: sconosciuto.

Attacca la "casa" di Vash insieme a Leonof (nell'anime insieme a loro c'è anche Hoppered the Gauntlet). È un gigante dall'aspetto disumano che si esprime solo con versi, dotato di una forza e di una resistenza estrema e il cui corpo è munito di un vasto arsenale quali mitragliette e missili vari.

Nell'anime è un robot corazzato, mentre nel manga è un essere cibernetico al cui interno si nascondono nove nani (da qui il suo soprannome) che lo manovrano come se fosse vivo[4]. Nell'anime deve il suo soprannome alla sua incrollabilità, Nicholas afferma che per quante volte lo si colpisca riesce sempre a rimettersi in piedi.

In entrambe le versioni, viene sconfitto e distrutto da Nicholas D. Wolfwood, dopo un combattimento estremo.

Hoppered the Gauntlet[modifica | modifica wikitesto]

Gung-Ho Guns numero: 6 nel manga, 3 nell'anime.

È un uomo deforme, che porta una maschera bianca con sei buchi sulla faccia e incapace di camminare. Non potendo utilizzare le gambe, si sposta grazie alle sue muscolose braccia ed uno strano apparecchio che gli permette di muoversi con grande rapidità, saltando e rimbalzando ovunque. Inoltre è equipaggiato con una strana armatura ed uno scudo estremamente resistente col quale si difende, ma col quale può anche attaccare, lanciandosi contro il nemico e roteando lo scudo o il suo stesso corpo ad altissima velocità. Può inoltre sparare dalla punta dello scudo con una mitraglietta nascosta.

Nell'anime non si sa quasi niente di lui, tranne che è un pazzo sanguinario amante della violenza. Attacca la "casa" di Vash insieme a Leonof the Puppet-Master e Gray the Ninelives ma viene sconfitto da Vash, che riesce ad aggirare il suo scudo. Nonostante sia sconfitto, pur di arrecare sofferenza a Vash decide di immolarsi, lanciando un attacco al reattore della nave spaziale ed esplodendo insieme ad esso.

Nel manga viene approfondita la sua personalità e viene rivelato che era uno storpio sopravvissuto per miracolo alla distruzione di July City ad opera di Vash, diventato Gung-Ho Guns per vendicare una donna cieco muta defunta a July di cui si prendeva cura ed di cui fosse presumibilmente innamorato. Odia infatti tremendamente Vash, tanto da essere l'unico Gan-Ho Guns a voler infrangere l'ordine di Knives di farlo soffrire senza ucciderlo. A differenza dell'anime, ha un legame di complicità col leader del gruppo, Midvalley the Hornfreak, col quale pianifica di eliminare Vash per poi abbandonare il gruppo di assassini. Nello scontro finale viene sconfitto da Vash e nonostante questi lo protegga dagli attacchi di Legato, che tenta di ucciderlo per il suo tradimento, viene ferito a morte da Zazie the Beast.

Zazie the Beast[modifica | modifica wikitesto]

Gung-Ho Gun numero: 12 nel manga, 4 nell'anime.

Compare sia nell'anime che nel manga ma le due versione sono nettamente differenti l'una dall'altra.

Nell'anime Zazie ha l'aspetto di un ragazzino e usa questa falsa identità per celare la sua natura di killer. Deve il suo nomignolo all'abilità di poter controllare i giganteschi Sand-Worm con un dispositivo ad alta frequenza posto sul suo orecchio. Quando la sua identità viene svelata, tenta di sparare a Vash, tenendo Miley ed alcuni bambini come ostaggi, ma viene fermato da Wolfwood che gli spara alla testa.

Nel manga invece Zazie è la coscienza collettiva di uno sciame di insetti, che controllano il corpo del ragazzino. Questi insetti sono gli abitanti originali del pianeta Gunsmoke. Viene ucciso e distrutto da Hoppered per non avere intralci nel suo scontro con Vash ma in seguito si scopre sopravvissuto e ritorna, impossessandosi del corpo di una ragazza. Col prosieguo della storia si scopre che Zazie si è unito a Knives col solo scopo di studiare i Plant. Quando Knives è in fase di "amalgama" con altri Plant da lui stesso chiamati, Zazie approfitta di un momento in cui lo stesso Knives è vulnerabile per potersi fondere coi Plant, cercando si iniettargli un veleno che annulli ogni loro volontà per poterli così controllare, ma verrà ucciso prima di riuscirci da Legato Bluesummers.

Midvalley the Hornfreak[modifica | modifica wikitesto]

Gung-Ho Gun numero: 11 nell'anime.

Midvalley è un elegante killer vestito con una completo scuro che uccide con delle potentissime onde sonore, che diffonde tramite il suo speciale saxofono. Nell'anime può trasformare il suo sassofono, per sparare con delle mitragliette poste al suo interno. Sembra essere il leader dei Gung-Ho Guns.

Nell'anime si vede apparire soltanto sporadicamente come braccio destro di Legato Bluesummers. Compare come ultimo Gung-Ho Guns a sfidare Vash; sebbene abbia inizialmente la meglio grazie alla sua formidabile arma e sfruttando degli ostaggi manipolati dal potere di Legato che Vash tenta di proteggere a tutti i costi, il Tifone Umanoide riesce infine a danneggiare il saxofono e Midvalley, ignaro di ciò, muore nell'esplosione della sua arma mentre tenta di utilizzarla per finire Vash.

Nel manga, invece, il suo passato e la sua personalità vengono maggiormente sviluppate e dimostra diverse volte di disapprovare il modo in cui i Gung-Ho Guns vengono sacrificati contro Vash. Mostra inoltre di voler lasciare a tutti i costi l'organizzazione, nella quale era entrato a forza dopo l'incontro con Knives. In origine Midvalley era a capo di trio di killer a pagamento mascherati da musicisti; capitato sul luogo della loro ultima strage, Knives ammirò che per colpire il loro bersaglio i tre avessero ucciso tutte le persone a lui vicine. Propose quindi loro di diventare suoi scagnozzi e quando i killer tentarono di uccidere anche lui, Knives li eliminò risparmiando solo Midvalley, che decise di sottostare alla sua richiesta, tramando in segreto per riottenere la libertà. Temendo Vash e serbando rancore nei confronti di Knives, Midvalley pianifica di mollare tutto insieme a Gauntlet al momento opportuno. Mentre sta affrontando Wolfwood, cercherà di uccidere Legato insieme a Hoppered, perdendo però la vita nel tentativo così come il compagno.

Elendira the Crimsonnail[modifica | modifica wikitesto]

Gung-Ho Gun numero: 13 nel manga (nell'anime non compare).

Elendira è l'ultimo e più forte Gung-Ho Gun a scendere in campo. Usa in combattimento dei chiodi giganti che spara da un'arma a forma di valigia a velocità supersonica. È un travestito dai lunghi capelli ed è anche l'unico membro del team a non avere la mezza moneta da dare a Vash. Alla sua prima apparizione Wolfwood la definisce "Lost Number Thirteen". È il membro più equilibrato e mentalmente capace dei letali Gung-Ho Guns, ma viene infine massacrata dopo un duro scontro da Livio-Razlo nel tremendo Double Duel (Livio the Double Fang-Razlo the Tri-Punisher of Death vs. Elendira the Crimsonnail / Vash the Stampede vs. Legato Bluesummers) di Octovan.

Livio the Double Fang[modifica | modifica wikitesto]

Gung-Ho Gun numero: sconosciuto (nell'anime non compare).

Livio è un carissimo amico d'infanzia di Wolfwood trasformato in assassino dalla stessa associazione che formò Nicholas, l'Occhio di San Michael. Deve il suo nome alle sue armi, due pistole a forma di croce chiamate appunto Double Fang. È il più letale killer dell'Eye of St. Michael: dotato di una resistenza e una forza fisica assolutamente impareggiabili e di una freddezza impressionante, possiede lo stesso fattore rigenerante di Nicholas, ma ancora più potente del suo. Possiede inoltre delle incredibili capacità analitiche, riuscendo a decifrare ogni sorta di informazione sul modo di combattere del suo avversario durante uno scontro. A causa di queste caratteristiche, fa parte dei combattenti più forti di Trigun insieme a Nicholas, Elendira, Legato Bluesummers e ovviamente i fratelli Vash e Knives. Dopo la morte di Wolfwood si redimerà e, ereditatane la croce Punisher accompagnerà Vash nella sua missione contro Knives.

Razlo the Tri-Punisher of Death[modifica | modifica wikitesto]

Gung-Ho Gun numero: sconosciuto (nell'anime non compare).

Razlo altro non è che la personalità alternativa, aggressiva e psicotica di Livio the Double Fang, venutasi a creare in seguito agli abusi e alle sofferenze subite da quest'ultimo nella sua infanzia. È dotato di un terzo braccio artificiale e impugna ben tre Punisher (l'arma a forma di croce che usa anche Wolfwood). È sempre accompagnato da tre servitori che custodiscono i Punisher mentre è attiva la personalità di Livio. Quando viene allo scoperto, prendendo il sopravvento su Livio, si dimostra essere il guerriero umano (esclusi quindi Vash e Knives) più letale al mondo. Nello scontro con Elendira, assieme a Livio, conferma questo dato: anche se inizialmente ha la peggio contro il più letale Gung-Ho Gun, riuscendo col tempo ad analizzare via via sempre più informazioni sul suo stile di combattimento, riesce infine ad uccidere con una mossa geniale il Gung-Ho Gun numero 13.

Caine the Longshot[modifica | modifica wikitesto]

Gung-Ho Gun numero: sconosciuto (nel manga non compare).

È un cecchino dalla mira eccellente con indosso una maschera metallica simile a un teschio e una benda sull'occhio sinistro; porta un poncho e un cappello simile a un sombrero. Ha un braccio artificiale, diverso da quello di Vash, ed è muto. Attacca le sue vittime usando un lunghissimo fucile da svariati chilometri di distanza. Per non farsi scoprire, è anche in grado di utilizzare tecniche di mimetismo per celare il suo corpo nell'ambiente circostante.

Sconfitto da Vash, che riesce a localizzare la sua posizione e raggirarlo, decide di suicidarsi sparandosi in testa con una pistola.

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Trigun Maximum, vol.2, p. 50.
  2. ^ Trigun Maximum, vol. 2, cap. 2
  3. ^ a b c Trigun Maximum, vol. 2, cap. 4
  4. ^ a b Trigun Maximum, vol. 3, cap. 3
  5. ^ Trigun Maximum, vol. 3, cap. 5

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Anime e manga Portale Anime e manga: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di anime e manga