Guglielmo Azzone Castelbarco

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Nota disambigua.svg Disambiguazione – Se stai cercando altro omonimo, vedi Guglielmo da Castelbarco.

Guglielmo Azzone Castelbarco (XIV secoloXIV secolo) è stato un condottiero italiano.

Stemma araldico della famiglia Castelbarco presso il transetto meridionale della cattedrale di Trento.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Da non confondersi con lo zio, il condottiero Guglielmo Castelbarco (...-1320), Guglielmo Azzone fu signore di Ala, Avio e Brentonico. Figlio di Federico Castelbarco, fratello di Guglielmo Castelbarco "il Grande", e di Beatrice Castelcorno, Guglielmo Azzone sposò a Mantova nel 1319 Tommasina Gonzaga (...-1319), figlia di Ludovico I Gonzaga, signore di Mantova.

Il matrimonio con Tommasina Gonzaga ben testimonia il prestigio del Castelbarco, fedele agli Scaligeri e gratificato di un matrimonio con la figlia di uno dei più importanti alleati italici della dinastia veronese. Guglielmo, il 16 agosto 1328 al comando di un gruppo di veronesi armati, partecipò a Mantova alla cacciata dei Bonacolsi.[1] Fedele alla causa imperiale, nel 1333 ospitò nel suo castello di Avio Carlo IV di Lussemburgo[2], futuro imperatore dal 1355.

L'arca funebre di Guglielmo Azzone Castelbarco, inizialmente collocata presso la cappella di Sant'Antonio abate del Castello di Avio, è oggi conservata presso la Chiesa del SS. Nome di Maria (Loppio), eretta vicino al locale Palazzo Castelbarco.

Discendenza[modifica | modifica wikitesto]

Guglielmo e Tommasina ebbero sei figli:[3]

  • Aldrighetto
  • Alberto
  • Giancarlo
  • Francesco Leone
  • Azzone
  • Franceschina

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Roberto Brunelli, I Gonzaga. Quattro secoli per una dinastia, Mantova, 2010..
  2. ^ Castello di Avio.
  3. ^ Treccani.it. Guglielmo di Castelbarco.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • R. Colbacchini, Il Trentino fra Trecento e Quattrocento, in Le vie del Gotico, Trento 2002.
  • A. Less, Gardumo Val di Gresta, Mori 1981.
  • Roberto Brunelli, I Gonzaga. Quattro secoli per una dinastia, Mantova, 2010.

Voci correlate[modifica | modifica wikitesto]