Grandmaster (videogioco)

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Grandmaster
videogioco
Grandmaster C64.png
Schermata sul Commodore 64
PiattaformaCommodore 16, Commodore 64, Commodore VIC-20
Data di pubblicazioneC64, VIC-20: 1982
C16: 1985
GenereScacchi
SviluppoFritz Schäfer per Kingsoft
PubblicazioneKingsoft, Audiogenic
Modalità di giocoGiocatore singolo
Periferiche di inputTastiera
SupportoCassetta, dischetto
Requisiti di sistemaVIC-20: cartuccia di espansione da 8K

Grandmaster, scritto anche Grand Master, è un videogioco di scacchi pubblicato nel 1982 per Commodore VIC-20 e Commodore 64 e nel 1985 per Commodore 16 dalla tedesca Kingsoft, autrice originale, e dalla britannica Audiogenic. Sulle copertine di alcune edizioni è chiamato Grandmaster Chess, ma non ha alcun legame con il Grandmaster Chess per DOS del 1993. Una riedizione del 1986 per Commodore 64 intitolata Grandmaster Chess include anche Renaissance, un videogioco di Othello del 1982[1]. Per Commodore 16 Grandmaster uscì anche all'interno della raccolta Plus-Paket 16 del 1986, insieme ad altri tre giochi della Kingsoft[2].

Modalità di gioco[modifica | modifica wikitesto]

Il gioco è soltanto per un giocatore contro il computer, impostabile a 10 livelli di difficoltà. L'abilità del computer è proporzionale al tempo medio di calcolo di una mossa, che a seconda del livello va da pochi secondi a due ore; un livello speciale, per usi particolari, può arrivare a giorni. Per le prime mosse il programma conosce anche una serie di aperture predefinite. C'è anche la possibilità di interrompere in ogni momento il calcolo, obbligando il computer a fare subito la miglior mossa che ha trovato finora.

La scacchiera viene visualizzata bidimensionale in bianco e nero monocromo, ma è possibile modificare a piacere i colori di sfondo, primo piano e bordo. Il controllo avviene solo tramite tastiera, digitando le coordinate standard delle caselle. A lato della scacchiera si trovano i cronometri per entrambi i giocatori e informazioni varie, tra cui la profondità dell'analisi raggiunta dal computer durante il suo turno (P1 significa che sta analizzando le proprie mosse possibili, P2 le possibili contromosse dell'avversario, e così via) e la miglior mossa che ha trovato finora.

Altre funzioni disponibili sono annullare l'ultima mossa, compresa l'eventuale risposta del computer, chiedere un suggerimento per la prossima mossa, e far giocare il computer contro sé stesso. Manca del tutto invece un editor di scacchiera per disporre i pezzi a piacere.

Competizioni[modifica | modifica wikitesto]

Alcune riviste fecero competere il motore scacchistico di Grandmaster con altri giochi di scacchi per home computer dell'epoca e pubblicarono articoli sui risultati.

La britannica Your 64 nel 1984 testò la versione Commodore 64 contro Microchess (1978), che venne sempre battuto anche impostandolo al livello più difficile contro il più facile di Grandmaster; contro Petchess (1981), che si difese meglio di Microchess, ma subì la stessa sorte; e contro Sensory Chess Challenger (una scacchiera elettronica della Fidelity Electronics), che riuscì a vincere soltanto a un livello di abilità che avesse un tempo di calcolo quadruplo dell'avversario[3].

La britannica Personal Computer Games nel 1984 fece competere la versione Commodore 64 contro Colossus Chess 2.0 (1984), che vinse sempre, ma la rivista giudicò comunque Grandmaster uno dei motori più forti rispetto a una decina di altri che testò su altri modelli di computer[4].

La tedesca Aktueller Software Markt nel 1986 fece competere la versione Commodore 16 contro Caissa 5 per Commodore 64, che venne battuto, nonostante la minore potenza del Commodore 16[5].

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Grandmaster Chess (Grandmaster & Renaissance), su c64tapes.org.
  2. ^ (DE) Interessantes für C-16-User (JPG), in Aktueller Software Markt, nº 5, Eschwege, Tronic Verlag, giugno 1986, p. 9, ISSN 0933-1867 (WC · ACNP).
  3. ^ Your 64 1, p. 67
  4. ^ (EN) The Great PCG Chess Championship (JPG), in Personal Computer Games, nº 7, Londra, VNU, giugno 1984, pp. 36-38, ISSN 0265-3486 (WC · ACNP).
  5. ^ (DE) Aufruf an alle Händler und Autoren! Das grosse Turnier das Schachprogramme (JPG), in Aktueller Software Markt, nº 6, Eschwege, Tronic Verlag, luglio 1986, pp. 68-70, ISSN 0933-1867 (WC · ACNP).

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Videogiochi Portale Videogiochi: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di videogiochi