Goatlord

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search
Goatlord
ArtistaDarkthrone
Tipo albumStudio
Pubblicazione24 ottobre 1996
Durata37:50
Dischi1
Tracce10
GenereBlack metal
Death metal
EtichettaMoonfog
Registrazione1990 - 1994[1]
FormatiMusicassetta
LP
CD
Darkthrone - cronologia
Album precedente
(1996)
Album successivo
(1999)

Goatlord è il settimo album del gruppo black metal norvegese Darkthrone, pubblicato il 24 ottobre 1996 da Moonfog Productions[2].

Il disco[modifica | modifica wikitesto]

Tutte le tracce dell'album furono registrate nel 1991 per un demo strumentale, tra Soulside Journey e A Blaze in the Northern Sky, ma vennero scartate quando il gruppo decise di spostarsi dal death al black metal. Le parti vocali vennero registrate solo nel 1994 da Fenriz[3]. Satyr, frontman dei Satyricon, eseguì le parti in scream all'inizio di Rex e Sadomasochistic Rites[3].

L'artwork è stato disegnato da Nocturno Culto, dalla Moonfog e dalla Union of the Lost Souls[3]. Il disco è stato ristampato più volte, nel 2002 dalla Moonfog come LP con l'aggiunta di nuove note di copertina scritte da Fenriz e nel 2006 negli Stati Uniti d'America da The End Records[2][4].

Tracce[modifica | modifica wikitesto]

  1. Rex – 3:48
  2. Pure Demoniac Blessing – 2:35
  3. (The) Grimness of Which Sheperds Mourn – 4:23
  4. Sadomasochistic Rites – 4:04
  5. As Desertshadows – 4:42
  6. In His Lovely Kingdom – 3:24
  7. Black Daimon – 3:50
  8. Toward(s) the Thornfields – 3:37
  9. (Birth of Evil) Virgin Sin – 3:25
  10. Green Cave Float – 4:02

Formazione[modifica | modifica wikitesto]

Altri musicisti[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ (EN) Goatlord, Allmusic.com. URL consultato il 17 dicembre 2010.
  2. ^ a b (EN) Darkthrone - Goatlord, Metal-archives.com. URL consultato il 17 dicembre 2010.
  3. ^ a b c (EN) Darkthrone - Goatlord (CD, Album), Discogs.com. URL consultato il 17 dicembre 2010.
  4. ^ (EN) Darkthrone - Goatlord (Vinyl, Album, LP), Discogs.com. URL consultato il 17 dicembre 2010.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]

Heavy metal Portale Heavy metal: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di Heavy metal