Giuseppe Zelioli

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Giuseppe Zelioli (Caravaggio, 13 marzo 1880Lecco, 18 ottobre 1949) è stato un compositore italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Apprese i primi rudimenti dal padre - Pietro Gaetano Zelioli (1844-1917), organista della Basilica e del Santuario di Caravaggio, discendente da una famiglia di musicisti, valido solista all'organo e apprezzato compositore, autore del melodramma Anna di Dovara, rappresentato a Milano, e di molte pagine polifoniche - diplomandosi successivamente in pianoforte, organo e composizione. A soli nove anni divenne organista di Casirate d'Adda, nella bassa Brianza. Il suo debutto pubblico fu a Caravaggio nel 1902 per le celebrazioni in onore di Michele Angelo Merisio, il Caravaggio, per il quale compose il Canto a Michelangelo per cori, soli e due pianoforti ch'egli stesso diresse eseguendo al pianoforte. Nel 1904 ottenne l'incarico di organista della Basilica di Lecco - partecipando con molti colleghi al Concorso per l'assegnazione dell'incarico, e vincendolo per acclamazione - città in cui passò il resto della propria esistenza. In tutto questo periodo la sua attività fu vasta ed intensa; organista, pianista, insegnante, compositore di partiture polifoniche sacre e profane e pezzi pianistici. Validissimo didatta, oltreché improvvisatore ispirato all'organo, continuò fedelmente la tradizione dei sommi organisti dell'Ottocento.

Opere[modifica | modifica wikitesto]

Tra le sue composizioni si ricordano:

  • Canto a Michelangelo per cori, soli e due pianoforti (1902)
  • 13 Messe
  • Mottetti
  • Canti Sacri
  • 7 Opere Sacre complete, tra cui Il Buon Pastore, I canti per la Passione di Cristo (1921; nel 1949 vi aggiunse il mottetto Tenebrae factae sunt a 4 voci), Gli amici di Gesù, La Resurrezione (1923) ispirata all'inno omonimo di Alessandro Manzoni, in occasione del cinquantenario della sua morte (talvolta ripresa ed eseguita anche in tempi odierni).
  • Quaderni e pezzi di concerto per pianoforte
  • Pezzi vocali profani
  • Trii
  • Quartetti.

Parte delle sue opere, alcune integre altre mutile, sono conservate in apposito fondo dell’Archivio musicale della Cappella Leonina e dei Pueri Cantores della Basilica di San Nicolò di Lecco.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]