Giuseppe Vita

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Giuseppe Vita (Favara, 28 aprile 1935) è un dirigente d'azienda italiano.

Fino al 2001 è stato Presidente del Consiglio di Gestione della società farmaceutica berlinese Schering AG, Presidente fino al 2006 del Consiglio di Sorveglianza della stessa e dal 2002 è Presidente del Consiglio di Sorveglianza della Axel Springer SE. Dal mese di maggio 2012 ad aprile 2018 è stato Presidente del Consiglio di Amministrazione di UniCredit S.p.A.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Origini e formazione[modifica | modifica wikitesto]

Giuseppe Vita è cresciuto in Sicilia in una famiglia di 7 fratelli e 7 sorelle. È sposato, ha due figli adulti, ha vissuto tra Berlino e la Svizzera e adesso vive a Milano.[1][2][3] Conseguita la maturità nel 1953, Vita studia medicina alle Università di Catania e di Roma. Dopo la laurea (summa cum laude) nel 1959, nel 1961 ottiene la specializzazione in radiologia. Nel 1962-1963 ottiene una borsa di studio all'Istituto di radiologia dell'Università Johannes Gutenberg di Magonza.

Profilo professionale[modifica | modifica wikitesto]

Nel 1964 inizia a lavorare per la Schering AG nella ricerca sui mezzi di contrasto per la radiologia e si trasferisce a Berlino Ovest. Già nel 1968 gli viene affidato l'incarico di riaprire il mercato italiano ai prodotti della Schering AG con la costituzione della Schering SpA a Milano, che fa crescere fino a farla diventare una florida impresa. Nel 1987 torna alla casa madre del gruppo, a Berlino, e viene nominato Membro del Consiglio di Gestione della Schering AG. Nel mese di giugno 1989 succede a Horst Witzel alla Presidenza del Consiglio di Gestione della società.

Alcune cariche ricoperte[modifica | modifica wikitesto]

In Germania, nell'estate 2001 Giuseppe Vita viene nominato Membro del Consiglio di Sorveglianza della società Axel Springer AG e il 1º luglio 2002 assume la carica di Presidente del Consiglio di Sorveglianza del gruppo editoriale. È inoltre consigliere della Fondazione Deutsche Nationalstiftung, istituita da Helmut Schmidt.

Dopo aver cessato l'attività operativa in seno alla Schering, nel 2001 Giuseppe Vita vi assume la carica di Presidente del Consiglio di Sorveglianza, che mantiene fino al 2006, occupandosi da ultimo della cessione a Bayer AG per 17 miliardi di Euro[4]. È stato anche Presidente del Consiglio di Sorveglianza della Hugo Boss AG (2000-2008[5]) e della Deutz AG (2006-2009[6]), nonché membro del Consiglio di Sorveglianza della Allianz Lebensversicherungs-AG, della Continental Ag, della Herlitz AG, della Gerling Versicherung di Colonia, della Evonik Degussa (ex Degussa AG) e della Vattenfall Europe AG (tra il 2002 e il 2008 e fin dal 1990 della Bewag (Berlino)[7][8].

In Italia è dal 2012 al 2018 è stato Presidente del Consiglio di Amministrazione di UniCredit S.p.A. ed è membro del comitato esecutivo dell'Aspen Institute Italia, è membro della Commissione Trilaterale.[9]. Sempre nel 2012 è eletto in seno al Consiglio di Amministrazione dell’Istituto per gli Studi di Politica Internazionale (ISPI). Fin dal 2002 è Presidente onorario di Deutsche Bank SpA Italia[7]. È stato Presidente del Consiglio di Amministrazione di Allianz S.p.A., del Gruppo Banca Leonardo e di Banca Leonardo in Svizzera, di Deutsche Bank Italia, e Consigliere di Amministrazione della Barilla S.p.A., della Humanitas S.p.A., della Pirelli S.p.A. Da febbraio 2009 a fine 2012 Vita è stato anche membro del Consiglio di Sorveglianza della Medical Park AG di Ernst Freiberger. Dal 2006 al 2007 è stato Presidente della Fondazione Robert-Koch-Stiftung[10] e ha fatto parte dal 2009 del Consiglio di Sorveglianza e poi del Consiglio della fondazione del Dussmann Group[11][12]. Fino al 2012 ha fatto parte dell'organo direttivo della Deutsche Gesellschaft für Auswärtige Politik[13]. Fino a maggio 2013 ha fatto parte del Consiglio di Amministrazione di RCS MediaGroup S.p.A., da gennaio 2016 è membro dell'European Financial Services Roundtable.

Onorificenze[modifica | modifica wikitesto]

Cavaliere del lavoro - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere del lavoro
«Laureato in Medicina nel 1959 e specializzato in Radiologia, dopo alcuni anni di ricerca e di insegnamento presso l'università di Mainz entrò nel 1965 nel Reparto Ricerche Cliniche della Schering AG di Berlino, come Responsabile della Sperimentazione dei mezzi di contrasto a livello mondiale. Amministratore Delegato e Direttore Generale della Schering S.p.A. Milano dal 1965 al 1989, ha dato un grosso impulso alle attività nel nostro paese di questa società, che conta 24.000 dipendenti nei principali paesi del mondo ed ha raggiunto nel 1989 un fatturato di circa 4.400 miliardi di lire. Membro dal 1987 del Comitato Esecutivo della Schering AG Berlino, Giuseppe Vita è stato nominato nel 1989 Presidente della multinazionale tedesca.»
— 1990[14]
Cavaliere dell'Ordine al Merito dello Stato Federale di Berlino - nastrino per uniforme ordinaria Cavaliere dell'Ordine al Merito dello Stato Federale di Berlino
— 1º ottobre 1994
Croce al merito al nastro dell'Ordine al Merito della Repubblica Federale Tedesca - nastrino per uniforme ordinaria Croce al merito al nastro dell'Ordine al Merito della Repubblica Federale Tedesca
— 1997
immagine del nastrino non ancora presente Membro della Hall of Fame in Germania
— 2003

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Giuseppe Vita wird 75 Jahre alt. URL consultato il 13 aprile 2013.
  2. ^ Giuseppe Vita: Ein Mann mit der Gabe, sich Freunde zu machen urlarchivio = tagesspiegel.de vom 9. Mai 2001. URL consultato il 16 aprile 2013.
  3. ^ Axel Springer Aktiengesellschaft / Bekanntmachung der Einberufung zur Hauptversammlung des Jahres 2013 am 24. April 2013, in degap.de. URL consultato il 16 aprile 2013.
  4. ^ Schering-Aktionäre besiegeln Übernahme durch Bayer, aerzteblatt.de, 14 settembre 2006. URL consultato il 13 aprile 2013 (archiviato dall'url originale il 4 marzo 2016).
  5. ^ Boss-Kontrolleur tritt Rückzug an, ftd.de 18. März 2008, in Archive.is. URL consultato il 29 aprile 2013 (archiviato dall'url originale il 29 aprile 2013).
  6. ^ Ausschüsse des Aufsichtsrats, geschaeftsbericht2009.deutz.com. URL consultato il 15 aprile 2013 (archiviato dall'url originale il 4 novembre 2013).
  7. ^ a b unicreditgroup.eu, Governance » Board of Directors » Members » Giuseppe Vita. URL consultato il 13 marzo 2013.
  8. ^ Jahresabschluss_Axel_Springer_AG_2008 (PDF). URL consultato il 13 aprile 2013 (archiviato dall'url originale il 3 novembre 2013).
  9. ^ THE TRILATERAL COMMISSION - Gruppo Italiano
  10. ^ 1 Begrüßung der Preisträger des Robert Koch Preises 2007 durch Vita.
  11. ^ Vita Dussmann (PDF). URL consultato il 15 aprile 2013) (archiviato dall'url originale il 14 agosto 2011).
  12. ^ Dussmann Group, Foundation manages the Dussmann Group vom 17. Januar 2009. URL consultato il 15 aprile 2013) (archiviato dall'url originale il 18 dicembre 2013).
  13. ^ Das Deutsche Who is Who, in edizione L2011/2012, p. 1212.
  14. ^ Dettaglio onorificenza sul sito del Quirinale, su quirinale.it. URL consultato il 24 agosto 2013.

Collegamenti esterni[modifica | modifica wikitesto]