Giuseppe Maria Foppa

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Giuseppe Maria Foppa (Venezia, 12 luglio 1760Venezia, 1 marzo 1845) è stato un librettista italiano, autore di oltre 80 libretti a cavallo tra la fine del Settecento e l'inizio dell'Ottocento. Fu attivo essenzialmente nella sua città natale, anche se compose opere anche per i teatri di Milano, Genova, Padova, Reggio Emilia, Pistoia, Bologna e Firenze[1].

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Autore di numerosi libretti d'opera (specialmente di genere farsesco), è ricordato soprattutto per i testi che furono poi musicati da Gioachino Rossini per i teatri veneziani: segnatamente, le tre farse L'inganno felice, La scala di seta, Il signor Bruschino e il dramma Sigismondo. Diverse furono le sue riduzioni di lavori di Carlo Goldoni (fra cui La bottega del caffè, musicata nel 1801 da Francesco Gardi, per il quale l'anno successivo scriverà il testo della farsa Il convitato di pietra, il medesimo tema tratto da Tirso de Molina e soggetto del Don Giovanni mozartiano).

Nel 1840 pubblicò a Venezia un volume di Memorie storiche, integrato nel 1842 da un'appendice.

Produzioni librettistica[modifica | modifica wikitesto]

Foppa scrisse i testi di numerose farse (genere al tempo molto in voga nei teatri veneziani ma non solo), fra cui Gli artigiani (per Pasquale Anfossi, 1795, data al Teatro alla Scala di Milano), L'intrigo della lettera (per Simone Mayr, 1797), Lo spazzacamino principe e Le donne cambiate (per Marcos António Portugal, andate in scena rispettivamente nel 1794 e nel 1797), Teresa e Claudio (per Giuseppe Farinelli, 1801), Un buco nella porta (per Francesco Gardi, 1804, Teatro San Benedetto di Venezia).

Nel genere serio scrisse, per la stagione di Carnevale del 1796 alla Scala, il libretto di Giulietta e Romeo, da William Shakespeare, musicato da Nicola Antonio Zingarelli.

Legato prettamente all'opera comica, cessò di scrivere libretti durante gli anni dieci dell'Ottocento, pur vivendo poi fino al 1845.

Per il teatro pubblicò scrisse diversi altri libretti, tra cui Romilda ovvero La fedeltà coniugale (dramma del 1799), Il suddito fedele (dramma, 1800), le farse giocose Un avvertimento ai gelosi, e L'amante anonimo (1804, per il Teatro Carcano), la traduzione dal tedesco della farsa da anonimo Il cavatore di tesori, la tragicommedia Don Gusmano e il dramma tragico Matilde ossia la donna selvaggia (del 1807).[2]

Suoi libretti furono musicati anche da Gaspare Spontini, Carlo Coccia (La verità nella bugia, Una fatale supposizione, Euristea), Stefano Pavesi e Sebastiano Nasolini.

Note[modifica | modifica wikitesto]

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

  • Stanley Sadie (a cura di), The new Grove dictionary of Music and Musicians, Londra, McMillan, 1980; 2ª ed. 2002 vol. IX, pp. 82–83
  • Stanley Sadie (a cura di), The New Grove Dictionary of Opera, Londra, McMillan, 1992, vol. II, pp. 254–256
  • Carlo Schmidl, Dizionario universale dei musicisti, Supplemento, Sonzogno, Milano 1938
  • Marcello de Angelis (repertorio a cura di), Melodramma spettacolo e musica nella Firenze dei Lorena. Francesco Pietro Leopoldo Ferdinando III (1750-1800), Giunta Regionale Toscana & Editrice Bibliografica, Milano 1991, pp. 817–852
  • Pierluigi Petrobelli, Sergio Durante, Storia della musica al Santo di Padova, Neri Pozza, 1990, pp. 383–390
  • Lamberto Trezzini, Due secoli di vita musicale - Storia del teatro comunale di Bologna, Nuova Alfa Editoriale, 1987, pp. 296–362
  • Paolo Fabbri e Roberto Verti, Due secoli di teatro per musica a Reggio Emilia - Repertorio cronologico delle opere e dei balli (1645-1857), Reggio Emilia, Edizioni del Teatro Municipale Valli, 1987, pp. 357–360
  • Son Luis Carmena y Millan, Don Francisco Asenjo Barbieri, Cronica de la opera italiana en Madrid desde el ano 1738 hasta nuetros dias, Imprenta de Manuel Minuesa de los Rios, Madrid 1878, pp. 411–412
  • Marco Marica, La produzione librettistica di Giuseppe Maria Foppa a Venezia tra la fine della Repubblica e la Restaurazione, in L'aere è fosco, il ciel s'imbruna: arti e musica a Venezia dalla fine della Repubblica al Congresso di Vienna, atti del Convegno internazionale di studi, Venezia, Palazzo Giustinian Lolin, 10-12 aprile 1997, a cura di Franco Rossi, Francesco Passadore, Fondazione Levi, Venezia 2000, pp. 351–410

Altri progetti[modifica | modifica wikitesto]

Controllo di autorità VIAF: (EN12318065 · LCCN: (ENn84017023 · SBN: IT\ICCU\MILV\234411 · ISNI: (EN0000 0001 0870 123X · GND: (DE104044802 · BNF: (FRcb11998006q (data)