Giuseppe Ambrosini

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.

Giuseppe Ambrosini (Bologna, 13 novembre 1886Cesena, 24 giugno 1980) è stato un giornalista sportivo italiano, fondatore del Guerin Sportivo e testimonial dei grandi avvenimenti sportivi fin dagli anni dieci, in particolar modo di ciclismo.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Direttore di corsa in moltissime gare tra le più importanti. Tra i fondatori del Guerin Sportivo, dal 1950 direttore della Gazzetta dello sport e quindi direttore del Giro d'Italia. Era laureato in legge e avvocato. A fine carriera si è dedicato alla stesura di libri sul ciclismo, in particolare sulla tecnica della bicicletta e sulla metodologia dell'allenamento, è autore della fondamentale monografia "Prendi la bicicletta e vai! Manuale dell'istruttore e del corridore ciclista".

Predecessore Direttore de La Gazzetta dello Sport Successore
Emilio De Martino 9 gennaio 1950 - 18 giugno 1961 Gualtiero Zanetti

Nel 1948 in occasione del 50º anniversario della F.I.G.C. fu insignito del titolo di pioniere del calcio italiano.[1]

Arbitro[modifica | modifica wikitesto]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ Bollettino ufficiale della FIGC, comunicato ufficiale n. 45 del 18 febbraio 1949. Con comunicato n. 46, al Palazzo Tursi di Genova il 27 febbraio 1949 furono consegnati i distintivi d'onore alle persone che avevano dato un contributo rilevante allo sviluppo del gioco del calcio in Italia nel periodo 1898-1914 (comprese le persone già decedute): 7 presidenti; 12 del Piemonte; 15 della Lombardia; 5 del Veneto; 6 della Liguria; 2 dell'Emilia, 4 della Toscana; 5 del Lazio; 2 della Campania; 2 delle Puglie; 1 della Sicilia.

Bibliografia[modifica | modifica wikitesto]

Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie