Gualtiero Zanetti

Da Wikipedia, l'enciclopedia libera.
Jump to navigation Jump to search

Gualtiero Zanetti (Bologna, 15 febbraio 1922Milano, 8 gennaio 1987) è stato un giornalista italiano.

Biografia[modifica | modifica wikitesto]

Laureato in economia e commercio, nel 1947 entrò alla Gazzetta dello Sport come corrispondente. Iniziò una carriera che gli consentì di arrivare alla vetta della gestione del quotidiano. Dal 10 aprile 1960 affiancò Giuseppe Ambrosini come condirettore della "rosea". Il 19 giugno 1961 assunse la carica di direttore responsabile, mantenendola fino al 1973.
Collaborò con l'Intrepido e la Domenica Sportiva.

Con Gianni Brera negli anni settanta fu esponente della cosiddetta "scuola lombarda" o "blocco nordico", che nel giornalismo sportivo propugnava un calcio di matrice difensivista, in opposizione al gruppo del centro-sud, i cui leader, Antonio Ghirelli e Gino Palumbo, sostenevano un gioco più votato all'attacco.[1]

Note[modifica | modifica wikitesto]

  1. ^ "Rissa da stadio in redazione", in «L'Europeo», numero 46 del 1970.
Biografie Portale Biografie: accedi alle voci di Wikipedia che trattano di biografie